Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 28 apr 2010
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Socio-economico

Che tesoro questi nonni!

Nonostante siano fuori dal ciclo produttivo, pensionati e anziani continuano a produrre ricchezza per il Paese. Sono quasi 7 milioni i nonni italiani, dei quali 5.948.000 si prendono cura dei loro nipoti, con un impegno di tempo quantificabile da 103 a 194 milioni di ore ogni quattro settimane. È quanto emerge dalla ricerca 'Il capitale sociale degli anziani. Stime sul valore dell'attività non retribuita', commissionata all'Istituto ricerche economiche e sociali (Ires) dal Sindacato Pensionati Italiani (Spi-Cgil).

Il 64 per cento della popolazione minorile italiana vive parte della propria infanzia con i nonni, i quali svolgono un ruolo sociale che non trova uguali in Europa. E il valore del 'lavoro dei nonni', non si limita a quello diretto dell'attività, poiché tale contributo è a sua volta generatore di economie esterne, specie a favore delle donne.

Quest'attività di aiuto, insieme all'impegno in associazioni di volontariato, ammonta in termini economico-monetari assoluti a circa 18,3 miliardi di euro annui, pari al 1,2 per cento del Pil. Gli over 54 impegnati nell'aiuto volontario sono 4.701.000, su circa 13 milioni di italiani interessati a queste attività, e garantiscono oltre 150 milioni di ore lavorative, che rappresentano il 50 per cento dell'intero 'monteore' del volontariato.