Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
La geologia marina in Italia

Il 21 e 22 febbraio la sede centrale del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma ha ospitato la terza edizione del convegno dei geologi marini italiani, un'importante occasione di confronto tra comunità scientifica, istituzioni e mondo dell'industria per discutere di geoscienze marine, una disciplina oggi fortemente connessa ad altre scienze del mare, come l'oceanografia, la biologia marina e le geo-tecnologie. L'evento, dal titolo 'La Geologia marina in Italia', ha incluso anche una tavola rotonda con i responsabili delle flotte oceanografiche di Norvegia, Spagna e Francia, per un confronto sulla situazione e sul futuro della gestione delle navi da ricerca in Europa: obiettivo ultimo è quello di avviare una discussione sulla necessità di dotare la comunità marina italiana una nuova nave oceanografica mediterranea.

“Per garantire all'Italia una posizione di leadership a livello internazionale nella ricerca marina è fondamentale un forte investimento sull'innovazione tecnologica, in particolare nelle infrastrutture”, ha affermato Fabio Trincardi, direttore del dipartimento Scienze del sistema terra e tecnologie per l'ambiente (Dta) del Cnr. “Il Consiglio nazionale delle ricerche, tramite la sua flotta di navi oceanografiche, per oltre 20 anni ha sostenuto le principali infrastrutture marine, anche al servizio di altri enti che operano in questo settore, vitale per il Paese. Ora, a seguito della dismissione della nave Urania e della conclusione del contratto della nave Minerva Uno, è necessario assicurare alla comunità scientifica nazionale una nuova nave oceanografica per svolgere ricerca nel Mediterraneo, garantendo così la massima continuità nelle attività e ampliando le capacità di lavoro rispetto al passato. Oltre a rappresentare un enorme investimento in termini di generazione di nuova conoscenza, le navi oceanografiche hanno un impatto per il Paese dal punto di vista economico, formativo e divulgativo. Con riferimento al Mediterraneo in particolare, poi, esse permetterebbero di rafforzare le conoscenze su temi cruciali come gli elementi di pericolosità naturale (sismicità e attività vulcanica sottomarina, frane costiere o sottomarine, maremoti), l'impatto dei cambiamenti climatici e l'impatto antropico diretto, a partire dall'inquinamento da plastica, che raggiunge il 7% mondiale in un bacino che rappresenta meno dell'1% dell'oceano globale”.

In Italia la comunità scientifica marina conta circa 600 unità di personale del Consiglio nazionale delle ricerche distribuite nella rete degli Istituti di ricerca, cui si aggiungono le risorse degli altri Enti marini vigilati dal Miur - Stazione Zoologica 'Anton Dohrn' e Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale - i dipartimenti universitari attivi nella ricerca marina, e alcune componenti di Enti come l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), l'Enea e l'Istituto idrografico della marina.

“Sarebbe auspicabile pensare ad un'Agenzia nazionale che si occupi delle navi oceanografiche sotto il controllo del Miur e a favore di tutti gli Enti di ricerca con competenze marine e delle Università”, ha aggiunto Trincardi. “Questa soluzione consentirebbe anche la gestione ottimale delle strumentazioni più tecnologiche (geofisica, veicoli autonomi o filoguidati, sistemi per la campionatura eccetera), che potrebbero essere spostate da un mezzo all'altro in funzione degli obiettivi scientifici delle varie campagne”.

Altri video Tecnologia

InnovAgorà 2019, la piazza dei brevetti
La manifestazione, promossa dal Miur e organizzata dal Cnr e dal Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci e svoltasi a Milano lo scorso maggio, è stata l'occasione per far incontrare inventori di brevetti e mondo delle imprese, per favorire il confronto e la collaborazione tra le due realtà

Videogiochi e musei
L'argomento è stato oggetto di una giornata di studi alla quale ha partecipato anche il Cnr-Itabc. L'Istituto lavora da anni nel settore degli spazi espositivi e ha sottolineato le caratteristiche che le applicazioni interattive devono avere per funzionare in un area museale

L’Aquila, dieci anni dopo
Fausto Guzzetti del Cnr-Irpi, referente incaricato, per le attività dell'Ente a supporto della Protezione civile ai tempi del sisma abruzzese, ricorda le attività svolte dagli Istituti nei mesi successivi al sisma. E come quella esperienza abbia dato vita a un nuovo approccio collaborativo

2019, il compleanno della Tavola periodica
Nato 150 anni fa, questo strumento permette di raggruppare gli elementi chimici con proprietà simili. Pietro Calandra, ricercatore dell'Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del Cnr spiega come, con il cosiddetto 'saggio alla fiamma' sia possibile individuare gli elementi chimici presenti in un composto

Pepper: il robot umanoide del Cnr-Icar
La macchina realizzata dal Cnr-Icar, può avere applicazioni in diversi settori, da quello educativo a quello assistenziale ad anziani e disabili

Sportello matematico, un supporto alle imprese
Il progetto del Cnr-Iac mette le conoscenze matematiche al servizio dell'industria, migliorando i flussi e le previsioni di vendita e riducendo gli sprechi.

Le strade italiane in un museo virtuale
Realizzato da Anas in collaborazione con il Cnr-Itabc, Muvias racconta la storia d'Italia, dall'Unità a oggi, attraverso quella della sua rete viaria

Il passato ritorna con le nuove tecnologie
Il loro utilizzo consente di svolgere attività di indagine, conservazione e valorizzazione degli antichi beni architettonici, oltre a favorirne la fruizione attraverso applicazioni interattive e musei virtuali, come ricorda Augusto Palombini del Cnr-Itabc

Edilizia scolastica: verso nuove strategie
Il presidente del Cnr Massimo Inguscio ha illustrato a Rai Parlamento l'accordo con l'Asi per la mappatura satellitare degli edifici scolastici al fine di valutarne condizioni e stabilità

Cavibeer, la rivoluzione della birra
La nuova tecnologia per la produzione di questa bevanda, brevettata dal Cnr e dalla società Bysea, consente di ridurre del 50% i tempi di lavoro e del 40% il consumo energetico