Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Il ‘nuovo look’ delle Terme achilliane

Lo scorso 13 gennaio, protagoniste assolute dell’evento 'Smart Ligthing for Catania’ sono state le Terme achilliane, tra i principali impianti termali pubblici di età romana conservati nella città di Catania e poste al di sotto dell’area archeologica della moderna piazza Duomo, dove si trova l’Elefante in pietra lavica, simbolo di Catania.

L’evento ha avuto inizio con la presentazione dell’applicazione prodotta per la collana multimediale dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam) del Cnr di Catania, diretto da Daniele Malfitana, e frutto del lavoro di un team multidisciplinare di archeologi, informatici e fotografi specializzati del Laboratorio di archeologia immersiva e multimedia. Coniugando rigore scientifico e capacità comunicative, l’App offre una nuova esperienza di visita del monumento attraverso cui l’utente, lo specialista e il turista in visita alla città possono avvicinarsi al monumento antico, esplorandone ogni angolo e immergendosi in un contesto archeologico affascinante.

Al termine, è stata inaugurata la nuova illuminazione delle Terme, programmata dall’Ibam-Cnr per valorizzre il patrimonio culturale della città di Catania. Le strutture dell'impianto, costruito nel II secolo d.C. e ancora oggi ben conservato, sono state dotate di un nuovo sistema a basso impatto ambientale, sviluppato con tecnologie led di ultima generazione. La nuova illuminazione, curata e diretta da Marzia Paladino, è stata inserita fra gli eventi dell’International Year of Light and Light-based Technologies 2015, un’iniziativa sostenuta dall’Unesco e finalizzata all’innovazione tecnologica mediante l’uso sapiente delle luci.

Attraverso lo studio degli angoli di emissione della luce, della distanza, dei flussi e dell’intensità luminosa, è stato possibile ottenere una corretta percezione dei colori e dei contrasti cromatici, tenendo conto delle esigenze specifiche delle diverse aree e adeguando così l’impianto di illuminazione alle più moderne esigenze e normative in campo di risparmio energetico. La precisione dei led permette di distinguere in modo più chiaro anche le diverse stratificazioni nella costruzione dell’edificio e di creare, tra giochi e alternanze di ombre, ambienti dal diverso impatto emotivo.

Giovanni Fragalà

Altri video Cultura

Post Covid: gli italiani ripartono dalla cultura
Un'indagine alla quale ha collaborato anche l'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Cnr ha rivelato che, con il progressivo ritorno alla normalità, è forte il desiderio di tornare a fruire degli spazi culturali, soprattutto musei, cinema e teatri

Semplicemente Appia
Realizzato dall'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, il video racconta la storia della via consolare attraverso le parole del suo artefice, il censore Appio Claudio Cieco

Retake, a via dei Ramni torna il colore
Il volontari del movimento che combatte il degrado dell'area più “scientifica” della Capitale hanno avviato i lavori per la sistemazione della facciata posteriore del Cnr, imbrattata da scritte vandaliche

Roma, territorio dell’immaginario grazie all’archeologia
La città e i suoi beni monumentali hanno ispirato e fatto da scenografia a molti film, come sottolinea Augusto Palombini dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, ricordando il rapporto della Città eterna col cinema.

Maturità: perché nei sogni gli esami non finiscono mai
È un rito di transizione fondamentale, che segna l'ingresso nella vita adulta, eliminarlo a causa della pandemia avrebbe privato i ragazzi “di questo vissuto, di questo momento di passaggio, che è eterno ed è, come dice Freud, un ricordo indelebile”, spiega Anna Lo Bue dell'Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica del Cnr

“L’Urlo” torna al museo grazie al Cnr
Il dipinto di Munch potrà tra breve essere esposto di nuovo nell'omonimo museo di Oslo, grazie agli studi sull'opera condotti da un team internazionale coordinato dal Consiglio nazionale delle ricerche. I ricercatori hanno rilevato che a determinare il suo deperimento non è tanto la luce ma l'umidità

La pandemia influenza le parole
A evidenziarlo è Cristina Marras dell'Istituto per il lessico intellettuale delle idee del Cnr, che cita alcuni dei termini più usati da quando si è diffuso il Coronavirus: da infodemia a virale, fino al ricorso frequente a vocaboli legati alla guerra

Il Cnr a TourismA 2020
La pandemia in atto non permette di accedere a musei e siti archeologici, ma usando smartphone o pc è possibile ugualmente visitare i luoghi della cultura, grazie alle tecnologie digitali. A queste - come ci spiega Augusto Palombini - ricorre anche l'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, che al Salone archeologia e turismo culturale di quest'anno ha proposto alcune realizzazioni messe a punto dai suoi laboratori di Virtual Heritage: dal videogioco “Difendi le mura” alla ricostruzione digitale di città antiche. Un modo alternativo per confrontarsi con la conoscenza del passato e delle sue calamità

La ricerca per costruire un nuovo futuro
La scienza e la conoscenza sono importanti in questo momento di emergenza dovuta alla pandemia di Coronavirus, come sottolinea il presidente del Cnr Massimo Inguscio, intervistato da Rai News 24

l digiuno tra fede, salute e mode
In un periodo in cui l'epidemia da Coronavirus costringe tutti a rinunce e sacrifici e che per i credenti coincide con la Quaresima, tempo di fioretti e astinenza, abbiamo voluto porre a confronto le valutazioni di un medico e di un sacerdote sul digiuno, pratica ormai trasversale a medicina, religione e tendenze. Ce ne parlano quindi Roberto Volpe, medico del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Cnr, e Gerardo Battaglia, presbitero della Diocesi di Palestrina, parroco di San Carlo Borromeo in Cave