Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 18 - 21 nov 2012
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Cultura

Per una 'rivoluzione' culturale italiana

"La cultura è di tutti e rappresenta il tesoro più prezioso del nostro Paese". Con queste parole Giuliano Amato, in qualità di presidente dell'enciclopedia Treccani, ha inaugurato la giornata degli 'Stati generali della cultura', svoltasi lo scorso 15 novembre, ricordando inoltre che: "Il patrimonio culturale italiano è legato tanto alla tradizione storico-artistica, quanto, nondimeno, a quella scientifico-tecnologica". L'evento si è ispirato al 'Manifesto della cultura' lanciato dal 'Sole 24 Ore' col proposito di mettere a punto una 'costituente della cultura'.

La giornata ha visto la partecipazione, oltre che del presidente della Repubblica, di politici, ministri ed esponenti di diversi settori. Gli interventi della mattina hanno riguardato principalmente i punti salienti del 'Manifesto' mentre il filmato di Vincenzo Cerami 'Appunti per un film sulla rinascita italiana' ha fatto da filo conduttore. Tra i relatori, il direttore del quotidiano Roberto Napoletano, i ministri Fabrizio Barca della Coesione territoriale, Lorenzo Ornaghi dei Beni culturali e Francesco Profumo dell'Istruzione, università e ricerca. Quest'ultimo ha messo in evidenza quanto sia fortemente richiesta, anche dai membri del governo, l'approvazione di finanziamenti e incentivi per la ricerca e lo sviluppo.

Tra i partecipanti, anche l'archeologo Andrea Carandini, che ha ricordato a Profumo come la spesa pubblica per la ricerca in Italia corrisponda solo allo 0,22% del bilancio e sia destinata a dimezzarsi nell'arco del prossimo biennio.

Lamberto Maffei, presidente dell'Accademia nazionale dei Lincei, Carlo M. Ossola, il presidente Fai, Ilaria Buitoni, e Ilaria Capua (nella foto) dell'Istituto zooprofilattico sperimentale, hanno lanciato un appello all'esecutivo, invocando un alleggerimento burocratico, una maggiore tutela e regolamentazione dei lavoratori impegnati nel comparto e la ricostruzione di una trama sociale "sensibile a una cultura della ricerca scientifica".

Il Capo di Stato, Giorgio Napolitano, ha lodato l'operato del governo ma ha anche richiamato le parti sociali ad uno sforzo comune nel rispetto dell'articolo 9 della Costituzione, che riguarda la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e paesaggistico, nonché la salvaguardia della ricerca scientifica.

L'intervento-intervista di Corrado Passera, ministro dello Sviluppo economico e delle infrastrutture e trasporti, ha concluso i lavori.

Emiliano Borello