Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
La ricerca torna a navigare

La ricerca torna a navigare (RM file)

Urania, l'ammiraglia della flotta del Consiglio nazionale delle ricerche, torna a solcare le acque del mar Mediterraneo con la prima missione della campagna oceanografica 2010. L'appuntamento per i ricercatori, provenienti da diverse parti d'Italia e da differenti enti, è al Porto di Napoli. Sbarco a Messina.

Ogni gruppo porta con sé tutta la strumentazione necessaria per i rilievi oceanografici del caso. L'indagine, che vede il coinvolgimento dell'Istituto per l'ambiente marino costiero (Iamc) del Cnr di Messina, in qualità di coordinatore, l'Istituto di scienze marine (Isma) del Cnr di La Spezia, la Stazione Zoologica di Napoli, l'Enea, le Università di Genova, di Messina e ‘Parthenope' di Napoli, prevede una serie di prelievi nelle stazioni individuate lungo la colonna d'acqua del Mar Tirreno centrale e meridionale.

"Il  Mediterraneo", spiega il capo missione Maurizio Azzaro, ricercatore dell'Iamc-, "costituisce un'eccellente area di studio sia per le ridotte dimensioni rispetto ai bacini oceanici sia per i tempi relativamente brevi di residenza delle acque, che consentono alla comunità scientifica di chiarire eventi climatici transitori che si sono verificati nel mar Mediterraneo e le conseguenti implicazioni di tipo biogeochimico. In particolare, il Tirreno meridionale, caratterizzato da intensi processi di rimescolamento profondo e diffusione delle masse d'acqua del bacino occidentale con quelle del bacino orientale, costituisce un'ideale area di studio per ricavare informazioni predittive sulla risposta del Mediterraneo ai diversi scenari climatici e, in particolare, per la definizione del ciclo del carbonio nell'area pelagica del Tirreno meridionale".

Durante la missione, la programmazione del piano di campionamento ha subito una serie di cambiamenti in corso d'opera a causa del progressivo peggioramento delle condizioni meteo, che ha visto il mare raggiungere anche forza 6. Tra le attività portate a termine: l'immersione dei retini per lo studio del Plancton, delle pompe in situ per filtrare grandi volumi d'acqua a diverse profondità per lo studio del disequilibrio uranio/torio, dello spettroradiometro per misurare la luce a varie frequenze e la misura della produzione primaria fitoplanctonica in situ. I ricercatori hanno anche calato un ‘mooring' (ormeggio)  per la rilevazione semestrale dei dati correntometrici, fisici e di sedimentazione biogenica a diversi livelli di profondità.

"La messa in mare della ‘Rosette', batteria di bottiglie di prelievo  interfacciata con un Ctd o sonda multiparametrica",  conclude il capomissione, "ha permesso di rilevare i parametri chimico-fisici e biologici nelle acque della zona".

Silvia Mattoni

Fonte: Maurizio Azzaro, Istituto di scienze polari, tel. 090/6015420, email maurizio.azzaro@cnr.it

Altri video Ambiente

Un isolamento polare
Marco Casula, tecnico del Cnr-Isp, è in questi giorni in Artico, nella base Dirigibile Italia del Cnr a Ny-Alesund: l'unico luogo della Terra che assieme all'Antartide non è stato raggiunto dal Covid-19. La data del suo ritorno in Italia verrà decisa proprio in base all'andamento della pandemia

Una nuova tecnologia del Cnr-Irsa per depurare le acque
Il sistema, in corso di sperimentazione presso il depuratore di Putignano (Ba), si basa sul trattamento biologico di reflui con biomassa adesa ed è grado di ridurre fino all'80% la quantità di fango che si forma nella depurazione delle acque di scarico effettuata con le tecnologie tradizionali

L’Onu dichiara il decennio delle scienze oceaniche
Nel corso del primo workshop europeo preparatorio all'appuntamento, Rosalia Santoleri, direttore dell'Istituto di scienze marine del Cnr, ha sottolineato le opportunità offerte dall'iniziativa, che consentirà ai governi di attuare azioni efficaci per rendere il Mediterraneo più sano e sicuro

Del ghiacciaio della Marmolada non resterà più traccia
A suggerirlo è uno studio, al quale ha partecipato anche il Cnr-Ismar, che ha confrontato i dati di due rilievi geofisici effettuati sul ghiacciaio nel 2004 e nel 2015 e dal quale emerge come quella che prima era massa glaciale unica mostri ora in molti punti le masse rocciose sottostanti

Rist 2: cambiamenti climatici in alta quota
Li studia una ricerca coordinata dal Cnr-Irpi di Torino evidenziando l'interazione tra Climate change e dinamiche geomorfologiche in ambiente glaciale e periglaciale

Cnr-Scitec: nuovo polo chimico per sfide globali
La struttura, nata a Milano dalla fusione di tre istituti dell'Ente, mira a valorizzare settori strategici, quali energia e alimentazione, in un'ottica di sostenibilità

Temperatura e biodiversità marine. Un modello previsionale
La tecnica, messa a punto dai ricercatori del Cnr-Ismar, consente di comprendere come le specie marine si adattano al cambiamento delle temperature

Artico: Bussetti visita la stazione di ricerca del Cnr
Ad accompagnare il ministro, il presidente dell'Ente Massimo Inguscio, che ha sottolineato l'importanza della ricerca polare italiana, strategica per lo studio del riscaldamento globale

Bluemed, il libro bianco del Mediterraneo
Il volume è stato presentato a Roma, presso la sede del Cnr, alla presenza tra gli altri del presidente e del direttore del Dipartimento terra e ambiente

Cnr protagonista all’Isola della sostenibilità
La manifestazione mira a informare i giovani sui temi dello sviluppo sostenibile attraverso laboratori, talk, spettacoli