Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
I cebi e l’arte di scavare alla ricerca di radici

Uno studio sui cebi barbuti (Sapajus libidinosus), condotto dall'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione (Istc) del Cnr, in collaborazione con l'Università di San Paolo (Br) e l'Università della Georgia (Usa), mostra che queste scimmie arboricole impiegano abilità manuale, tempo e ingegno per estrarre rizotuberi, radici ricche di sostanze nutritive, avendo cura di pulirle dalla terra e di rimuoverne la scorza prima di mangiarle. “Nell'ambito del progetto internazionale EthoCebus, è stata effettuata una ricerca sistematica sul comportamento adottato da questi primati per estrarre dal terreno i rizotuberi e sfruttarne le sostanze nutritive”, spiega Valentina Truppa del Cnr-Istc. “Per tre mesi abbiamo seguito nei loro spostamenti un gruppo di cebi di Fazenda Boa Vista, in Brasile, a pochi metri di distanza, filmandone le azioni. Abbiamo documentato che i cebi scavano a lungo, anche per una decina di minuti, e che per loro è un grande sforzo estrarre una radice visto che le loro mani, come le nostre, non hanno artigli robusti adatti a fare buche. Quando buona parte della radice è dissotterrata, l'afferrano con la bocca e, puntando le quattro zampe a terra, tirano vigorosamente il corpo all'indietro”. Una volta trasportato il “bottino” al sicuro sugli alberi, inizia un'accurata rimozione del terriccio, rotolando e strofinando la radice tra le mani e contro la corteccia. “È chiaro che i cebi vogliono evitare di introdurre terra in bocca”, prosegue Truppa. “Questo comportamento adattativo ha almeno due buone ragioni: evita l'usura dei denti e previene l'ingestione di parassiti intestinali”.

Il fatto che i cebi siano disposti a impegnarsi così tanto per ottenere rizotuberi è facilmente spiegabile alla luce di un altro studio del progetto EthoCebus. “Una ricerca, condotta da Peternelli-Dos-Santos dell'Università di San Paolo, ha dimostrato che, quando mangiano, i cebi di Fazenda Boa Vista tendono a raggiungere uno specifico bilancio tra energia proteica e non proteica più che a massimizzare l'apporto di energia. In quest'ottica, è sicuramente vantaggioso investire tempo ed energia per ottenere rizotuberi, ottima fonte di carboidrati non strutturali, come l'amido”, commenta Elisabetta Visalberghi del Cnr-Istc. Da sempre gli abitanti di Fazenda Boa Vista chiamano queste radici raiz de macaco, radice della scimmia. Risorse di questo tipo sono ancora oggi fondamentali per la sopravvivenza di alcune popolazioni umane e in passato lo sono state durante il processo che ha portato all'evoluzione del genere Homo. “Al successo di Homo hanno sicuramente contribuito l'abilità manuale nell'eseguire una grande varietà di azioni e la persistenza nel perseguire l'obiettivo desiderato”, conclude Visalberghi. “Lo stretto legame fra un uso abile e flessibile delle mani – anche in coordinazione con altre parti del corpo e con superfici esterne – e la capacità di rimanere a lungo impegnati per estrarre risorse alimentari da matrici resistenti, emerso nei cebi, dimostra che queste capacità hanno lontane origini evolutive nei primati”.

Altri video Cultura

In viaggio attraverso la cultura
È questo il tema affrontato dell'edizione di quest'anno del Festival del giornalismo culturale, di cui il Cnr è patrocinatore e media partner. Tanti gli appuntamenti previsti tra lectio, dialoghi, workshop, concorsi e concerti nei giorni (14 e15 settembre e dal 3 al 6 ottobre) in cui la manifestazione si svolge nel territorio marchigiano

La "prima notte" dei ricercatori di Montelibretti
Quest'anno anche quest'Area di ricerca del Cnr ha preso parte all'appuntamento voluto dall'Unione europea per avvicinare i giovani alla scienza. Tante le iniziative proposte, tra le quali il collegamento con i ricercatori impegnati presso la Base antartica Concordia al Polo Sud

Sperimestate 2019
Il progetto, realizzato dal Cnr-Isof con gli studenti delle scuole medie superiori, è stato dedicato alla Tavola periodica, di cui ricorre quest'anno il 150esimo anniversario, e in particolare a due suoi elementi: l'Elio e l'Indio

ll sottosuolo di Napoli tra storia, cultura e sostenibilità
Un progetto al quale partecipa anche l'Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr esamina la possibilità di utilizzare il sottosuolo di Napoli per attività utili alla popolazione, creandovi, ad esempio, o un parcheggio di scambio o organizzandovi eventi culturali

Rivoluzione scientifica e scienze umane
Dell'importanza delle discipline umanistiche si è parlato nel corso dell'evento 'Le scienze dimenticate', organizzato  presso il Cnr dalla Fondazione Antonio Ruberti, con la partecipazione di Rens Bod, docente di Informatica umanistica all'Università di Amsterdam

L’Infinito tra scienza e poesia
A esaminare la presenza della componente scientifica nella lirica di Leopardi è il ricercatore dell'Istituto nazionale di ottica del Cnr Alessandro Farini, che sottolinea la similitudine tra lo stupore - davanti ai misteri della natura e della realtà - del poeta e quello dello scienziato, che proprio da questo sentimento trae ispirazione per le sue ricerche

L’Italia sul tetto del mondo
La conquista del K2 da parte di una spedizione guidata da Ardito Desio e organizzata, tra gli altri, anche dal Cnr, è stata ricordata in un evento svoltosi nella sede di Roma dell'Ente. Presenti anche la figlia dell'esploratore, Mariela, e l'ambasciatore del Pakistan, Nadeem Riyaz

Quando da un’intuizione nasce una grande scoperta
All'argomento è stato dedicato un convegno, organizzato dalla Cappellania degli Enti di ricerca del Miur, che si è svolto a Roma. Vi hanno partecipato anche il presidente e il direttore del Dipartimento di scienze biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche

Zerocalcare, nuovo albo per Comics & Science
Il fumettista ha collaborato alla realizzazione del volume 'Educazione subatomica' (Edizioni Cnr), descrivendo quanto ha visto nel corso della visita al Sincrotrone di Trieste. L'evento è stato l'occasione anche per intervistare il disegnatore, che ha raccontato perché ha scelto di esprimersi attraverso i fumetti, da cosa trae ispirazione e quali sono i suoi progetti per il futuro

1968-2018: spedizioni in Antartide a confronto
Il filmato della WebTvCnr avvicina l'impresa del 33enne americano Colin O'Braday che ha compiuto lo scorso anno una traversata in solitaria al Polo Sud, a quella effettuata nel 1968 da Cnr e Cai