Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Lidar: parola chiave per l'atmosfera

Lidar: parola chiave per l'atmosfera (RM file)

L'evoluzione del clima globale, l'assottigliamento dello strato di ozono, l'inquinamento urbano, sono alcune delle problematiche legate alla conoscenza dell'atmosfera; da questo punto di vista l'invenzione del laser ha permesso alla scienza di registrare notevoli progressi grazie allo sviluppo della tecnica lidar (light detection and ranging), messa a punto per la prima volta dall'italiano Giorgio Fiocco nei primi anni '60.

 "Il lidar si basa sul principio del radar, che consiste nell'invio di onde elettromagnetiche su un bersaglio e nella registrazione dell'eco di ritorno dal bersaglio stesso. In questo caso le onde sono quelle luminose e il bersaglio, tecnicamente ‘tracciante', è costituito dai differenti componenti atmosferici: particelle sospese (aerosol), molecole d'aria e altri gas minori come ozono e vapor d'acqua", spiega Fernando Congeduti dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr di Roma. "La caratteristica che nel lidar rende indispensabile il laser piuttosto che altre sorgenti di luce è la concentrazione dell'energia luminosa che questo dispositivo emette: concentrazione sia nel tempo (durata brevissima - qualche miliardesimo di secondo - quindi potenza enorme dell'impulso), sia nello spazio (collimazione, ovvero allargamento ridottissimo del fascio luminoso, che quindi procede nell'atmosfera senza disperdersi), sia nello spettro (che permette di selezionare tra la luce raccolta quella che ha origine dal tracciante).

Varie sono le tecniche lidar usate per lo studio dell'atmosfera. "Nei sistemi più semplici la lunghezza d'onda emessa dal laser e quella dell'eco sono identiche e forniscono misure qualitative della distribuzione degli aerosol e permettono la localizzazione delle nubi", riferisce Gelsomina Pappalardo, dell'Istituto di metodologie per l'analisi ambientale (Imaa)  del Cnr di Potenza. "Esistono poi diversi tipi di lidar: quello ad ‘assorbimento differenziale', il Raman e il Doppler, dove le diverse lunghezze d'onda in trasmissione o ricezione, forniscono misure quantitative di ozono e gas, aerosol e vapor d'acqua, temperatura e vento".

I due istituti Cnr sono impegnati in attività lidar collegate a reti internazionali sia per il monitoraggio della composizione atmosferica in riferimento a possibili cambiamenti climatici, sia per la caratterizzazione della distribuzione degli aerosol su scala continentale. "Oltre dieci anni di osservazioni lidar a Potenza hanno evidenziato la presenza nell'atmosfera di polveri sahariane pressoché tutti i mesi dell'anno, compresi quelli invernali, con maggiore incidenza in primavera-estate e picchi massimi tra maggio e luglio", afferma Pappalardo. "E' stato possibile anche suddividere gli eventi osservati in base alle zone di provenienza: in estate le polveri desertiche hanno origine prevalentemente dal Sahara occidentale e centrale mentre nel periodo gennaio-maggio provengono principalmente dal Sahara centrale".

 "I vari lidar sviluppati nell'area romana dell'Isac-Cnr operano dai primi anni '70 e hanno registrato, ad esempio, le perturbazioni atmosferiche introdotte dalle maggiori eruzioni vulcaniche avvenute alla fine del secolo scorso (El Chichon, Pinatubo). I sistemi attivi al momento sono utilizzati nello studio del vapor d'acqua, uno dei principali gas serra, e degli aerosol, sia di origine antropogenica, come i residui da combustione di motori, sia di origine naturale, come le polveri desertiche o vulcaniche", conclude Congeduti. "Altri due sistemi lidar del nostro istituto, invece, operano nelle basi antartiche di Dumont D'Urville (Fr) e McMurdo (Usa) per misurare le proprietà ottiche e microfisiche delle nubi stratosferiche polari, fondamentali nei processi di distruzione dell'ozono stratosferico".

Gelsomina Pappalardo, Istituto di metodologie per l'analisi ambientale, Tito scalo (Pz), tel. 0971/427265, email pappalardo@imaa.cnr.it

Anna Capasso

Fonte: Fernando Congeduti, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Roma, tel. 06/49934335, email f.congeduti@isac.cnr.it

Altri video Tecnologia

Il computer va a diamanti
Realizzare un pc quantistico con il diamante modificato al laser è quanto si propone un gruppo di scienziati dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano. Un simile strumento potrebbe essere utilizzato anche per la simulazione realistica delle molecole e delle interazioni di un virus come il Covid-19

Navigare fra arte e 3D
Per permettere al pubblico di continuare a godere dell'armonia e della bellezza dell'arte anche durante la quarantena da Coronavirus, molte strutture culturali e museali consentono di ammirare opere d'arte e i monumenti attraverso Internet e le tecnologie 3D. Eva Pietroni dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale illustra alcuni dei progetti del Cnr relativi a questo ambito

Con Tris la scuola fa rete e diventa hi-tech per lo studio a distanza
Il progetto, frutto di un accordo quadro tra Miur e Istituto per le tecnologie didattiche del Cnr, consente agli studenti che non possono frequentare le lezioni in aula per gravi patologie croniche, di godere ugualmente del diritto allo studio e di vedere comunque realizzata una propria dimensione sociale all'interno della classe

Giornata della radio: dalle onde al Dab
Anche quest'anno, il 13 febbraio, si è celebrata questa ricorrenza, che richiama l'attenzione su un mezzo di informazione che ha saputo adattarsi al passare del tempo, rivelando una duttilità e una modernità di cui il suo inventore, Guglielmo Marconi, sarebbe fiero

Droni al servizio della ricerca
Le Unità prevenzione e protezione e formazione e welfare del Cnr hanno organizzato una giornata formativa per definire le linee di indirizzo per la gestione di questi sistemi a pilotaggio remoto

Il Cnr al primo forum dedicato alla new space economy
L'evento mira a valorizzare la filiera produttiva spaziale, un settore al quale l'Ente fornisce supporto scientifico e tecnologico, contribuendo a rendere competitive le aziende nazionali

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
Alla fiera dedicata all'innovazione ha partecipato anche il Consiglio nazionale delle ricerche con talk-conference e prodotti di ricerca, tra i quali, il FlexMaps Pavillion, progettato da Paolo Cignoni del Cnr-Istc

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
All'evento dedicato all'innovazione ha partecipato anche quest'anno il Cnr, presentando prodotti e organizzando talk conference. Particolare interesse ha suscitato il Flexmaps Pavillon, arco ritorto sottile che può essere attraversato dai visitatori

Accordo Cnr-Aeronautica Militare
La collaborazione tra le due strutture è finalizzata a favorire lo sviluppo di lanciatori di piccoli satelliti innovativi da piattaforma aerea

Con Amerigo la ricerca si sposta in fondo al mare
Il lender, realizzato da Cnr-Irbim e Cnr-Imm in collaborazione con l'azienda Rse di Milano, può raggiungere il 6.000 metri di profondità, permettendo di misurare le sostanze disciolte nei fondali marini utilizzate dai microrganismi marini per nutrirsi