Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Con Tris la scuola fa rete e diventa hi-tech per lo studio a distanza

  

Esistono gravi patologie croniche che costringono gli studenti a lunghe assenze da scuola, spesso ripetute nel tempo, a volte addirittura permanenti. Già dal 2003, in Italia, è possibile attivare il servizio di Istruzione domiciliare (Id) che permette agli studenti di essere seguiti dai professori direttamente al loro domicilio, per alcune ore alla settimana; tuttavia, l'Id non prevede istituzionalmente il contatto diretto tra la classe di provenienza e lo studente costretto a casa, ostacolando o riducendo una reale ed efficace inclusione socio-educativa. Per studiare possibili soluzioni al problema, nell'ambito di un accordo quadro fra Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (Miur), Istituto per le tecnologie didattiche (Itd) del Consiglio nazionale delle ricerche di Genova e Fondazione Tim, è stato avviato il progetto Tris (Tecnologie di rete e inclusione socio-educativa) che, nella sua fase sperimentale, ha coinvolto 7 scuole delle regioni Campania, Lazio e Sardegna, 5 studenti non frequentanti, oltre 150 loro compagni di classe e 112 docenti.

“Obiettivo del progetto Tris è quello di definire un setting tecnologico che garantisca agli studenti costretti alla frequenza da casa sia il diritto allo studio, sia la possibilità di veder realizzata una propria dimensione sociale all'interno del gruppo classe - che sicuramente in una dimensione a distanza diventano più faticosa e difficile - attraverso una comunicazione informale,”, spiega Vincenza Benigno, ricercatrice del Cnr-Itd.

“La prima esperienza del progetto Tris ha consentito di mettere a punto un modello di cosiddetta 'classe ibrida', dove i due spazi fisici, l'aula e l'abitazione dello studente, sono in diretto contatto grazie ad adeguate tecnologie quali sistemi di videoconferenza e risorse cloud, oltre agli usuali dispositivi come tablet e webcam”, aggiunge Giovanni Caruso, ingegnere elettronico del Cnr-Itd.. “In questo modo lo studente non fruisce passivamente delle lezioni da casa, ma partecipa alla vita di classe, migliorando le relazioni con tutti i compagni”, sottolinea Benigno.

L'integrazione della tecnologia nel percorso d'istruzione ha comportato anche un processo di innovazione della didattica nelle scuole coinvolte. “Abbiamo verificato che oltre l'86% dei docenti coinvolti ha cambiato l'approccio nei confronti della propria pratica professionale, passando da una docenza puramente frontale a un approccio più collaborativo, con un beneficio non solo per lo studente a casa, ma per tutta la classe”, conclude Guglielmo Trentin, dirigente di ricerca Cnr-Itd. “Analogamente, tutti gli studenti hanno imparato a lavorare insieme e a usare una molteplicità di strumenti tecnologici in un nuovo ambiente di apprendimento, sia reale che virtuale”.

La seconda fase del progetto, sostenuta da Fondazione Tim in collaborazione con Cnr-Itd e Associazione nazionale dei dirigenti pubblici e delle alte professionalità della scuola (Anp), prevede, tra l'altro, la realizzazione del primo censimento in Italia degli studenti non frequentanti per motivi di salute e la realizzazione di una piattaforma online per l'erogazione di un corso certificato, sul modello Tris, accessibile a tutti i docenti.

Altri video Tecnologia

Uomo-robot: rapporto utile e affidabile
Apprende, interagisce e collabora. È Nao, il robot al centro dell'esperimento del Cnr-Istc, da cui emerge come il rapporto con queste macchine sia sempre più di tipo confidenziale e accettato dalla società

Un Atlante per la pericolosità dei fondali
Presentato alla Camera il principale risultato del progetto MaGic: un Atlante dei pericoli del mare, che ha visto il Cnr e i geologi marini riuniti per gestire il territorio sommerso. Oltre 5 milioni di euro i finanziamenti del Dipartimento della protezione civile

La rivoluzione elettrica
Cosa fanno gli scienziati per costruire degli accumulatori di energia più efficienti? Nella puntata di PresaDiretta il direttore dell'Istituto di chimica dei composti organometallici, Francesco Vizza, affronta la tematica del recupero dei materiali presenti nelle batterie

14_2021_Capodimonte, dove ricerca e arte sono alleate
Il Real Bosco, polmone verde di Napoli, è oggetto di studi da parte del Cnr, che è presente  presso il museo di Capodimonte con un laboratorio mobile che indaga le opere d'arte mettendole a nudo. La ministra  del Mur Maria Cristina Messa e la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza lo hanno visitato

Spazio: nuove collaborazioni nel campo del volo umano
Alla Casa dell'aviatore di Roma sono stati siglati importanti accordi per valorizzare le competenze dell'Aeronautica Militare e del Cnr nel settore aerospaziale

Battiato e Cacciapaglia: il suono oltre la parola
Il compositore e musicista milanese conobbe Battiato quando era ancora sedicenne, studente del conservatorio. Ad accomunarli subito la curiosità  verso la sperimentazione e le potenzialità del suono elettronico, che si affermava sulla scena internazionale. Dalla collaborazione per l'album “Pollution” del 1972 l'amicizia e la condivisione artistica non si sono mai interrotte, fino a consolidarsi nella comune ricerca spirituale che li ha portati a condividere anche alcuni viaggi

Ottimismo e tradizione per guardare avanti
La presidente Maria Chiara Carrozza, intervistata da Class Cnbc Italia 4.0, evidenzia, tra gli obiettivi del Cnr, la collaborazione con le imprese come strumento per generare innovazione

La digitalizzazione per la Pa
Ospite della trasmissione Timeline su Sky Tg24, la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza affronta il tema della trasformazione digitale. Riuscire a effettuare questo cambiamento anche nei servizi della Pubblica amministrazione significherebbe vincere una sfida fondamentale

Scorie nucleari, dove depositarle?
In attesa della sistemazione in via definitiva dei rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività, la  Sogin, società pubblica di gestione del nucleare, in collaborazione con i ministeri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, ha pubblicato la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee. Illustra la problematica Mario Tozzi dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Cnr

Al Cnr-Inm, una vasca navale da America’s Cup
La struttura ha ospitato lo staff tecnico di Luna Rossa per le prove dell'imbarcazione in tre edizioni della competizione, come ricordano i ricercatori e i tecnici dell'Ente che hanno partecipato a quelle simulazioni. Tutti pronti  a impegnarsi al massimo, spinti dalla voglia di vincere l'importante gara internazionale