Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Rileggere i papiri alla luce di sincrotrone

Un team scientifico internazionale coordinato da Vito Mocella dell'Istituto per la microelettronica e microsistemi del Consiglio nazionale delle ricerche (Imm-Cnr) di Napoli ha scoperto, presso il European Synchrotron Radiation Facility (Esrf) di Grenoble (Francia), la presenza di inchiostro metallico in due frammenti di rotoli di Ercolano, dimostrando che il suo utilizzo inizia ben quattro secoli prima di quanto finora ritenuto. Allo studio, pubblicato sulla rivista Proceeding of National Academy of Sciences of the United States of America (Pnas), hanno partecipato anche l'Institut national de la santé et de la recherche médicale, l'Università di Grenoble – Alpes, il Cnrs (Francia) e l'Università di Gand (Belgio).

“I papiri di Ercolano, carbonizzati dall'eruzione del Vesuvio, sono un tesoro dell'umanità, sono l'unica biblioteca dell'epoca che ci è pervenuta nella quasi interezza e contengono per lo più testi filosofici di una scuola epicurea ma anche di altra tipologia storico-letteraria databili fra il III secolo a.C. e il I secolo d.C.”, dice Vito Mocella dell'Imm-Cnr. “Finora si pensava che prima del IV-V secolo d.C. il metallo non fosse presente nell'inchiostro dei papiri greco-romani; con il nostro lavoro, combinando diverse tecniche non distruttive di luce di sincrotrone, abbiamo dimostrato la presenza di piombo nella composizione dell'inchiostro di due frammenti, ovviamente precedenti all'eruzione dell'anno 79 d.C., stabilendo inoltre che l'alta concentrazione del metallo non può dipendere da un'eventuale contaminazione con il piombo presente nei sistemi idrici o dall'utilizzo di un calamaio di bronzo”.

Già lo scorso anno l'équipe internazionale era stata in grado di rivelare alcune lettere greche e un alfabeto quasi completo nei rotoli di Ercolano; un nuovo traguardo è stato quindi segnato nello studio di questi affascinanti manoscritti, aprendo di fatto nuove prospettive di ricerca anche per altri reperti archeologici.

Altri video Cultura

1968-2018: spedizioni in Antartide a confronto
Il filmato della WebTvCnr avvicina l'impresa del 33enne americano Colin O'Braday che ha compiuto lo scorso anno una traversata in solitaria al Polo Sud, a quella effettuata nel 1968 da Cnr e Cai

Premio divulgazione scientifica ‘Giancarlo Dosi’
Nel corso della cerimonia conclusiva, svoltasi a Roma presso l'Aula convegni del Consiglio nazionale delle ricerche lo scorso 13 dicembre, il riconoscimento è andato a Leonardo Luccone per 'Questione di virgole'. All'evento sono intervenuti, tra gli altri, il segretario generale del Censis Giorgio De Rita e Sesto Viticoli, vice presidente Airi

95 anni di futuro
Il discorso del presidente del Cnr Massimo Inguscio all'evento della celebrazione dei 95 anni dalla nascita dell'Ente

La cultura nella società iperconnessa
Questo il tema affrontato quest'anno dal Festival del giornalismo culturale, che si è svolto dal 25 al 28 ottobre nelle Marche, tra Pesaro, Urbino e Fano. Nella giornata di apertura presentati i risultati della ricerca dell'Osservatorio News-Italia Università di Urbino sui modi in cui gli italiani fruiscono dell'informazione culturale

Italia e Spagna: carte a confronto
Il tema è stato al centro di '70 + 40 e il futuro del costituzionalismo italiano e spagnolo', evento che si è tenuto a Roma, presso la sede centrale del Cnr, alla presenza del presidente Massimo Inguscio e del vice presidente Tommaso Frosini

1968. Il Cnr verso nuovi saperi
In un documentario, la webtv dell'Ente offre una panoramica del mondo della ricerca di quegli anni per mostrare i cambiamenti che si verificarono nell'Ente, aprendolo a nuovi campi del sapere

Il Cnr ricorda Vito Volterra
Il matematico e fondatore del Consiglio nazionale delle ricerche è stato celebrato nell'Area della ricerca di Pisa alla presenza del presidente Massimo Inguscio, e di numerose personalità del mondo istituzionale, scientifico e politico

La scienza al Bifest
Al Festival cinematografico di Bari il Cnr ha coinvolto alcuni ricercatori nei dibattiti legati alle proiezioni delle opere del regista tedesco Werner Herzog sui temi dell'ambiente e della natura

Comprendere il canzoniere di De André con gli algoritmi
Lo ha fatto l'Ilc-Cnr, che ha individuato i termini più usati nei dischi del cantautore genovese: sono amore, occhi e cuore

Una mostra per gli Imi
L'esposizione sugli Internati militari italiani, organizzata a Roma dall'Associazione nazionale reduci dalla prigionia e patrocinata dal Cnr, ricorda la condizione tragica di quanti, dopo l'8 settembre 1943, rifiutarono di continuare a combattere a fianco dei tedeschi e di aderire alla Repubblica sociale italiana