Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 16 - 9 set 2020
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Marina Landolfi

Università ed Enti

Inail, meno infortuni e più malattie professionali

Presentata a Roma, a Palazzo Montecitorio, alla presenza del presidente della Camera Roberto Fico, la “Relazione annuale 2019” dell'Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro (Inail)  sull'andamento di infortuni e malattie professionali, con i dati raggiunti nei settori della ricerca, prevenzione, riabilitazione e degli investimenti. Sono 644.893 gli infortuni denunciati, cifra stabile rispetto al 2018 (-0,09%): quelli sul lavoro sono 405.538, di cui il 18,6% avvenuti fuori dell'azienda “con mezzo di trasporto” e “in itinere”, nel percorso casa-luogo di lavoro. I decessi sul lavoro sono 628, il 17,2% in meno rispetto all'anno precedente. Dal Rapporto emerge l'estensione dell'assicurazione ai rider, maggiori tutele per gli infortuni domestici e riduzione dei premi contro gli infortuni sul lavoro. Le malattie professionali sono in aumento: 61.201 denunce, +2,9% rispetto al 2018, con in testa il settore dell'industria. Le denunce calano al Nord e al Sud e aumentano nelle isole; a morire per lavoro sono soprattutto gli uomini.

Vai al sito