Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 27 mar 2013
ISSN 2037-4801

Focus - Pasqua  

Agroalimentare

La colazione non è un'eccezione

I festeggiamenti della Pasqua, soprattutto nel centro Italia, cominciano già dalla prima mattina con una ricca colazione. Le portate sono ricche, comprendono uova, torte salate, salame, succhi di frutta, uova di cioccolata e colombe, e hanno una  valenza simbolica di abbondanza e rinascita. L'eccezionalità di questa consuetudine spicca ancora di più se confrontata  con la colazione consumata  quotidianamente, nei giorni feriali, un primo pasto tipico dei paesi mediterranei e costituito da pochi ingredienti accompagnati da caffè, latte o cappuccino. Soprattutto in Italia e in Spagna, molti la mattina mangiano al bar, con caffè o cappuccino e cornetto.

"La colazione al bar è gradevole e riveste anche un ruolo importante come momento di socializzazione e relax. Tuttavia un siffatto pasto apporta oltre 300-350 calorie, per cui a pranzo dovremmo mangiare di meno: un primo o un secondo con un frutto" spiega Roberto Volpe del  Servizio di prevenzione e protezione (Spp) del Cnr.

È però importante non saltare la colazione in quanto l'organismo, che proviene da otto ore di digiuno, necessita di energia per affrontare la giornata. Nei paesi del Nord Europa se ne riconosce il giusto rilievo, anche se si tende a esagerare: accanto ai dolci appaiono cibi salati come salsicce, formaggi, pane tostato, burro, aringhe, uova fritte. "Questa abitudine nasce dal fatto che i paesi nordici, prima di noi, hanno adottato ritmi di lavoro con una  pausa pranzo ridotta, in cui si mangia poco e velocemente, per poi compensare, erroneamente,  con una cena abbondante", prosegue il ricercatore. "Una colazione bilanciata, invece, deve fornire il 20% delle calorie totali della giornata, e comprendere latte, caffè, frutta fresca, yogurt naturali, cereali, fette biscottate con marmellata o dolci fatti in casa".

Un corretto comportamento alimentare va tenuto soprattutto in famiglia, dove i bambini imparano dai genitori. "Insegnare ai piccoli l'importanza di una sana colazione sarà la base per un'alimentazione corretta anche nell'età adulta, premessa per contrastare, insieme con la pratica sportiva, l'obesità infantile che sta caratterizzando i nostri bimbi", conclude Volpe.

Marina Landolfi

Fonte: Roberto Volpe, Servizio prevenzione e protezione del Cnr, tel. 06/49937630 , email roberto.volpe@cnr.it -