Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 9 - 28 mag 2014
ISSN 2037-4801

Focus - Consigli per l'ambiente  

Socio-economico

Lavorare salva... il Pianeta

L’impegno per l’ambiente può anche trasformarsi in opportunità lavorativa: nelle nuove frontiere del settore, nell’ultimo decennio, si è registrato un incremento dell’occupazione pari al 20%. In Italia, secondo l’ultimo rapporto di Unioncamere e Fondazione Symbola i lavoratori verdi nel nostro Paese sono tre milioni (il 13,3% dell’occupazione totale); 328 mila aziende (il 22%) nell’industria e nei servizi che dal 2008 a oggi “hanno investito, o lo faranno quest’anno, in tecnologie green”.

Un esempio fra tanti è quello dell’imprenditore Nicolas Meletiou, che ricicla scarpe da ginnastica, ricavandone un materiale con cui ha pavimentato alcuni parchi giochi di Milano e Firenze. Un team di architetti ha invece realizzato un progetto per rigenerare il Corviale, edificio lungo un kilometro che sorge nella periferia ovest romana, nella filosofia del 'recupero’ edilizio che si contrappone a quella dell’edificazione selvaggia.

“Quella che può sembrare una moda passeggera è in realtà una trasformazione profonda, destinata a durare a lungo, perché l’ecologia è la nuova frontiera dell’economia ”, commenta Sveva Avveduto, direttore dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cnr. “Il riciclo, per esempio, non è un’invenzione culturale ma la base della vita: l’uomo partecipa a questo processo in maniera creativa e molte aziende vi investono perché vi colgono una possibilità di guadagno. Certo, l’intervento pubblico resta ancora fondamentale: gli Stati di tutto il mondo occidentale, per fortuna, promuovono sgravi fiscali e finanziamenti per chi attua comportamenti sostenibili, per esempio installando pannelli solari nella propria abitazione, scegliendo infissi che riducono le dispersioni termiche, usando l’energia elettrica di notte invece che di giorno”.

Una recente ricerca dell’Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori (Isfol) ha individuato 38 nuove figure professionali legate alla tutela dell’ambiente. C’è il 'mobility manager’, più di 300 dipendenti della pubblica amministrazione che devono ottimizzare il trasporto dei dipendenti per ridurre sia l’impatto ambientale sia i costi. E ancora, maestri del riciclo, eco-chef, ingeneri di auto ibride, promotori di sviluppo del turismo sostenibile, esperti di progettazione di sistemi di energie rinnovabili fino agli stilisti green.

Valentina Bauccio

Fonte: Sveva Avveduto, Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali, Roma, tel. 06/492724300 , email sveva.avveduto@cnr.it -