Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Pollock visto dal Molab

Il Molab, laboratorio mobile per le indagini non invasive sulle opere d'arte dell'Università di Perugia e del Cnr, ha partecipato al primo progetto internazionale di analisi delle 11 opere di Jackson Pollock della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Da martedì 11 a venerdì 14 giugno i dipinti dell'artista americano custoditi nel museo sono stati oggetto di approfonditi studi scientifici. Al Molab lavora uno staff di esperti dell'Istituto di scienze e tecnologie molecolari (Istm), dell'Istituto nazionale di ottica (Ino) del Cnr e del Centro SMAArt di Perugia, e ha al suo attivo importanti interventi nei maggiori musei italiani ed europei. Tra i dipinti finora indagati: la 'Vergine delle Rocce' alla National Gallery di Londra, la 'Madonna Litta' e 'Madonna Benois' all'Hermitage di San Pietroburgo dipinti da Leonardo, la 'Lamentazione su Cristo morto' di Bronzino al Musée des Beaux Art et Archeologie, di Besançon, la 'Pala Baglioni' di Raffaello (Galleria Borghese, Roma) e opere di Paul Cézanne, Pierre-Auguste Renoir (Courtauld Institute of Art di Londra) Vincent Van Gogh (Otterlo Museum), Pablo Picasso (Musee Picasso, Antibes).

"Sui dipinti di Pollock", spiega Costanza Miliani dell'Istm-Cnr e coordinatrice del laboratorio, "abbiamo effettuato l' analisi elementare (fluorescenza a raggi X) e molecolare (spettroscopia Raman, Ftir, fluorescenza UV-vis), puntuale e di immagini per analizzare i colori utilizzati dall'artista, riflettografia multispettrale Vis-Nir con lo scopo di studiare la tecnica pittorica adoperata e lo stato di conservazione delle opere".

Al progetto ha partecipato un team internazionale di esperti: oltre al Molab e allo staff della Collezione Peggy Guggenheim, curatori, conservatori e scienziati del Getty Conservation Institute di Los Angeles, del Solomon R. Guggenheim Museum di New York, del Seattle Art Museum, dell'Opificio delle pietre dure di Firenze e del Laboratorio di diagnostica di Spoleto. Il progetto di ricerca è coordinato da Luciano Pensabene Buemi, conservatore della Collezione Peggy Guggenheim e da Carol Stringari, conservatore capo del Guggenheim Museum di New York.

Jackson Pollock, padre del movimento 'Action painting', è famoso per le sue opere eseguite con la tecnica del 'dripping' facendo sgocciolare il colore sulla tela distesa per terra. Peggy Guggenheim ha sempre considerato il sostegno dato a Jackson Pollock il traguardo più importante mai raggiunto durante la sua carriera di gallerista e collezionista. Fu lei a commissionargli numerosi dipinti, a organizzargli personali, a vendere e donare molte sue opere a musei e collezionisti internazionali e a organizzare la sua prima mostra in Europa al Museo Correr a Venezia. Per queste ragioni, le opere che Peggy ha scelto di tenere per sé e per la propria collezione personale, hanno un valore aggiunto.

Sandra Fiore

Fonte: Milani Costanza, Istituto di scienze e tecnologie molecolari, Perugia, tel. 075/5855639, email costanza.miliani@cnr.it

Altri video Cultura

Sperimestate 2019
Il progetto, realizzato dal Cnr-Isof con gli studenti delle scuole medie superiori, è stato dedicato alla Tavola periodica, di cui ricorre quest'anno il 150esimo anniversario, e in particolare a due suoi elementi: l'Elio e l'Indio

Rivoluzione scientifica e scienze umane
Dell'importanza delle discipline umanistiche si è parlato nel corso dell'evento 'Le scienze dimenticate', organizzato  presso il Cnr dalla Fondazione Antonio Ruberti, con la partecipazione di Rens Bod, docente di Informatica umanistica all'Università di Amsterdam

L’Infinito tra scienza e poesia
A esaminare la presenza della componente scientifica nella lirica di Leopardi è il ricercatore dell'Istituto nazionale di ottica del Cnr Alessandro Farini, che sottolinea la similitudine tra lo stupore - davanti ai misteri della natura e della realtà - del poeta e quello dello scienziato, che proprio da questo sentimento trae ispirazione per le sue ricerche

L’Italia sul tetto del mondo
La conquista del K2 da parte di una spedizione guidata da Ardito Desio e organizzata, tra gli altri, anche dal Cnr, è stata ricordata in un evento svoltosi nella sede di Roma dell'Ente. Presenti anche la figlia dell'esploratore, Mariela, e l'ambasciatore del Pakistan, Nadeem Riyaz

Quando da un’intuizione nasce una grande scoperta
All'argomento è stato dedicato un convegno, organizzato dalla Cappellania degli Enti di ricerca del Miur, che si è svolto a Roma. Vi hanno partecipato anche il presidente e il direttore del Dipartimento di scienze biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche

Zerocalcare, nuovo albo per Comics & Science
Il fumettista ha collaborato alla realizzazione del volume 'Educazione subatomica' (Edizioni Cnr), descrivendo quanto ha visto nel corso della visita al Sincrotrone di Trieste. L'evento è stato l'occasione anche per intervistare il disegnatore, che ha raccontato perché ha scelto di esprimersi attraverso i fumetti, da cosa trae ispirazione e quali sono i suoi progetti per il futuro

1968-2018: spedizioni in Antartide a confronto
Il filmato della WebTvCnr avvicina l'impresa del 33enne americano Colin O'Braday che ha compiuto lo scorso anno una traversata in solitaria al Polo Sud, a quella effettuata nel 1968 da Cnr e Cai

Premio divulgazione scientifica ‘Giancarlo Dosi’
Nel corso della cerimonia conclusiva, svoltasi a Roma presso l'Aula convegni del Consiglio nazionale delle ricerche lo scorso 13 dicembre, il riconoscimento è andato a Leonardo Luccone per 'Questione di virgole'. All'evento sono intervenuti, tra gli altri, il segretario generale del Censis Giorgio De Rita e Sesto Viticoli, vice presidente Airi

95 anni di futuro
Il discorso del presidente del Cnr Massimo Inguscio all'evento della celebrazione dei 95 anni dalla nascita dell'Ente

La cultura nella società iperconnessa
Questo il tema affrontato quest'anno dal Festival del giornalismo culturale, che si è svolto dal 25 al 28 ottobre nelle Marche, tra Pesaro, Urbino e Fano. Nella giornata di apertura presentati i risultati della ricerca dell'Osservatorio News-Italia Università di Urbino sui modi in cui gli italiani fruiscono dell'informazione culturale