Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 15 - 30 ott 2013
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Ambiente

La montagna premia

Si è concluso lo scorso 26 ottobre, alla presenza di un pubblico di appassionati, 'Terre Alte… emozioni dal mondo’, il Festival internazionale del cinema di montagna, che ha preso il via il 19 ottobre, a Milano,organizzato dall’associazione Montagna Italia in collaborazione con la Sezione di Milano del Club alpino italiano (Cai) e il Touring club italiano. La serata finale è stata aperta dal gruppo musicale dei Barabàn, esibitosi con il concerto 'Alpmusic suoni, musiche e visioni dalle Alpi’.

A seguire, le premiazioni del concorso cinematografico e fotografico. Per quest’ultimo hanno avuto una menzione speciale gli scatti 'Acqua’ di Giorgio De Negri, che ritrae uno zampillo d’acqua e sullo sfondo la Marmolada, e 'Ice&Rocks Sawyìer Glacier, Alaske’ di Sabrina Mellace con il Sawyìer Glacier, ghiacciaio incastonato nella montagna rocciosa, che si riflette nel fiordo Tracy Arm in Alaska. Foto vincitrice 'Alba sulle tre cime di Lavaredo’ di Aurora Picco in cui gli uccelli sembrano dipinti nel cielo limpido che fa da fondale alle Tre cime di Lavaredo.

La giuria del concorso cinematografico ha menzionato 'Tyndyk di Franz Waletr, film coinvolgente che racconta l’amore per la montagna e per il viaggio attraverso lo sguardo di un bambino. Il premio 'Turing club italiano’ è andato a 'Supramonte’ di Davide Melis, documentario italiano che valorizza un angolo remoto nel cuore della Sardegna; il riconoscimento del Cai Milano è stato conquistato da 'Memorial Giorgio Gualco’ di Hervè Bramasse, che racconta l’apertura di tre nuove vie sulle Alpi - sul Monte Bianco, sul Monte Rosa e sul Cervino – a opera dell’alpinista valdostano. Opera vincitrice, 'Next stop: Greenland’ di Lara Izagirre, che fa scoprire l’affascinante mondo naturale della Groenlandia.

In occasione del 150° anniversario del Cai, è stato proiettato inoltre il film storico 'G-IV Montagna di luce’ di Renato Cepparo, del 1961, dedicato al Gasherbrum IV 18° montagna più alta della terra con i suoi 7.925 metri. Per celebrare il Festival, presso il cine teatro Arca di Milano si è svolto 'Il meglio di Terre Alte’, che ha proposto i film vincitori.

Rita Bugliosi