Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 15 - 28 set 2011
ISSN 2037-4801

Focus - Salute hi tech  

Informatica

La cartella clinica è on line

Il Fascicolo sanitario elettronico (Fse), un archivio virtuale di documenti clinici che permette interventi rapidi e risparmio di risorse, è uno strumento ormai essenziale per migliorare l'efficienza dei servizi pubblici. Il Fascicolo elettronico rende disponibili agli operatori sanitari la storia clinica del singolo paziente e tutte le informazioni sanitarie in modo rapido e funzionale: dai dati anagrafici a quelli amministrativi, dai documenti socio-sanitari al profilo sanitario sintetico, fino a un taccuino personale e alla dichiarazione di volontà alla donazione di organi.

I vantaggi legati al sistema non riguardano tanto i processi di archiviazione e gestione dei dati, per i quali cambiano gli strumenti adoperati, quanto i benefici derivanti dall'accessibilità in tempo reale a informazioni lontane nel tempo e nello spazio. Se nessuno dubita dell'utilità di tale digitalizzazione, questo metodo suscita però qualche perplessità riguardo alla tutela della privacy. Al riguardo, l'Istituto calcolo e reti ad alte prestazioni (Icar) del Cnr e il Dipartimento per la digitalizzazione e l'innovazione tecnologica lavorano insieme per realizzare linee guida che garantiscano conformità alle direttive del Garante.

Oltre a occuparsi della tutela dei dati immessi in rete, l'Istituto del Cnr è impegnato anche sul tema dell'interoperabilità. Attualmente, infatti, la maggior parte delle regioni italiane ha avviato iniziative disomogenee sul Fse, occorre quindi che venga adottato un modello unico di infrastruttura federata, condivisa a livello nazionale.

"Laddove si è partiti circa dieci anni fa, come in Lombardia, Emilia Romagna e Sardegna, lo sviluppo delle infrastrutture tecnologiche è in fase molto avanzata di realizzazione. Altre regioni, invece, hanno avviato le proprie realizzazioni negli ultimi anni, trovandosi ancora in una fase infrastrutturale preliminare", spiega Giuseppe De Pietro, responsabile dell'Icar-Cnr. "In quest'ottica, il ministero per la Pubblica amministrazione e innovazione e il Consiglio nazionale delle ricerche hanno stretto un accordo di collaborazione per la progettazione di un modello di infrastruttura nazionale (InFse), in grado di prospettare una soluzione architetturale per l'accessibilità delle informazioni contenute nel fascicolo e, nel contempo, capace di integrare in modo organico ed efficiente le soluzioni già realizzate (o in via di realizzazione) dalle singole regioni italiane".

Federica Pennone

Fonte: Giuseppe De Pietro, Istituto di calcolo e reti ad alte prestazioni, Napoli, tel. 081/6139518 , email giuseppe.depietro@na.icar.cnr.it -