Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Il progetto Clara per città più smart

Matera, capitale europea della cultura per il 2019, si è trasformata per un giorno in 'living lab’: la comunità scientifica del progetto Clara ha 'occupato’ il centro storico della città dei sassi con sensori, interferometri, fibre ottiche, accelerometri, per lo studio geofisico del sottosuolo

Il sottosuolo urbano rappresenta un ambiente geologico che influenza la sicurezza del territorio, pensiamo alle faglie sismiche o alle frane, ma è anche un serbatoio di risorse economiche e culturali e uno spazio fisico dove realizzare e gestire infrastrutture strategiche, come le reti  energetiche o per la mobilità urbana “L’obiettivo del Progetto Clara è lo sviluppo di tecnologie e sistemi innovativi per la diagnostica non invasiva del sottosuolo per la mitigazione del rischio sismico ed idrogeologico dei centri abitati”, spiega Vincenzo Lapenna, direttore dell’Istituto di metodologie per l’analisi ambientale (Imaa) del Cnr e coordinatore della prima campagna di misure del progetto. “Saranno disponibili anche smart application per la percezione, comunicazione e mitigazione dei rischi naturali da parte della popolazione”.

Promotore del progetto, che ha ottenuto il finanziamento del Miur, è un partenariato misto pubblico/privato che vede la partecipazione di Enti di ricerca, Università, piccole e grandi imprese, tra cui gli istituti Cnr Imaa, Irea, Istc, l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale, l’Università di Ferrara, le società Ids e Geostudi Astier.

Tre le aree di studio, oltre a Matera, per lo studio del sottosuolo urbano, la provincia di Enna, per la mitigazione del rischio idrogeologico, e il comune di Ferrara, interessato a redigere un adeguato piano per prevenzione del rischio sismico e di salvaguardia di beni architettonici e monumentali.

“Matera ha un enorme patrimonio culturale, è città Unesco nonché capitale europea della cultura 2019. È quindi fondamentale l’applicazione di tecnologie avanzate che ci consentano di capire come conservare e riutilizzare questo patrimonio. Una componente fondamentale che ci aspettiamo che il progetto Clara possa contribuire a sviluppare, nell’ambito dell’idea di sviluppo di città intelligenti”, dichiara Giovanni Schiuma, vice sindaco del Comune di Matera.

“Ferrara è città del rinascimento, patrimonio dell’umanità dal 1995, quindi una città storicamente molto importante, che nel maggio del 2012 è stata interessata da due eventi sismici del tutto inaspettati per un territorio come quello della regione Emilia-Romagna”, conclude Caterina Ferri, assessore all’Ambiente del Comune di Ferrara. “E’ quindi molto forte il nostro interesse per il progetto Clara che, grazie al lavoro dei ricercatori del Cnr, in sinergia con imprese ed Enti pubblici, consentirà di avere conoscenze più approfondite del sottosuolo e della percezione del rischio sismico nella cittadinanza”.

Altri video Tecnologia

La geologia marina in Italia
I geologi marini si sono riuniti in convegno a Roma, presso il Cnr, lo scorso 21 e 22 febbraio, per favorire un confronto sul tema delle geoscienze marine tra mondo scientifico, istituzionale e industriale. Nel corso dell'evento è stato lanciato l'allarme sulla carenza di navi oceanografiche da ricerca in Europa

2019, il compleanno della Tavola periodica
Nato 150 anni fa, questo strumento permette di raggruppare gli elementi chimici con proprietà simili. Pietro Calandra, ricercatore dell'Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del Cnr spiega come, con il cosiddetto 'saggio alla fiamma' sia possibile individuare gli elementi chimici presenti in un composto

Pepper: il robot umanoide del Cnr-Icar
La macchina realizzata dal Cnr-Icar, può avere applicazioni in diversi settori, da quello educativo a quello assistenziale ad anziani e disabili

Sportello matematico, un supporto alle imprese
Il progetto del Cnr-Iac mette le conoscenze matematiche al servizio dell'industria, migliorando i flussi e le previsioni di vendita e riducendo gli sprechi.

Le strade italiane in un museo virtuale
Realizzato da Anas in collaborazione con il Cnr-Itabc, Muvias racconta la storia d'Italia, dall'Unità a oggi, attraverso quella della sua rete viaria

Il passato ritorna con le nuove tecnologie
Il loro utilizzo consente di svolgere attività di indagine, conservazione e valorizzazione degli antichi beni architettonici, oltre a favorirne la fruizione attraverso applicazioni interattive e musei virtuali, come ricorda Augusto Palombini del Cnr-Itabc

Edilizia scolastica: verso nuove strategie
Il presidente del Cnr Massimo Inguscio ha illustrato a Rai Parlamento l'accordo con l'Asi per la mappatura satellitare degli edifici scolastici al fine di valutarne condizioni e stabilità

Cavibeer, la rivoluzione della birra
La nuova tecnologia per la produzione di questa bevanda, brevettata dal Cnr e dalla società Bysea, consente di ridurre del 50% i tempi di lavoro e del 40% il consumo energetico

Le altre intelligenze
Tv 2000 – Nella trasmissione 'Dapprima' si parla di esseri intelligenti e di come manifestino le capacità intellettive, con le dovute differenze e confronti.

La rivoluzione dell’Ai: necessario investire e collaborare
Di Intelligenza artificiale si è discusso presso la sede centrale del Cnr in occasione della presentazione del saggio sull'argomento scritto dal giornalista Lorenzo Pinna, alla quale ha partecipato il padre dei divulgatori scientifici, Piero Angela