Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Salute
Fai uno sbaglio? Le donne lo capiscono prima

Fai uno sbaglio? Le donne lo capiscono prima (RM file)

Il gruppo di ricerca di Alice Mado Proverbio dell'Università di Milano-Bicocca insieme a Federica Riva e Alberto Zani dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare (Ibfm) del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano ha registrato i potenziali bioelettrici cerebrali negli esseri umani alla ricerca dei ‘neuroni specchio', già identificati nella scimmia con registrazione da singola cellula. Lo studio, recentemente apparso sulla rivista Neuropsychologia, consente di comprendere i processi neuronali che si attivano nel momento in cui osserviamo un'azione ‘sbagliata' inducendoci, per esempio, a non imitarla.

"E' noto", spiega Alice Mado Proverbio, "che azioni dotate di scopo, come raccogliere un frutto per mangiarlo, attivano il sistema fronto-parietale di ‘neuroni specchio' (riguardante il giro frontale inferiore, il lobulo parietale inferiore sinistro e il solco temporale superiore, STS),  in misura maggiore di azioni non finalizzate o meno salienti, per esempio, raggiungere un frutto senza raccoglierlo, oppure raccoglierlo per poi gettarlo via". Sembra, quindi, che esistano popolazioni neurali premotorie e somatosensoriali coinvolte sia nell'osservazione delle azioni finalizzate compiute da altri, sia nell'imitazione, nell'immedesimazione e nell'apprendimento".

Mado Proverbio e i suoi colleghi hanno testato l'esistenza di questo circuito in 23 studenti universitari maschi e femmine, stimolandoli con immagini visive e registrando da 128 sensori l'attività cerebrale evocata dalla stimolazione mediante la tecnica dei potenziali bioelettrici evocati dalla stimolazione sensoriale (potenziali correlati ad eventi, ERP).

 Al gruppo campione sono state sottoposte centinaia di immagini che ritraggono persone mentre compiono un'azione appartenente al normale repertorio comportamentale dell'essere umano (fare un bagno, scrivere una ricetta, brindare...) mettendole a confronto con altre che mostrano azioni prive di scopo o dalla finalità incomprensibile (stare in piedi su una gamba sola nel deserto, succhiare da una cannuccia posta nella coppa dell'olio di un'automobile, aprire un uovo alla coque con l'accetta etc.).

"Agli osservatori", prosegue Mado Proverbio, "non veniva chiesto di valutare l'appropriatezza delle scene ritraenti esseri umani, bensì di rispondere alla comparsa di paesaggi urbani o naturali, allo scopo di evitare processi decisionali guidati da variabili soggettive (come l'etica, la morale, ecc..). I dati hanno evidenziato il riconoscimento automatico delle immagini dotate di scopo e la distinzione da quelle inappropriate, a partire dai 170-200 millisecondi post-stimolo, soprattutto nel cervello femminile che evidenzia un'elaborazione più rapida.

La ricostruzione LORETA del generatore intracorticale indica che le regioni più attive durante il riconoscimento di azioni sensate e appropriate sono le aree infero parietali (BA40), il giro frontale inferiore sinistro, le aree motorie e premotorie (BA6 e BA4), il STS e la corteccia extra-striata (che codifica le facce e i corpi).

Dopo circa  450-600 ms si osserva il picco della risposta negativa ai gesti improbabili e inappropriati, con una connotazione di tale reazione più affettiva nella donna (corteccia cingolata e sistema limbico, STS) e più razionale nell'uomo (corteccia orbitofrontale e STS)".  I dati sembrano dunque "suggerire una maggiore suscettibilità femminile alle azioni incongruenti", conclude Mado Proverbio "e forniscono nuove prove dell'esistenza dei ‘neuroni specchio' anche negli esseri umani (oltre che nei primati), e del loro ruolo nei comportamentali sociali complessi di imitazione, apprendimento e valutazione dell'appropriatezza".

 

Maria Teresa Dimitri

Fonte: Alice Mado Proverbio, Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr di Milano, università Milano-Bicocca, tel. 02/21717511, email alice.mado.proverbio@ibfm.cnr.it

Altri video Salute

Covid fase 2: la sanificazione delle chiese
A dare indicazioni sulle modalità corrette per operarla è Matteo Guidotti dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Cnr di Milano, che sottolinea come in questi luoghi siano sconsigliate alcune delle soluzioni igienizzanti adeguate invece per un uso domestico

Mvm, il ventilatore meccanico per l’emergenza Covid-19
Gli Istituti di sistemi e tecnologie industriali intelligenti per il manifatturiero avanzato (Stiima) e per la scienza e tecnologia dei plasmi (Istp) del Cnr di Milano hanno collaborato alla realizzazione di un ventilatore meccanico a basso costo e replicabile velocemente su larga scala, utilizzabile nelle terapie intensive per i malati di Coronavirus

Una app per controllare a distanza i pazienti
Per supportare il settore sanitario, sotto pressione per la pandemia di Coronavirus, gli Istituti di fisiologia clinica e di scienze e tecnologie del Cnr di Pisa hanno realizzato un'applicazione che permette il monitoraggio a distanza dei pazienti

Coronavirus: come sanificare le superfici
Matteo Guidotti dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Cnr spiega come preparare disinfettanti in casa, utilizzando prodotti come alcol, acqua ossigenata o candeggina, ai quali va aggiunta acqua potabile

La peste nella storia di Napoli
Prima dell'affermazione dello Stato sociale, nel nostro Paese soccorsi e assistenza sanitaria erano basati sulla beneficienza, sui lasciti e sulle donazioni. In tal modo venne gestita anche l'emergenza provocata dall'epidemia di peste che colpì Napoli nel 1656, provocando la morte di metà della popolazione della città campana, come spiega Raffaella Salvemini del Cnr-Ismed

Sostieni insieme a noi la ricerca
Fino al 16 aprile è possibile sostenere la ricerca del Cnr per lo studio di terapie innovative sul Coronavirus, facendo una donazione al numero 45587 con un sms o con una chiamata da rete fissa. Partner dell'iniziativa la Lega Serie B e gli ospedali pediatrici Bambino Gesù, Gaslini, Mayer

Cos’è il Coronavirus
Lo spiega Giovanni Maga, virologo dell'Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche, nel video di due minuti che inaugura il nuovo spazio di informazione “Il Cnr risponde” visibile sulla Web tv, ma anche sul portale e sui canali social dell'Ente

Disinfettante “fai da te” contro il Coronavirus
Per approfondire i temi legati all'emergenza Covid_19, Matteo Guidotti, ricercatore dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche "Giulio Natta" del Cnr di Milano, presenta una “ricetta fatta in casa” per realizzare un disinfettante in grado di disattivare il virus sulle superfici in un minuto

Coronavirus: le misure sanitarie
Intervistato dal Gr1Rai sulla malattia, Giovanni Maga direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr, fornisce alcuni dettagli relativi alla diffusione, al decorso e alla sintomatologia e sottolinea la necessità di “circoscrivere le zone potenzialmente interessate”

Pm10 anche in laboratorio
Lo rivela il progetto Viepi, al quale ha collaborato anche il Cnr-Iia, che ha esaminato gli ambienti di lavoro all'interno di università e centri di ricerca, rivelando la presenza di aria “cattiva” negli spazi indoor