Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 2 - 24 mar 2010
ISSN 2037-4801

Appuntamenti

Intitolato a Primo Levi il Museo di Chimica della Sapienza

Intitolato a Primo Levi il Museo di Chimica della Sapienza

Convegni   dal: 25/03/2010 al: 25/03/2010

Il 25 marzo il Museo di Chimica della Sapienza viene intitolato a Primo Levi. È quasi un unicum nel panorama capitolino, dove il solo altro omaggio allo scrittore torinese è il Liceo scientifico che reca il suo nome, di cui una rappresentanza partecipa alla cerimonia.
Alla presenza di Luigi Frati, rettore della Sapienza, di Aldo Laganà, direttore del dipartimento di Chimica, e di Luigi Campanella, direttore del Museo sono previste la Lectio magistralis di Luigi Dei, che sulla figura di Levi chimico e scrittore ha pubblicato una raccolta di saggi; l'intervento di Liliana Picciotto, responsabile di ricerca del Centro di documentazione ebraica contemporanea di Milano, autrice di uno studio sul lager italiano di Fossoli, da cui transitò anche Primo Levi nel suo viaggio verso il campo di sterminio; la conferenza di Antonio Di Meo su ‘La chimica come serbatoio di metafore nell'opera di Primo Levi'.
Il museo di Chimica della Sapienza nasce con l'auspicio di non disperdere il ricco patrimonio di strumenti, testi e documentazione dell'Istituto Chimico, sorto in Via Panisperna oltre un secolo prima.
Le varie apparecchiature della sala storica - crioscopi, ebullioscopi, termometri, antiche strumentazioni per l'analisi elementare, colorimetri, spettroscopi e le tavole a colori di von Schroeder - sono esposte con ricchi commenti, in un percorso scorrevole e non noioso.
La conoscenza delle singole macchine è proposta attraverso tappe che fissano l'evoluzione tecnologica della strumentazione utilizzata per realizzare un particolare tipo di indagine scientifica. Il museo offre una panoramica che spazia dal microscopio ottocentesco a quello a riflessione di tipo ottico e prosegue con l'evoluzione elettronica ed automatizzata dell'apparecchiatura.
È molto curata la dimensione interattiva che si propone come interessante approfondimento didattico per gli allievi delle scuole di ogni ordine e grado. L'offerta è di circa una quindicina di esperimenti condotti dal visitatore e che riescono a rendere la concretezza e la positività delle applicazioni della chimica.

B. R.

Informazioni:

25 marzo 2010, ore 10.00
Museo di Chimica, Edificio di Chimica, piazzale Aldo Moro 5, Roma

tel. 06/49913744  e-mail: luigi.campanella@uniroma1.it