Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 15 feb 2012
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Cultura

In classe, sotto esame anche i presidi

Anche quest'anno il ministero dell'Istruzione, università e ricerca (Miur) ha dato il via alla valutazione delle scuole, ma con una novità: a essere sottoposti alla procedura non saranno i professori, ma i presidi.

 'VALeS-Valutazione e sviluppo scuola' coinvolgerà fino a un massimo di 300 istituti del primo e secondo ciclo, su tutto il territorio nazionale, per tre anni. Il progetto sperimentale ha come obiettivo l'individuazione di un modello "che prefiguri una valutazione organica di sistema, sulla base delle caratteristiche del Sistema nazionale di valutazione".

La sperimentazione seguirà tre passaggi chiave: l'analisi valutativa, il miglioramento e la valutazione finale. Rispetto al progetto 'Vsq-Valutazione per lo sviluppo della qualità delle scuole' dello scorso anno, non sono previsti premi per le scuole che raggiungano i risultati migliori, ma finanziamenti per tutti gli istituti partecipanti, sulla base degli obiettivi da raggiungere. Alle scuole più in difficoltà sarà dunque garantito un maggiore supporto per sostenere il piano di miglioramento. Anche l'Ocse, a partire da quest'anno, collaborerà con il Ministero in tutte le fasi del progetto, per assicurare l'allineamento dell'esperienza italiana con il panorama internazionale.

Un elemento di rilievo nell'esame sarà il dirigente scolastico, la cui azione risulterà fondamentale nel promuovere gli obiettivi di miglioramento del servizio, stimolando la collaborazione di tutta la comunità scolastica. Per lui si farà riferimento a indicatori "individuati all'interno delle seguenti macro-aree: direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane, organizzazione e gestione delle risorse finanziarie e strumentali; promozione della qualità dei processi interni alla comunità professionale; sviluppo delle innovazioni; attenzione alle famiglie e alla comunità sociale; collaborazione con i soggetti istituzionali, culturali, professionali, sociali ed economici del territorio".

Le scuole, per partecipare alla sperimentazione, potranno compilare fino al 12 marzo il modulo di adesione che troveranno sul sito www.istruzione.it nell'area 'Istruzione'. Per consentire una più ampia diffusione sul territorio nazionale delle iniziative legate alla cultura della valutazione, gli istituti scolastici che già partecipano al percorso sperimentale 'Vsq', avviato nell'anno scolastico 2010-11, non potranno partecipare al 'VALeS'.