Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Una mostra per gli Imi

La mostra 'Italia-Germania: insieme per una politica della memoria', allestita dall'Anrp (Associazione nazionale reduci dalla prigionia), dall'Internamento, dalla Guerra di liberazione e loro familiari, prima a Berlino e ora a Roma presso la propria sede di via Labicana 15/A, intende contribuire a una comune memoria sulla drammatica vicenda dei 650mila Internati militari italiani (Imi) nei lager nazisti, che dopo l'8 settembre 1943 opposero alle richieste di collaborazione con la Wehrmacht e con la Repubblica di Salò un netto “No!”.

L'esposizione, curata da Luciano Zani, raccoglie reperti originali provenienti dai campi e documenti inediti dell'Archivio storico-diplomatico del ministero degli Esteri, e focalizza l'attenzione che la Repubblica sociale italiana prestò agli internati in Germania: sia per le pressioni dei loro famigliari, sia per l'esigenza di Mussolini e del ministro della Guerra, Rodolfo Graziani, di creare un esercito repubblicano, cui le autorità del Reich erano fermamente contrarie. Il Ministero degli Affari Esteri della Rsi cercò di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei soldati prigionieri, mantenere i contatti e distribuire loro cibo e vestiario provenienti dall'Italia. Ma nel caos successivo all'armistizio fu difficile pianificare interventi e aiuti, il che agevolò i nazisti nell'utilizzare i prigionieri come forza-lavoro con la “civilizzazione” dell'agosto 1944. Le autorità tedesche fornirono vestiario solo al 10% degli internati, i pacchi restarono fermi negli uffici postali, alla frontiera o nei campi, i treni che portavano gli aiuti erano pochi e spesso non potevano passare sul territorio svizzero perché scoperti.

I documenti esposti – giornali, testimonianze del direttore del Servizio assistenza internati e di funzionari del partito fascista repubblicano, lettere di Filippo Anfuso, ambasciatore a Berlino, del ministro Graziani e dello stesso Mussolini - provengono da una sezione speciale (Gabailg - Gabinetto assistenza italiani lavoranti in Germania) istituita a inizio 1945 per dare applicazione agli accordi italo-tedeschi di Bellagio, che avrebbero dovuto definire i termini dell'impiego degli ex Internati e dei molti connazionali che già lavoravano nelle fabbriche del Reich. In contatto con la Croce Rossa Italiana, fu attiva per meno di tre settimane durante cui il responsabile Delfino Rogeri de Villanova cercò di rimpatriare lavoratori e internati dalle zone nelle quali avanzavano gli eserciti russo e anglo-americano.

La seconda parte della Mostra documenta le condizioni di vita e di lavoro degli Imi nei Lager attraverso oggetti, scritti e testimonianze degli internati, tratti dalla Mostra permanente 'Vite di Imi. Percorsi dal fronte di guerra ai lager tedeschi 1943-1945' dell'Anrp e consente di consultare un Albo degli Imi caduti.

“La realizzazione di questo evento è stata resa possibile tra gli altri”, ricorda il presidente dell'Anrp, Enzo Orlanducci, “dai ministeri degli Esteri tedesco e italiano, dagli ambasciatori della Repubblica federale di Germania a Roma e d'Italia a Berlino, dalla direzione dell'Unità di analisi, programmazione, statistica e documentazione storica - Archivio storico del ministero degli Affari esteri italiano e dal direttore dell'Istituto italiano di cultura a Berlino”.

Altri video Cultura

1968. Il Cnr verso nuovi saperi
In un documentario, la webtv dell'Ente offre una panoramica del mondo della ricerca di quegli anni per mostrare i cambiamenti che si verificarono nell'Ente, aprendolo a nuovi campi del sapere

Il Cnr ricorda Vito Volterra
Il matematico e fondatore del Consiglio nazionale delle ricerche è stato celebrato nell'Area della ricerca di Pisa alla presenza del presidente Massimo Inguscio, e di numerose personalità del mondo istituzionale, scientifico e politico

La scienza al Bifest
Al Festival cinematografico di Bari il Cnr ha coinvolto alcuni ricercatori nei dibattiti legati alle proiezioni delle opere del regista tedesco Werner Herzog sui temi dell'ambiente e della natura

Comprendere il canzoniere di De André con gli algoritmi
Lo ha fatto l'Ilc-Cnr, che ha individuato i termini più usati nei dischi del cantautore genovese: sono amore, occhi e cuore

Il Cnr a TourismA 2018
Al Salone dell'archeologia e del turismo culturale, svoltosi a Firenze dal 16 al 18 febbraio, ha partecipato anche il Cnr con alcuni dei suoi Istituti di settore: Ibam, Itabc e Itc

Gli algoritmi possono davvero risolvere tutto?
Oggi si usa spesso questo termine al di fuori dell'ambito informatico o matematico, riducendolo a un metodo per raggiungere uno scopo: trovare l'anima gemella o il luogo di vacanza ideale. Ne abbiamo parlato con Roberto Natalini, direttore dell'Iac-Cnr

Premio Dosi, scienza da leggere
Il riconoscimento mira a diffondere la lettura di libri divulgativi. Il principale riconoscimento è andato a Antonio Cerasa, ricercatore del Cnr, con il volume 'Expert Brain'

Desci, per nuovi modelli di alternanza scuola lavoro
Il progetto, coordinato dall'Irpps-Cnr, propone agli studenti percorsi basati sull'approccio 'Living Lab' che consente ai ragazzi di sviluppare prodotti innovativi sostenibili con il supporto di tutor

Festival del giornalismo culturale: dai musei alla comunicazione
La V edizione della manifestazione, dedicata quest'anno al tema 'Patrimonio culturale. Una storia, 1000 modi per raccontarla', si è svolta tra Urbino, Fano e Pesare dal 12 al 15 ottobre

La scienza prende contatto
Il Festival di Genova, giunto alla 15esima edizione, ospita numerosi eventi, molti dei quali realizzati grazie alla partecipazione del Cnr, socio fondatore e partner istituzionale