Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
Nanocontrachem per la decontaminazione ambientale

L'Istituto di scienze e tecnologie molecolari (Istm) del Cnr di Milano, nell'ambito del progetto Nanocontrachem, patrocinato e finanziato dalla Nato, è impegnato nello sviluppo di nuovi polveri per la decontaminazione da sostanze chimiche altamente tossiche, incluse quelle utilizzate negli attacchi terroritistici. “Rispetto a quelle già disponibili, le nuove polveri presentano delle formulazioni più efficaci ma che, al tempo stesso, generano meno cloro attivo, sostanza ad alto impatto ambientale”, spiega il coordinatore Matteo Guidotti.

Una polvere decontaminante, come quelle prodotte nel laboratori Istm-Cnr, si compone di tre ingredienti principali: la bentonite, un'argilla naturale che viene estratta dalle miniere, che funziona come un setaccio molecolare in grado di assorbire e rimuovere la sostanza contaminante; il sale di ferro che viene utilizzato come catalizzatore per l'ossidazione, perché solamente con un processo di ossidazione è possibile trasformare e degradare in composti molto meno tossici, il perborato di sodio, sostanza ossidante solida, che in presenza di acqua è capace di generare perossido di idrogeno, l'acqua ossigenata, con un'aziona degradante, ossidante e distruttiva nei confronti di armi chimiche molto potenti.

“Queste polveri decontaminanti possono essere impiegate dal personale civile quali vigili del fuoco, soccorritori, operatori del 118, insomma da tutti coloro che si trovano a operare in un ambito di soccorso in incidenti non convenzionali, incidenti connessi con l'uso di sostanze altamente tossiche”, conclude Guidotti.

Altri video Ambiente

Nobile, i 90 anni della missione al Polo Nord
L'anniversario è stato ricordato con una conferenza dal Museo della scienza di Milano, alla quale ha partecipato anche Massimo Inguscio. Il presidente del Cnr nel suo intervento, ha ricordato il ruolo dell'Ente nella ricerca in Artico

Setac 2018, per la salvaguardia ambientale
Il meeting dell'organizzazione mondiale dedita allo studio dei problemi ambientali e alla loro soluzione si è svolto per la prima volta a Roma. Dal 13 al 16 maggio, 60 studiosi si sono radunati per illustrare le ricerche compiute nelle scienze ambientali. Tra i partecipanti, Anna Barra Caracciolo e Paola Grenni dell'Istituto di ricerca sulle acque del Cnr

La ricerca artica del Cnr
A raccontarla, Massimiliano Vardè dell'Idpa, station leader della base 'Dirigibile Italia'

Il Cnr alle Svalbard
Il presidente dell'Ente Massimo Inguscio, durante la sua visita alla stazione Dirigibile Italia, intervistato dal Tg Leonardo di Rai3, ha illustrato l'attività svolta dai ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche in Artico

L’osservatorio climatico di Monte Cimone
La struttura, gestita dall'Isac-Cnr, è l'unica stazione montana per studi atmosferici a sud delle Alpi e della Pianura Padana e vi si svolgono in modo continuativo misure sui composti clima-alteranti ed inquinanti, sulla radiazione solare e sui parametri meteorologici

Il ruolo dell’Italia nel grande gioco energetico europeo
Dell'argomento si è discusso a Roma, il 20 febbraio, nel corso dell'evento 'Follow the energy' organizzato da Il Nodo di Gordio, al quale ha partecipato anche Emilio Fortunato Campana, direttore del Diitet-Cnr

High North, la Marina Militare in Artico
Dopo 90 anni riprende la ricerca scientifica in mare, coordinata dall'Istituto idrografico e con la collaborazione di Cnr, Ogs, Enea e Nato Cmre

Il Cnr al Futura Festival
L'Ente ha partecipato alla manifestazione con un evento dedicato alla ricerca italiana in Antartide. A parlarne sono stati Angelo Domesi del Dta-Cnr e Vitale Stanzione dell'Isafom-Cnr, in collegamento con la base italo-francese Concordia

Ondate di calore in aumento
Il dato è riportato da uno studio condotto da quattro strutture di ricerca fiorentine e coordinato dall'Ibimet-Cnr

Scoperte le origini dei 'coralli' di Venezia
A rivelarle, uno studio multidisciplinare sulle 'tegnue', coordinato dall'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche e pubblicato su 'Scientific Reports'