Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 12 feb 2014
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Cultura

Dialogo tra Italia e Turchia

Il 29 gennaio scorso, in occasione della visita ufficiale in Italia del presidente della Repubblica di Turchia, Abdullah Gul, il think tank 'Il nodo di Gordio’ e il Centro studi 'Vox populi’ hanno organizzato il convegno 'Tutte le strade portano a Roma, tutte le strade partono da Instanbul’, presso la facoltà di Giurisprudenza della 'Sapienza’. L’ateneo romano ha collaborato all’iniziativa insieme con l’ambasciata della Repubblica di Turchia a Roma.

Nel dare il benvenuto, Giorgio Spangher, preside della facoltà ospite, ha evidenziato il ruolo chiave della Turchia, cerniera tra Oriente e Occidente. Ai saluti dell’addetto culturale dell’ambasciata turca, Enis Ugur, è seguita la tavola rotonda sulle due sponde del Bosforo, moderata da Pierangelo Catalano, docente di Diritto romano.

Sono intervenuti poi alcuni esperti di relazioni internazionali. Fabio Grassi, della Sapienza, ha ricordato come, negli anni ’20, la giovane repubblica di Turchia si ispirò al pensiero giuridico occidentale, importando proprio dall’Italia il codice Zanardelli. Daniele Lazzeri, direttore della rivista di geopolitica 'Il nodo di Gordio’, ha parlato dei valori culturali da usare come 'ponte tra civiltà', ricordando il progetto 'Oltre Lepanto’ che, con convegni internazionali, mostre e concerti, ha ricordato la storica battaglia tra cristiani e musulmani.

Ermanno Visintainer, presidente di 'Vox populi’, raccontando il suo primo incontro con Iskender Pala, a cui si deve la frase che ha dato il titolo alla manifestazione, ha espresso l’augurio che le sue opere si diffondano nel nostro Paese. La conclusione è stata affidata a un colloquio tra il turco e lo scrittore italiano Pietrangelo Buttafuoco. “Quella strada che partiva da Instanbul univa i popoli e racconta la storia dell’uomo che vuole raggiungere l’altro”, ha detto Pala. “Incontrando la Turchia ho incontrato me stesso”, ha dichiarato il romanziere e giornalista siciliano.

Isabella Cioffi