Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 1 - 15 gen 2014
ISSN 2037-4801

Appuntamenti a cura di Sandra Fiore

Dietro le parole

Dietro le parole

Festival   dal: 23/01/2014 al: 26/01/2014

Il linguaggio è legato alla nostra mente e alla nostra natura, ma è anche uno dei misteri più profondi e sfuggenti della scienza. A questo codice complesso è dedicata la IX edizione del Festival delle scienze di Roma, in programma dal 23 al 26 gennaio presso l’Auditorium Parco della Musica. La manifestazione è prodotta dalla Fondazione Musica per Roma in collaborazione con 'Codice. Idee per la cultura’ e si articola attraverso lectio magistralis, incontri, dibattiti, caffè scientifici, eventi per le scuole, mostre, spettacoli con scienziati, filosofi, storici ed esperti internazionali. Il Festival.

L’approccio scientifico al linguaggio, dagli anni Cinquanta in poi, ha permesso di studiare in modo nuovo la mente, sulla scia delle ricerche del linguista Noam Chomsky, e di formulare nuovi interrogativi. È proprio Chomsky a spiegare, nell’appuntamento del 25 gennaio, la sua teoria rivoluzionaria sulla grammatica generativa-trasformazionale che ha cambiato per sempre gli studi sulla lingua e le scienze cognitive.

Tra gli altri appuntamenti che analizzano la grammatica di questo codice, il 23 gennaio gli interventi Philippe Schlenker, direttore di ricerca all’Istituto Jean-Nicod di Parigi, Luigi Rizzi, professore ordinario di Linguistica generale all’Università di Siena e il linguista e neuroscienziato Andrea Moro. I meccanismi attraverso i quali si formano le strutture sintattiche e le rappresentazioni semantiche nel nostro cervello, partendo dall’esempio dei bambini, vengono spiegati, invece, il 26 da Stephen Crain, della Macquarie University, e da Jesse Snedeker, professore di Psicologia ad Harvard. Tra gli argomenti toccati anche le patologie legate a questa facoltà: 'Cosa succede quando un’area non funziona come dovrebbe?’ A rispondere Alfonso Caramazza, professore di neuropsicologia all’Università di Harvard e Simon Fisher, genetista e neuroscienziato direttore del Max Planck Institute di Nijimegen, presentati da Stefano Cappa il 25 gennaio.

Tra gli altri incontri, il 26 è prevista una sessione dedicata al linguaggio degli umani e quello delle macchine, con Tommaso Poggio, direttore del Laboratorio di intelligenza artificiale al Mit di Boston, e Stuart Shieber, professore di Linguistica computazionale all’Università di Harvard. Ma il fascino del linguaggio è proprio nella sua duttilità, nel saper permeare le arti e le discipline più varie: sempre il 26 si parla anche della forza dell’immagine nella fotografia, con Armin Linke e del rapporto identitario profondo con la musica con il linguista del Mit di Boston David Pesetsky.

Informazioni:

Che cosa: Festival delle scienze

Quando: dal 23 al 26 gennaio 2014

Dove: Auditorium Parco della Musica, viale Pietro de Coubertin 30,  Roma

Info: www.auditorium.com