Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Il patrimonio ortodosso in Kosovo sintesi della civiltà europea

Molti dei maggiori studiosi di arte bizantina, università italiane quali quella di Trieste e la Sapienza di Roma, con il patrocinio dell'Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr, hanno dato vita a una 'due giorni' di studio e confronto nelle enclave serbe nel Kosovo albanese.

In questa terra martoriata da una guerra sanguinosa e segnata da rivalità e divisioni profonde, l'associazione 'Amici di Decani' ha evidenziato le 'Radici dell'incontro' e 'La semina della tolleranza', con due sessioni svoltesi nel monastero ortodosso di Visoki Decani e in un luogo simbolo della tragedia balcanica come la città di Prizren, oggetto di una devastazione della quale restano ancora ben visibili i segni.

Il monastero di Decani, patrimonio dell'Unesco, con il vicino patriarcato di Pec una delle massime testimonianze dell'arte bizantina: "Il ponte naturale tra l'Oriente e l'Occidente, il fondamento per una reale coscienza europea" lo ha definito Massimo Cacciari.

Questi luoghi vivono, però, una pesante discriminazione da parte della maggioranza albanese musulmana e, talvolta, sono oggetto di attacchi espliciti. Soprattutto per questo l'associazione degli Amici di Decani ha voluto ospitare questi lavori

Sono intervenuti tra gli altri l'antropologa e fotografa polacca Monika Bulaj, con una relazione su 'Il dialogo tra i monoteismi cale unico strumento dell'arricchimento culturale', e il restauratore Carlo Giantomassi, molto attivo nella zona con la moglie Donatella Zari su monumenti sia bizantini sia islamici.

Il valore delle testimonianze ortodosse è stato sottolineato dallo storico dell'arte Valentino Pace dell'Università di Udine, direttore scientifico del convegno: "Questa area è la Toscana dei Balcani e gli intellettuali italiani e occidentali devono smettere di valutarla con il sussiego e il senso egemonico che li caratterizza, solo perché qui non hanno operato i grandi nomi dell'arte medievale come Giotto o Simone Martini".

Anche l'archimandrita e abate di Visoki Decani, Sava, ha evidenziato come "la stessa struttura architettonica della chiesa del monastero simboleggi la sintesi tra Oriente e Occidente che si compie qui, con i suoi esterni romanici e gli affreschi bizantini. Un punto sulla situazione politica è stato infine tracciato dall'ambasciatore italiano a Pristina Michael Giffoni. Il monastero di Decani e il vicino patriarcato di Pece vivono sotto il controllo 'a vista' dei militari italiani della K-for (Kosovo force): il patriarcato dovrebbe però passare a breve sotto la protezione esclusiva della polizia kosovara, mentre Decani resterebbe affidata ai nostri militari: i religiosi e i fedeli ortodossi temono di rimanere esposti a minacce di vario genere.

U. S.

Fonte: Marco Ferrazzoli, Ufficio stampa del Cnr, Roma, tel. 06/49933383, email marco.ferrazzoli@cnr.it

Altri video Cultura

Post Covid: gli italiani ripartono dalla cultura
Un'indagine alla quale ha collaborato anche l'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Cnr ha rivelato che, con il progressivo ritorno alla normalità, è forte il desiderio di tornare a fruire degli spazi culturali, soprattutto musei, cinema e teatri

Semplicemente Appia
Realizzato dall'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, il video racconta la storia della via consolare attraverso le parole del suo artefice, il censore Appio Claudio Cieco

Retake, a via dei Ramni torna il colore
Il volontari del movimento che combatte il degrado dell'area più “scientifica” della Capitale hanno avviato i lavori per la sistemazione della facciata posteriore del Cnr, imbrattata da scritte vandaliche

Roma, territorio dell’immaginario grazie all’archeologia
La città e i suoi beni monumentali hanno ispirato e fatto da scenografia a molti film, come sottolinea Augusto Palombini dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, ricordando il rapporto della Città eterna col cinema.

Maturità: perché nei sogni gli esami non finiscono mai
È un rito di transizione fondamentale, che segna l'ingresso nella vita adulta, eliminarlo a causa della pandemia avrebbe privato i ragazzi “di questo vissuto, di questo momento di passaggio, che è eterno ed è, come dice Freud, un ricordo indelebile”, spiega Anna Lo Bue dell'Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica del Cnr

“L’Urlo” torna al museo grazie al Cnr
Il dipinto di Munch potrà tra breve essere esposto di nuovo nell'omonimo museo di Oslo, grazie agli studi sull'opera condotti da un team internazionale coordinato dal Consiglio nazionale delle ricerche. I ricercatori hanno rilevato che a determinare il suo deperimento non è tanto la luce ma l'umidità

La pandemia influenza le parole
A evidenziarlo è Cristina Marras dell'Istituto per il lessico intellettuale delle idee del Cnr, che cita alcuni dei termini più usati da quando si è diffuso il Coronavirus: da infodemia a virale, fino al ricorso frequente a vocaboli legati alla guerra

Il Cnr a TourismA 2020
La pandemia in atto non permette di accedere a musei e siti archeologici, ma usando smartphone o pc è possibile ugualmente visitare i luoghi della cultura, grazie alle tecnologie digitali. A queste - come ci spiega Augusto Palombini - ricorre anche l'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, che al Salone archeologia e turismo culturale di quest'anno ha proposto alcune realizzazioni messe a punto dai suoi laboratori di Virtual Heritage: dal videogioco “Difendi le mura” alla ricostruzione digitale di città antiche. Un modo alternativo per confrontarsi con la conoscenza del passato e delle sue calamità

La ricerca per costruire un nuovo futuro
La scienza e la conoscenza sono importanti in questo momento di emergenza dovuta alla pandemia di Coronavirus, come sottolinea il presidente del Cnr Massimo Inguscio, intervistato da Rai News 24

l digiuno tra fede, salute e mode
In un periodo in cui l'epidemia da Coronavirus costringe tutti a rinunce e sacrifici e che per i credenti coincide con la Quaresima, tempo di fioretti e astinenza, abbiamo voluto porre a confronto le valutazioni di un medico e di un sacerdote sul digiuno, pratica ormai trasversale a medicina, religione e tendenze. Ce ne parlano quindi Roberto Volpe, medico del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Cnr, e Gerardo Battaglia, presbitero della Diocesi di Palestrina, parroco di San Carlo Borromeo in Cave