Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 28 mar 2012
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Ambiente

Roma diventa sostenibile

La sostenibilità può andare di pari passo con la competitività e la crescita. È quanto afferma il 'Manifesto per la sostenibilità ambientale', redatto dall'assessorato all'Ambiente di Roma Capitale e presentato all'Aranciera di San Sisto alla presenza del sindaco Gianni Alemanno e del ministro dell'Ambiente Corrado Clini. Il documento ha ricevuto l'adesione di oltre 40 aziende che cercheranno di mettere in atto misure come la sperimentazione di veicoli elettrici, ibridi e a metano, l'incentivazione dell'uso di biciclette, la piantumazione di alberi, l'introduzione di colonnine di ricarica e l'adozione di sistemi innovativi per la produzione.

Il processo per 'Roma sostenibile' è stato avviato con la redazione di un 'Piano d'azione per l'energia sostenibile' che descrive i principali settori di intervento e le azioni utili a ridurre del 20% le emissioni di CO2 entro il 2020. Tra gli altri, il documento indica l'incentivazione delle energie rinnovabili, l'incremento dell'efficienza energetica degli edifici, la realizzazione di smart grid e la promozione di una mobilità sostenibile urbana.

Un Osservatorio ambientale istituito col supporto del ministero dell'Ambiente, cui si affianca un comitato tecnico-scientifico, avrà il compito di indirizzare le scelte dell'amministrazione e sollecitare una maggior consapevolezza dell'opinione pubblica. Il Manifesto è corredato da un'analisi scientifica che, partendo dalla comparazione dei veicoli elettrici e a metano rispetto a quelli tradizionali, evidenzia i grandi benefici dei primi in termini di riduzione delle emissioni di anidride carbonica e di PM10. "Dagli studi", vi è scritto, "risulta che i mezzi elettrici, se alimentati da energia rinnovabile, hanno un'emissione di CO2 pari a zero, mentre, se l'alimentazione deriva da fonti energetiche tradizionali, le emissioni sono in ogni caso ridotte del 50%. I veicoli a metano, invece, emettono il 23% di anidride carbonica in meno rispetto agli equivalenti alimentati a benzina".

Federico Catani