Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Lidar: parola chiave per l'atmosfera

Lidar: parola chiave per l'atmosfera (RM file)

L'evoluzione del clima globale, l'assottigliamento dello strato di ozono, l'inquinamento urbano, sono alcune delle problematiche legate alla conoscenza dell'atmosfera; da questo punto di vista l'invenzione del laser ha permesso alla scienza di registrare notevoli progressi grazie allo sviluppo della tecnica lidar (light detection and ranging), messa a punto per la prima volta dall'italiano Giorgio Fiocco nei primi anni '60.

 "Il lidar si basa sul principio del radar, che consiste nell'invio di onde elettromagnetiche su un bersaglio e nella registrazione dell'eco di ritorno dal bersaglio stesso. In questo caso le onde sono quelle luminose e il bersaglio, tecnicamente ‘tracciante', è costituito dai differenti componenti atmosferici: particelle sospese (aerosol), molecole d'aria e altri gas minori come ozono e vapor d'acqua", spiega Fernando Congeduti dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr di Roma. "La caratteristica che nel lidar rende indispensabile il laser piuttosto che altre sorgenti di luce è la concentrazione dell'energia luminosa che questo dispositivo emette: concentrazione sia nel tempo (durata brevissima - qualche miliardesimo di secondo - quindi potenza enorme dell'impulso), sia nello spazio (collimazione, ovvero allargamento ridottissimo del fascio luminoso, che quindi procede nell'atmosfera senza disperdersi), sia nello spettro (che permette di selezionare tra la luce raccolta quella che ha origine dal tracciante).

Varie sono le tecniche lidar usate per lo studio dell'atmosfera. "Nei sistemi più semplici la lunghezza d'onda emessa dal laser e quella dell'eco sono identiche e forniscono misure qualitative della distribuzione degli aerosol e permettono la localizzazione delle nubi", riferisce Gelsomina Pappalardo, dell'Istituto di metodologie per l'analisi ambientale (Imaa)  del Cnr di Potenza. "Esistono poi diversi tipi di lidar: quello ad ‘assorbimento differenziale', il Raman e il Doppler, dove le diverse lunghezze d'onda in trasmissione o ricezione, forniscono misure quantitative di ozono e gas, aerosol e vapor d'acqua, temperatura e vento".

I due istituti Cnr sono impegnati in attività lidar collegate a reti internazionali sia per il monitoraggio della composizione atmosferica in riferimento a possibili cambiamenti climatici, sia per la caratterizzazione della distribuzione degli aerosol su scala continentale. "Oltre dieci anni di osservazioni lidar a Potenza hanno evidenziato la presenza nell'atmosfera di polveri sahariane pressoché tutti i mesi dell'anno, compresi quelli invernali, con maggiore incidenza in primavera-estate e picchi massimi tra maggio e luglio", afferma Pappalardo. "E' stato possibile anche suddividere gli eventi osservati in base alle zone di provenienza: in estate le polveri desertiche hanno origine prevalentemente dal Sahara occidentale e centrale mentre nel periodo gennaio-maggio provengono principalmente dal Sahara centrale".

 "I vari lidar sviluppati nell'area romana dell'Isac-Cnr operano dai primi anni '70 e hanno registrato, ad esempio, le perturbazioni atmosferiche introdotte dalle maggiori eruzioni vulcaniche avvenute alla fine del secolo scorso (El Chichon, Pinatubo). I sistemi attivi al momento sono utilizzati nello studio del vapor d'acqua, uno dei principali gas serra, e degli aerosol, sia di origine antropogenica, come i residui da combustione di motori, sia di origine naturale, come le polveri desertiche o vulcaniche", conclude Congeduti. "Altri due sistemi lidar del nostro istituto, invece, operano nelle basi antartiche di Dumont D'Urville (Fr) e McMurdo (Usa) per misurare le proprietà ottiche e microfisiche delle nubi stratosferiche polari, fondamentali nei processi di distruzione dell'ozono stratosferico".

Gelsomina Pappalardo, Istituto di metodologie per l'analisi ambientale, Tito scalo (Pz), tel. 0971/427265, email pappalardo@imaa.cnr.it

Anna Capasso

Fonte: Fernando Congeduti, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Roma, tel. 06/49934335, email f.congeduti@isac.cnr.it

Altri video Tecnologia

14_2021_Capodimonte, dove ricerca e arte sono alleate
Il Real Bosco, polmone verde di Napoli, è oggetto di studi da parte del Cnr, che è presente  presso il museo di Capodimonte con un laboratorio mobile che indaga le opere d'arte mettendole a nudo. La ministra  del Mur Maria Cristina Messa e la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza lo hanno visitato

Spazio: nuove collaborazioni nel campo del volo umano
Alla Casa dell'aviatore di Roma sono stati siglati importanti accordi per valorizzare le competenze dell'Aeronautica Militare e del Cnr nel settore aerospaziale

Battiato e Cacciapaglia: il suono oltre la parola
Il compositore e musicista milanese conobbe Battiato quando era ancora sedicenne, studente del conservatorio. Ad accomunarli subito la curiosità  verso la sperimentazione e le potenzialità del suono elettronico, che si affermava sulla scena internazionale. Dalla collaborazione per l'album “Pollution” del 1972 l'amicizia e la condivisione artistica non si sono mai interrotte, fino a consolidarsi nella comune ricerca spirituale che li ha portati a condividere anche alcuni viaggi

Ottimismo e tradizione per guardare avanti
La presidente Maria Chiara Carrozza, intervistata da Class Cnbc Italia 4.0, evidenzia, tra gli obiettivi del Cnr, la collaborazione con le imprese come strumento per generare innovazione

La digitalizzazione per la Pa
Ospite della trasmissione Timeline su Sky Tg24, la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza affronta il tema della trasformazione digitale. Riuscire a effettuare questo cambiamento anche nei servizi della Pubblica amministrazione significherebbe vincere una sfida fondamentale

Scorie nucleari, dove depositarle?
In attesa della sistemazione in via definitiva dei rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività, la  Sogin, società pubblica di gestione del nucleare, in collaborazione con i ministeri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, ha pubblicato la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee. Illustra la problematica Mario Tozzi dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Cnr

Al Cnr-Inm, una vasca navale da America’s Cup
La struttura ha ospitato lo staff tecnico di Luna Rossa per le prove dell'imbarcazione in tre edizioni della competizione, come ricordano i ricercatori e i tecnici dell'Ente che hanno partecipato a quelle simulazioni. Tutti pronti  a impegnarsi al massimo, spinti dalla voglia di vincere l'importante gara internazionale

Matematica sulla cresta dell’onda
Tra i settori di ricerca dell'Istituto per le applicazioni del calcolo “Mario Picone” (Iac)  del Cnr c'è lo studio matematico della dinamica dei fluidi. Roberta Bianchini del Cnr-Iac illustra come vengono studiati i modelli che codificano il fenomeno particolare di trasferimento e dissipazione di energia dovuta a interazione di onde nei fluidi

Prima Marte o la Luna?
Negli ipotetici viaggi spaziali, per anni il nostro satellite è stato la principale meta. Oggi anche il Pianeta Rosso si affaccia sullo scenario, stuzzicando gli appetiti e i desideri di molti, ma gli esperti sembrano frenare la possibilità di una missione umana

L’identikit del cibo
Grazie al dispositivo portatile Phasmafood, gli alimenti non hanno più segreti e le contaminazioni e le alterazioni sono a prova di App. Ne parlano le ricercatrici dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr che, con l'Istituto di scienze delle produzioni alimentari, è tra i partner del progetto europeo