Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
A Palermo simulato incendio a mare

Si è svolta a Palermo lo scorso 7 giugno un'esercitazione che ha visto impegnate alcune centinaia di operatori, mezzi aerei, navali e terrestri. Organizzata dagli Istituti del Cnr di biomedicina e immunologia molecolare Alberto Monroy (Ibim), di analisi dei sistemi e informatica Antonio Ruberti (Iasi) e dal Dipartimento regionale della Protezione civile siciliana, nell'ambito del Progetto Europeo Impress (Improving Preparedness and Response of Health Services in Major Crises), l'esercitazione si è basata sulla simulazione di un incendio a bordo di una nave ancorata in prossimità del porto di Palermo, nell'area antistante il Foro Umberto I, con lo sviluppo successivo di una nube tossica che si è diffusa verso il centro della città.

“La demo ha coinvolto ben 700 persone, 110 mezzi terrestri, 17 navali e 5 elicotteri”, spiega Fabio Cibella dell'Ibim-Cnr, “e ha visto impegnate decine di istituzioni e organizzazioni, tra cui Comune di Palermo, Capitaneria di porto, Guardia costiera, Guardia di finanza, Vigili del fuoco, Carabinieri e Polizia”. “Lo scopo della simulazione è stato verificare il supporto che l'applicazione della modellistica può fornire alle decisioni in casi di crisi di grave emergenza, fornendo non soltanto le informazioni disponibili in tempo reale, ma le previsioni sull'andamento della crisi, per esempio relativamente a feriti e vittime, così da gestire al meglio le difficoltà logistiche e operative”, prosegue Andrea de Gaetano dello Iasi-Cnr.

Il ruolo del Cnr, in particolare, “è stato quello di fornire tramite i propri server gli strumenti per prevedere l'evoluzione di una situazione di particolare complessità, che a livello operativo viene gestita tramite terminali portatili”, spiega Giovanni Rinaldi, direttore dello Iasi-Cnr. “Proprio considerando tale complessità, un Ente multidisciplinare come il nostro ha potuto mettere in campo le proprie competenze, in questo caso, dalla bio-matematica alla smart health”, conclude Giovanni Viegi, direttore dell'Ibim-Cnr. I due istituti afferiscono rispettivamente ai dipartimenti Ingegneria, Ict e tecnologie per l'energia e i trasporti e e Scienze biomediche.

Altri video Tecnologia

L’oggetto che cadde sulla Terra
Lo spazio circumterrestre è popolato da migliaia di satelliti e da decine di migliaia di oggetti, una parte dei quali, dopo un periodo trascorso in orbita, rientra nell'atmosfera del nostro Pianeta, producendo frammenti in grado di raggiungere il suolo

App Immuni: come funziona
Quando due persone si trovano vicine, ciascun dispositivo registra il codice dell'altro e, nel caso in cui uno dei due individui venga contagiato dal Coronavirus, autorizza a inviare un messaggio ai dispositivi che utilizzano l'applicazione. A spiegarlo è Giovanni Sebastiani, ricercatore dell'Istituto per le applicazioni del calcolo del Cnr

L’e-commerce e i nuovi modelli di business
La pandemia ha incrementato gli acquisti a distanza, un'abitudine che, secondo gli esperti, proseguirà anche in futuro, come sottolinea Greta Falavigna, dell'Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Cnr, che evidenzia quindi la necessità che anche i commercianti al dettaglio si adeguino alle regole dell'e-commerce

Il computer va a diamanti
Realizzare un pc quantistico con il diamante modificato al laser è quanto si propone un gruppo di scienziati dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano. Un simile strumento potrebbe essere utilizzato anche per la simulazione realistica delle molecole e delle interazioni di un virus come il Covid-19

Navigare fra arte e 3D
Per permettere al pubblico di continuare a godere dell'armonia e della bellezza dell'arte anche durante la quarantena da Coronavirus, molte strutture culturali e museali consentono di ammirare opere d'arte e i monumenti attraverso Internet e le tecnologie 3D. Eva Pietroni dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale illustra alcuni dei progetti del Cnr relativi a questo ambito

Con Tris la scuola fa rete e diventa hi-tech per lo studio a distanza
Il progetto, frutto di un accordo quadro tra Miur e Istituto per le tecnologie didattiche del Cnr, consente agli studenti che non possono frequentare le lezioni in aula per gravi patologie croniche, di godere ugualmente del diritto allo studio e di vedere comunque realizzata una propria dimensione sociale all'interno della classe

Giornata della radio: dalle onde al Dab
Anche quest'anno, il 13 febbraio, si è celebrata questa ricorrenza, che richiama l'attenzione su un mezzo di informazione che ha saputo adattarsi al passare del tempo, rivelando una duttilità e una modernità di cui il suo inventore, Guglielmo Marconi, sarebbe fiero

Droni al servizio della ricerca
Le Unità prevenzione e protezione e formazione e welfare del Cnr hanno organizzato una giornata formativa per definire le linee di indirizzo per la gestione di questi sistemi a pilotaggio remoto

Il Cnr al primo forum dedicato alla new space economy
L'evento mira a valorizzare la filiera produttiva spaziale, un settore al quale l'Ente fornisce supporto scientifico e tecnologico, contribuendo a rendere competitive le aziende nazionali

Scopri, inventa, crea… Maker faire!
Alla fiera dedicata all'innovazione ha partecipato anche il Consiglio nazionale delle ricerche con talk-conference e prodotti di ricerca, tra i quali, il FlexMaps Pavillion, progettato da Paolo Cignoni del Cnr-Istc