Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
L’Infinito tra scienza e poesia

“Sempre caro mi fu quest'ermo colle/E questa siepe che da tanta parte/Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude”. A duecento anni dalla sua composizione, 'L'infinito', una delle liriche più importanti della letteratura italiana, mostra quanto la scienza sia presente nei versi di Giacomo Leopardi. “Certo, la prima cosa è la bellezza della poesia, poi, però, un fisico che come me si occupa di luce e visione coglie altri aspetti”, afferma Alessandro Farini dell'Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche. “Ad esempio, è assai interessante che una poesia intitolata 'L'infinito' parli di una siepe che esclude lo sguardo. Questo è evidente nella visione umana: l'occhio umano ha bisogno di punti di riferimento, potremmo dire che la nostra mente può cogliere l'infinito solo se c'è qualcosa di finito che offre un punto di confronto”.

“Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: E il naufragar m'è dolce in questo mare”. Leopardi sente profondamente lo stupore umano di fronte all'immensità, la sente nell'intimo e non riesce a spiegarsela, come in un mare in cui naufragare. “Proprio questo stupore e questa scintilla poetica, sono il punto di partenza della ricerca della conoscenza e della scienza”, prosegue il ricercatore. “È facile infatti che il cuore si spauri pensando alle dimensioni eccezionali del nostro universo, alla capacità di raccogliere segnali provenienti da distanze incredibili, alla possibilità di esistenza di altri esseri nell'universo, al tempo non più assoluto. Non so se posso definire dolce il naufragare in questo mare della conoscenza, ma certo il fisico ne prova il fascino incredibile. E quel mistero è la ragione per cui lavoriamo tutti i giorni”.

Altri video Cultura

Sperimestate 2019
Il progetto, realizzato dal Cnr-Isof con gli studenti delle scuole medie superiori, è stato dedicato alla Tavola periodica, di cui ricorre quest'anno il 150esimo anniversario, e in particolare a due suoi elementi: l'Elio e l'Indio

Rivoluzione scientifica e scienze umane
Dell'importanza delle discipline umanistiche si è parlato nel corso dell'evento 'Le scienze dimenticate', organizzato  presso il Cnr dalla Fondazione Antonio Ruberti, con la partecipazione di Rens Bod, docente di Informatica umanistica all'Università di Amsterdam

L’Italia sul tetto del mondo
La conquista del K2 da parte di una spedizione guidata da Ardito Desio e organizzata, tra gli altri, anche dal Cnr, è stata ricordata in un evento svoltosi nella sede di Roma dell'Ente. Presenti anche la figlia dell'esploratore, Mariela, e l'ambasciatore del Pakistan, Nadeem Riyaz

Quando da un’intuizione nasce una grande scoperta
All'argomento è stato dedicato un convegno, organizzato dalla Cappellania degli Enti di ricerca del Miur, che si è svolto a Roma. Vi hanno partecipato anche il presidente e il direttore del Dipartimento di scienze biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche

Zerocalcare, nuovo albo per Comics & Science
Il fumettista ha collaborato alla realizzazione del volume 'Educazione subatomica' (Edizioni Cnr), descrivendo quanto ha visto nel corso della visita al Sincrotrone di Trieste. L'evento è stato l'occasione anche per intervistare il disegnatore, che ha raccontato perché ha scelto di esprimersi attraverso i fumetti, da cosa trae ispirazione e quali sono i suoi progetti per il futuro

1968-2018: spedizioni in Antartide a confronto
Il filmato della WebTvCnr avvicina l'impresa del 33enne americano Colin O'Braday che ha compiuto lo scorso anno una traversata in solitaria al Polo Sud, a quella effettuata nel 1968 da Cnr e Cai

Premio divulgazione scientifica ‘Giancarlo Dosi’
Nel corso della cerimonia conclusiva, svoltasi a Roma presso l'Aula convegni del Consiglio nazionale delle ricerche lo scorso 13 dicembre, il riconoscimento è andato a Leonardo Luccone per 'Questione di virgole'. All'evento sono intervenuti, tra gli altri, il segretario generale del Censis Giorgio De Rita e Sesto Viticoli, vice presidente Airi

95 anni di futuro
Il discorso del presidente del Cnr Massimo Inguscio all'evento della celebrazione dei 95 anni dalla nascita dell'Ente

La cultura nella società iperconnessa
Questo il tema affrontato quest'anno dal Festival del giornalismo culturale, che si è svolto dal 25 al 28 ottobre nelle Marche, tra Pesaro, Urbino e Fano. Nella giornata di apertura presentati i risultati della ricerca dell'Osservatorio News-Italia Università di Urbino sui modi in cui gli italiani fruiscono dell'informazione culturale

Italia e Spagna: carte a confronto
Il tema è stato al centro di '70 + 40 e il futuro del costituzionalismo italiano e spagnolo', evento che si è tenuto a Roma, presso la sede centrale del Cnr, alla presenza del presidente Massimo Inguscio e del vice presidente Tommaso Frosini