Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
2019, il compleanno della Tavola periodica

A 150 anni dalla sua stesura, realizzata da Dmitrij Mendeleev,  l'Unesco ha dichiarato il 2019 come l'anno internazionale della Tavola periodica, un riconoscimento che vuole evidenziare l'importanza della chimica per la promozione dello sviluppo sostenibile e con vaste implicazioni in astronomia, chimica, fisica, biologia e altre scienze naturali.

“La Tavola periodica elenca gli elementi presenti in natura in ordine crescente di numero atomico, ed è suddivisa in vari blocchi e gruppi per riunire tra di loro elementi con proprietà chimiche simili. Per esempio, nel primo gruppo troviamo  litio, sodio, potassio, tutti con caratteristiche molto simili tra loro e nel penultimo gruppo gli alogeni (fluoro, cloro, iodio…). Molti loro composti, tra l'altro, sono visivamente molto simili, essendo polveri biancastre, così risulta difficile distinguerli”, spiega Pietro Calandra, ricercatore dell'Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del Cnr. ”Un sistema per individuare la presenza di alcuni elementi chimici è il 'saggio alla fiamma', esperimento attraverso cui è possibile identificarli in base al colore che emettono quando sono riscaldati con una fiamma ossidante. Il colore della luce emessa varia al variare dell'elemento presente, per cui avremo un rosso-carminio intenso  per i materiali contenenti litio, un giallo-ambra molto persistente per quelli contenenti  il sodio e una colorazione bluastra se è presente il potassio”.

Gli elementi chimici ordinati da Mendeleev erano 63, dall'idrogeno all'uranio; oggi la tavola periodica è composta da 118 elementi, considerati i 'mattoni' fondamentali dei materiali presenti in natura. “Se in molti considerano conclusa la tavola, per qualcuno invece potrebbero esserci ancora elementi da scoprire, magari nello spazio”, conclude Calandra.

Altri video Tecnologia

Il Cnr al primo forum dedicato alla new space economy
L’evento mira a valorizzare la filiera produttiva spaziale, un settore al quale l’Ente fornisce supporto scientifico e tecnologico, contribuendo a rendere competitive le aziende nazionali

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
Alla fiera dedicata all'innovazione ha partecipato anche il Consiglio nazionale delle ricerche con talk-conference e prodotti di ricerca, tra i quali, il FlexMaps Pavillion, progettato da Paolo Cignoni del Cnr-Istc

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
All'evento dedicato all'innovazione ha partecipato anche quest'anno il Cnr, presentando prodotti e organizzando talk conference. Particolare interesse ha suscitato il Flexmaps Pavillon, arco ritorto sottile che può essere attraversato dai visitatori

Accordo Cnr-Aeronautica Militare
La collaborazione tra le due strutture è finalizzata a favorire lo sviluppo di lanciatori di piccoli satelliti innovativi da piattaforma aerea

Con Amerigo la ricerca si sposta in fondo al mare
Il lender, realizzato da Cnr-Irbim e Cnr-Imm in collaborazione con l'azienda Rse di Milano, può raggiungere il 6.000 metri di profondità, permettendo di misurare le sostanze disciolte nei fondali marini utilizzate dai microrganismi marini per nutrirsi

L’inclinometro del Cnr per i lavori della metro C
Brevettato per misurare le deformazioni che si verificano in profondità nel terreno a seguito di una frana, questo strumento, messo a punto dall'Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica dell'Ente, è ora usato per la realizzazione di una linea della metropolitana nella Capitale, una città il cui sottosuolo è ricco di beni archeologici, che possono interagire con lo scavo delle gallerie da parte degli operai

Studiare migrando
È il nome della piattaforma di e-learning che l'Istituto per le tecnologie didattiche del Cnr ha realizzato con la Scuola di lingua italiana per stranieri dell'Università di Palermo e l'Unicef, per supportare i giovani stranieri nella preparazione all'esame di Stato per conseguire la licenza media

Un videogioco in 3D per scoprire il Foro di Augusto
Realizzato dall'Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Cnr con la società maltese Vr Tron, il videogame conduce il visitatore alla scoperta dell'Impero romano durante il regno di Augusto

InnovAgorà 2019, la piazza dei brevetti
La manifestazione, promossa dal Miur e organizzata dal Cnr e dal Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci e svoltasi a Milano lo scorso maggio, è stata l'occasione per far incontrare inventori di brevetti e mondo delle imprese, per favorire il confronto e la collaborazione tra le due realtà

Videogiochi e musei
L'argomento è stato oggetto di una giornata di studi alla quale ha partecipato anche il Cnr-Itabc. L'Istituto lavora da anni nel settore degli spazi espositivi e ha sottolineato le caratteristiche che le applicazioni interattive devono avere per funzionare in un area museale