Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 7 - 22 lug 2015
ISSN 2037-4801

Appuntamenti a cura di Sandra Fiore

Dal culto alla salvaguardia

Dal culto alla salvaguardia

Mostre   dal: al: 11/10/2015

Il Colosseo ospita nei suoi maestosi fornici una grande mostra dedicata ai culti della Terra, dalla preistoria all’età imperiale. 'Terrantica. Volti, miti e immagini della terra nel mondo antico’, che resta aperta fino all’11 ottobre, propone una riflessione tra umano e divino, raccontata attraverso 75 opere tra antichi reperti (statue, vasi, rilievi) e fotografie contemporanee che evocano, insieme alla sua lunga storia, paesaggi naturali che parlano dell’antichità, della sacralità e della magia della Terra.

Ad aprire la rassegna è una densa selezione di figurine in terracotta, marmo bianco, calcare, serpentino tra cui spiccano le cosiddette Venere del Trasimeno e Marmotta dalle forme arrotondate, risalenti rispettivamente al paleolitico superiore e al neolitico antico, eccezionali prestiti dal Museo Pigorini di Roma. Altrettanto affascinanti i geometrici profili delle statuette femminili della collezione Goulandris, dal Museo dell’Arte Cicladica di Atene, e quelle dal Museo Archeologico Nazionale di Cagliari: tutte databili tra il 3200 e il 2300 a.C. Si passa poi alla genealogia degli dèi Greci.

Proviene dall’Antikensammlungen di Monaco di Baviera il vaso attico a figure rosse firmato dal pittore Hermonax, in cui è raffigurata Atena che riceve Eretteo da Gaia. Il manufatto è un capolavoro datato 470 a.C. e si riferisce nel tema alla Teogonia di Esiodo che, nel VII sec. a.C., ha raccontato la storia delle generazioni divine. Si scende poi nel sottosuolo, rappresentato dal rilievo marmoreo proveniente dai Musei Capitolini dove si legge l’immagine di Ade, o dal lekythos dal delicato disegno su fondo bianco con l’immagine di Hermes, dall’Antikensammlungen di Monaco di Baviera.

Un’ampia sezione della rassegna ricorda la fondazione delle città, come testimonia il rilievo in marmo, proveniente dal Museo archeologico nazionale di Aquileia, in cui è raffigurato proprio l’atto di tracciare il solco per perimetrare l’area. La mostra comprende anche una serie di grandi immagini fotografiche di paesaggi naturali in bianco e nero e a colori di importanti autori italiani contemporanei, quali Marina Ballo Charmet, Gabriele Basilico, Nunzio Battaglia, Antonio Biasiucci, Luca Campigotto, Carlo Garzia, Mimmo Jodice.

Informazioni:

Che cosa: mostra ‘Terrantica. Volti, miti e immagini della terra nel mondo antico’

Quando: fino all’11 ottobre 2015

Dove: Colosseo, Roma

Info: tel. 06/39967700