Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Quando da un’intuizione nasce una grande scoperta

Aska - Albert Einstein aveva le sue maggiori intuizioni quando suonava il violino mentre Isacco Newton ebbe l'illuminazione sulla gravitazione universale in un giorno in cui era stanco e assonnato. Di questi esempi e di tanto altro si è parlato al convegno 'Il ruolo dell'intuizione nella ricerca scientifica', organizzato a Roma nella sede del Consiglio nazionale delle ricerche in collaborazione con la Cappellania degli enti di ricerca del Miur presso il Servizio per la cultura e l'università del Vicariato di Roma.

Padre Mauro Oliva, cappellano degli Enti di ricerca del Miur, ha spiegato: “È un convegno che abbiamo pensato da tempo come pastorale degli enti di ricerca che dipendono dal Miur e che vuole in qualche modo far sì che materie scientifiche e materie umanistiche possano interagire e in qualche modo essere complementari su degli aspetti che sono importanti per la scienza e per la ricerca scientifica. Il tema dell'intuizione è un tema che non poteva non essere trattato e che ha suscitato tantissimo interesse da parte degli addetti ai lavori, quindi dei ricercatori e di coloro che nel campo della cultura sentano di confrontarsi su questo tema”.

Al convegno è intervenuto anche il presidente del Cnr, Massimo Inguscio, che ha sottolineato: “L'intuizione mette l'individuo, l'uomo o la donna che sia, al centro delle cose, perché l'intuizione è di uno solo, si possono fare grandi squadre, grandi gruppi, però alla fine quello che intuisce è uno solo e fa la differenza”.

Per il professor Antonio Bellingreri, docente di pedagogia all'Università di Palermo, “L'educazione dell'intuizione è possibile ed è fondamentalmente una ricerca della verità da parte del soggetto, questo ha fondamentalmente bisogno di un maestro, perché non è mai un processo solitario l'educazione all'intuizione”.

Il professor Tullio Pozzan, direttore del Dipartimento di scienze biomediche del Cnr, ha ricordato come tutte le grandi scoperte scientifiche siano nate da un'intuizione. “Credo che l'intuizione in scienza ma anche nella vita comune sia un comportamento, una realtà di tutti i giorni. A tutti capita di avere davanti un problema, di non essere stati capaci di risolverlo e poi, di solito in un momento in cui si è distratti, si sta facendo una doccia, si sta sognando, improvvisamente si trova la soluzione a un problema a volte banale, che non è necessariamente un'intuizione scientifica. Quindi, direi che in genere tutte le grandi scoperte scientifiche nascono inizialmente con un'intuizione”.

Altri video Cultura

Donne e scienza
Se ne è parlato nel corso dell'evento organizzato dalle ricercatrici dell'Area di ricerca del Cnr di Montelibretti in occasione della “Giornata mondiale delle donne e delle ragazze nella scienza”, che si celebra l'11 febbraio

La presentazione di “Ti rubo la vita”
Cinzia Leone ha presentato presso la Biblioteca centrale del Cnr il suo volume, che mescolando fiction e autobiografia sottolinea eroismi e viltà del buio periodo che vide la discriminazione e la persecuzione degli ebrei a Roma

"Moby Dick" Kum!
Al festival che si è svolto ad Ancona, ha partecipato anche l'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Cnr, proponendo una rilettura del romanzo di Melvill

A Bologna, la ricerca cambia linguaggio
Presso l'Area di ricerca del Cnr del capoluogo emiliano, si è svolto l'annuale progetto di divulgazione che avvicina gli studenti alla scienza attraverso incontri con i ricercatori dell'Ente ed esercitazioni nei laboratori

In viaggio attraverso la cultura
È questo il tema affrontato dell'edizione di quest'anno del Festival del giornalismo culturale, di cui il Cnr è patrocinatore e media partner. Tanti gli appuntamenti previsti tra lectio, dialoghi, workshop, concorsi e concerti nei giorni (14 e15 settembre e dal 3 al 6 ottobre) in cui la manifestazione si svolge nel territorio marchigiano

La "prima notte" dei ricercatori di Montelibretti
Quest'anno anche quest'Area di ricerca del Cnr ha preso parte all'appuntamento voluto dall'Unione europea per avvicinare i giovani alla scienza. Tante le iniziative proposte, tra le quali il collegamento con i ricercatori impegnati presso la Base antartica Concordia al Polo Sud

Sperimestate 2019
Il progetto, realizzato dal Cnr-Isof con gli studenti delle scuole medie superiori, è stato dedicato alla Tavola periodica, di cui ricorre quest'anno il 150esimo anniversario, e in particolare a due suoi elementi: l'Elio e l'Indio

I cebi e l’arte di scavare alla ricerca di radici
Uno studio in natura evidenzia come ingegno e abilità manuale rendano queste scimmie maestre nell'arte di estrarre dal suolo rizotuberi, molto ricchi di sostanze nutritive. La ricerca dimostra l'origine evolutiva di capacità fondamentali per la sopravvivenza e il successo dei primati, uomo incluso

ll sottosuolo di Napoli tra storia, cultura e sostenibilità
Un progetto al quale partecipa anche l'Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr esamina la possibilità di utilizzare il sottosuolo di Napoli per attività utili alla popolazione, creandovi, ad esempio, o un parcheggio di scambio o organizzandovi eventi culturali

Rivoluzione scientifica e scienze umane
Dell'importanza delle discipline umanistiche si è parlato nel corso dell'evento 'Le scienze dimenticate', organizzato  presso il Cnr dalla Fondazione Antonio Ruberti, con la partecipazione di Rens Bod, docente di Informatica umanistica all'Università di Amsterdam