Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Con Tris la scuola fa rete e diventa hi-tech per lo studio a distanza

  

Esistono gravi patologie croniche che costringono gli studenti a lunghe assenze da scuola, spesso ripetute nel tempo, a volte addirittura permanenti. Già dal 2003, in Italia, è possibile attivare il servizio di Istruzione domiciliare (Id) che permette agli studenti di essere seguiti dai professori direttamente al loro domicilio, per alcune ore alla settimana; tuttavia, l'Id non prevede istituzionalmente il contatto diretto tra la classe di provenienza e lo studente costretto a casa, ostacolando o riducendo una reale ed efficace inclusione socio-educativa. Per studiare possibili soluzioni al problema, nell'ambito di un accordo quadro fra Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (Miur), Istituto per le tecnologie didattiche (Itd) del Consiglio nazionale delle ricerche di Genova e Fondazione Tim, è stato avviato il progetto Tris (Tecnologie di rete e inclusione socio-educativa) che, nella sua fase sperimentale, ha coinvolto 7 scuole delle regioni Campania, Lazio e Sardegna, 5 studenti non frequentanti, oltre 150 loro compagni di classe e 112 docenti.

“Obiettivo del progetto Tris è quello di definire un setting tecnologico che garantisca agli studenti costretti alla frequenza da casa sia il diritto allo studio, sia la possibilità di veder realizzata una propria dimensione sociale all'interno del gruppo classe - che sicuramente in una dimensione a distanza diventano più faticosa e difficile - attraverso una comunicazione informale,”, spiega Vincenza Benigno, ricercatrice del Cnr-Itd.

“La prima esperienza del progetto Tris ha consentito di mettere a punto un modello di cosiddetta 'classe ibrida', dove i due spazi fisici, l'aula e l'abitazione dello studente, sono in diretto contatto grazie ad adeguate tecnologie quali sistemi di videoconferenza e risorse cloud, oltre agli usuali dispositivi come tablet e webcam”, aggiunge Giovanni Caruso, ingegnere elettronico del Cnr-Itd.. “In questo modo lo studente non fruisce passivamente delle lezioni da casa, ma partecipa alla vita di classe, migliorando le relazioni con tutti i compagni”, sottolinea Benigno.

L'integrazione della tecnologia nel percorso d'istruzione ha comportato anche un processo di innovazione della didattica nelle scuole coinvolte. “Abbiamo verificato che oltre l'86% dei docenti coinvolti ha cambiato l'approccio nei confronti della propria pratica professionale, passando da una docenza puramente frontale a un approccio più collaborativo, con un beneficio non solo per lo studente a casa, ma per tutta la classe”, conclude Guglielmo Trentin, dirigente di ricerca Cnr-Itd. “Analogamente, tutti gli studenti hanno imparato a lavorare insieme e a usare una molteplicità di strumenti tecnologici in un nuovo ambiente di apprendimento, sia reale che virtuale”.

La seconda fase del progetto, sostenuta da Fondazione Tim in collaborazione con Cnr-Itd e Associazione nazionale dei dirigenti pubblici e delle alte professionalità della scuola (Anp), prevede, tra l'altro, la realizzazione del primo censimento in Italia degli studenti non frequentanti per motivi di salute e la realizzazione di una piattaforma online per l'erogazione di un corso certificato, sul modello Tris, accessibile a tutti i docenti.

Altri video Tecnologia

Il microbioma dei disegni di Leonardo
Per rilevarlo, i ricercatori di vari strutture scientifiche, tra cui gli scienziati dell'Istituto sistemi biologici del Cnr, hanno utilizzato la tecnica del sequenziamento a nano pori, che consente di ottenere il profilo genetico di tutti gli organismi

L’oggetto che cadde sulla Terra
Lo spazio circumterrestre è popolato da migliaia di satelliti e da decine di migliaia di oggetti, una parte dei quali, dopo un periodo trascorso in orbita, rientra nell'atmosfera del nostro Pianeta, producendo frammenti in grado di raggiungere il suolo

App Immuni: come funziona
Quando due persone si trovano vicine, ciascun dispositivo registra il codice dell'altro e, nel caso in cui uno dei due individui venga contagiato dal Coronavirus, autorizza a inviare un messaggio ai dispositivi che utilizzano l'applicazione. A spiegarlo è Giovanni Sebastiani, ricercatore dell'Istituto per le applicazioni del calcolo del Cnr

L’e-commerce e i nuovi modelli di business
La pandemia ha incrementato gli acquisti a distanza, un'abitudine che, secondo gli esperti, proseguirà anche in futuro, come sottolinea Greta Falavigna, dell'Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Cnr, che evidenzia quindi la necessità che anche i commercianti al dettaglio si adeguino alle regole dell'e-commerce

Il computer va a diamanti
Realizzare un pc quantistico con il diamante modificato al laser è quanto si propone un gruppo di scienziati dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano. Un simile strumento potrebbe essere utilizzato anche per la simulazione realistica delle molecole e delle interazioni di un virus come il Covid-19

Navigare fra arte e 3D
Per permettere al pubblico di continuare a godere dell'armonia e della bellezza dell'arte anche durante la quarantena da Coronavirus, molte strutture culturali e museali consentono di ammirare opere d'arte e i monumenti attraverso Internet e le tecnologie 3D. Eva Pietroni dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale illustra alcuni dei progetti del Cnr relativi a questo ambito

Giornata della radio: dalle onde al Dab
Anche quest'anno, il 13 febbraio, si è celebrata questa ricorrenza, che richiama l'attenzione su un mezzo di informazione che ha saputo adattarsi al passare del tempo, rivelando una duttilità e una modernità di cui il suo inventore, Guglielmo Marconi, sarebbe fiero

Droni al servizio della ricerca
Le Unità prevenzione e protezione e formazione e welfare del Cnr hanno organizzato una giornata formativa per definire le linee di indirizzo per la gestione di questi sistemi a pilotaggio remoto

Il Cnr al primo forum dedicato alla new space economy
L'evento mira a valorizzare la filiera produttiva spaziale, un settore al quale l'Ente fornisce supporto scientifico e tecnologico, contribuendo a rendere competitive le aziende nazionali

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
Alla fiera dedicata all'innovazione ha partecipato anche il Consiglio nazionale delle ricerche con talk-conference e prodotti di ricerca, tra i quali, il FlexMaps Pavillion, progettato da Paolo Cignoni del Cnr-Istc