Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 17 - 6 nov 2012
ISSN 2037-4801

Focus - Il 'Ruggito del coniglio'  

Cultura

Come mai si vede la Luna di giorno?

Precisiamo subito che la presenza contemporanea in cielo di Luna e Sole, di giorno, non è un'eccezione. È anzi vero il contrario: la Luna è assente solo quando è piena, in tal caso sorge al tramonto del Sole e cala all'alba del giorno dopo.

Perché non la vediamo sempre, allora? Per lo stesso motivo per cui non vediamo quasi mai altri satelliti artificiali, naturali, pianeti e stelle. Di giorno, solitamente, il Sole fa brillare le nubi e l'aria, le cui molecole esaltano la componente 'azzurra' della luce solare, che per intensità sovrasta quella riflessa dagli altri corpi celesti. Alcune volte però, a seconda degli angoli di incidenza e di diffusione dei raggi solari verso l'osservatore, la luce ri-diretta dalla Luna verso la Terra non viene 'sconfitta', permettendo al nostro satellite di essere visibile.

Le diverse zone del cielo possono insomma risultare più o meno luminose e lasciare apparire altri oggetti oppure oscurarli. Sono la presenza stessa dell'atmosfera e la sua luminosità, diffusa principalmente dalle molecole di azoto e ossigeno, che impediscono la visibilità degli altri corpi celesti.

A.G.

Fonte: Marco Cervino, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Bologna, tel. 051/6399579 , email marco.cervino@isac.cnr.it -