Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
La geologia marina in Italia

Il 21 e 22 febbraio la sede centrale del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma ha ospitato la terza edizione del convegno dei geologi marini italiani, un'importante occasione di confronto tra comunità scientifica, istituzioni e mondo dell'industria per discutere di geoscienze marine, una disciplina oggi fortemente connessa ad altre scienze del mare, come l'oceanografia, la biologia marina e le geo-tecnologie. L'evento, dal titolo 'La Geologia marina in Italia', ha incluso anche una tavola rotonda con i responsabili delle flotte oceanografiche di Norvegia, Spagna e Francia, per un confronto sulla situazione e sul futuro della gestione delle navi da ricerca in Europa: obiettivo ultimo è quello di avviare una discussione sulla necessità di dotare la comunità marina italiana una nuova nave oceanografica mediterranea.

“Per garantire all'Italia una posizione di leadership a livello internazionale nella ricerca marina è fondamentale un forte investimento sull'innovazione tecnologica, in particolare nelle infrastrutture”, ha affermato Fabio Trincardi, direttore del dipartimento Scienze del sistema terra e tecnologie per l'ambiente (Dta) del Cnr. “Il Consiglio nazionale delle ricerche, tramite la sua flotta di navi oceanografiche, per oltre 20 anni ha sostenuto le principali infrastrutture marine, anche al servizio di altri enti che operano in questo settore, vitale per il Paese. Ora, a seguito della dismissione della nave Urania e della conclusione del contratto della nave Minerva Uno, è necessario assicurare alla comunità scientifica nazionale una nuova nave oceanografica per svolgere ricerca nel Mediterraneo, garantendo così la massima continuità nelle attività e ampliando le capacità di lavoro rispetto al passato. Oltre a rappresentare un enorme investimento in termini di generazione di nuova conoscenza, le navi oceanografiche hanno un impatto per il Paese dal punto di vista economico, formativo e divulgativo. Con riferimento al Mediterraneo in particolare, poi, esse permetterebbero di rafforzare le conoscenze su temi cruciali come gli elementi di pericolosità naturale (sismicità e attività vulcanica sottomarina, frane costiere o sottomarine, maremoti), l'impatto dei cambiamenti climatici e l'impatto antropico diretto, a partire dall'inquinamento da plastica, che raggiunge il 7% mondiale in un bacino che rappresenta meno dell'1% dell'oceano globale”.

In Italia la comunità scientifica marina conta circa 600 unità di personale del Consiglio nazionale delle ricerche distribuite nella rete degli Istituti di ricerca, cui si aggiungono le risorse degli altri Enti marini vigilati dal Miur - Stazione Zoologica 'Anton Dohrn' e Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale - i dipartimenti universitari attivi nella ricerca marina, e alcune componenti di Enti come l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), l'Enea e l'Istituto idrografico della marina.

“Sarebbe auspicabile pensare ad un'Agenzia nazionale che si occupi delle navi oceanografiche sotto il controllo del Miur e a favore di tutti gli Enti di ricerca con competenze marine e delle Università”, ha aggiunto Trincardi. “Questa soluzione consentirebbe anche la gestione ottimale delle strumentazioni più tecnologiche (geofisica, veicoli autonomi o filoguidati, sistemi per la campionatura eccetera), che potrebbero essere spostate da un mezzo all'altro in funzione degli obiettivi scientifici delle varie campagne”.

Altri video Tecnologia

Il Cnr al primo forum dedicato alla new space economy
L'evento mira a valorizzare la filiera produttiva spaziale, un settore al quale l'Ente fornisce supporto scientifico e tecnologico, contribuendo a rendere competitive le aziende nazionali

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
Alla fiera dedicata all'innovazione ha partecipato anche il Consiglio nazionale delle ricerche con talk-conference e prodotti di ricerca, tra i quali, il FlexMaps Pavillion, progettato da Paolo Cignoni del Cnr-Istc

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
All'evento dedicato all'innovazione ha partecipato anche quest'anno il Cnr, presentando prodotti e organizzando talk conference. Particolare interesse ha suscitato il Flexmaps Pavillon, arco ritorto sottile che può essere attraversato dai visitatori

Accordo Cnr-Aeronautica Militare
La collaborazione tra le due strutture è finalizzata a favorire lo sviluppo di lanciatori di piccoli satelliti innovativi da piattaforma aerea

Con Amerigo la ricerca si sposta in fondo al mare
Il lender, realizzato da Cnr-Irbim e Cnr-Imm in collaborazione con l'azienda Rse di Milano, può raggiungere il 6.000 metri di profondità, permettendo di misurare le sostanze disciolte nei fondali marini utilizzate dai microrganismi marini per nutrirsi

L’inclinometro del Cnr per i lavori della metro C
Brevettato per misurare le deformazioni che si verificano in profondità nel terreno a seguito di una frana, questo strumento, messo a punto dall'Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica dell'Ente, è ora usato per la realizzazione di una linea della metropolitana nella Capitale, una città il cui sottosuolo è ricco di beni archeologici, che possono interagire con lo scavo delle gallerie da parte degli operai

Studiare migrando
È il nome della piattaforma di e-learning che l'Istituto per le tecnologie didattiche del Cnr ha realizzato con la Scuola di lingua italiana per stranieri dell'Università di Palermo e l'Unicef, per supportare i giovani stranieri nella preparazione all'esame di Stato per conseguire la licenza media

Un videogioco in 3D per scoprire il Foro di Augusto
Realizzato dall'Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Cnr con la società maltese Vr Tron, il videogame conduce il visitatore alla scoperta dell'Impero romano durante il regno di Augusto

InnovAgorà 2019, la piazza dei brevetti
La manifestazione, promossa dal Miur e organizzata dal Cnr e dal Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci e svoltasi a Milano lo scorso maggio, è stata l'occasione per far incontrare inventori di brevetti e mondo delle imprese, per favorire il confronto e la collaborazione tra le due realtà

Videogiochi e musei
L'argomento è stato oggetto di una giornata di studi alla quale ha partecipato anche il Cnr-Itabc. L'Istituto lavora da anni nel settore degli spazi espositivi e ha sottolineato le caratteristiche che le applicazioni interattive devono avere per funzionare in un area museale