Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
La ricerca torna a navigare

La ricerca torna a navigare (RM file)

Urania, l'ammiraglia della flotta del Consiglio nazionale delle ricerche, torna a solcare le acque del mar Mediterraneo con la prima missione della campagna oceanografica 2010. L'appuntamento per i ricercatori, provenienti da diverse parti d'Italia e da differenti enti, è al Porto di Napoli. Sbarco a Messina.

Ogni gruppo porta con sé tutta la strumentazione necessaria per i rilievi oceanografici del caso. L'indagine, che vede il coinvolgimento dell'Istituto per l'ambiente marino costiero (Iamc) del Cnr di Messina, in qualità di coordinatore, l'Istituto di scienze marine (Isma) del Cnr di La Spezia, la Stazione Zoologica di Napoli, l'Enea, le Università di Genova, di Messina e ‘Parthenope' di Napoli, prevede una serie di prelievi nelle stazioni individuate lungo la colonna d'acqua del Mar Tirreno centrale e meridionale.

"Il  Mediterraneo", spiega il capo missione Maurizio Azzaro, ricercatore dell'Iamc-, "costituisce un'eccellente area di studio sia per le ridotte dimensioni rispetto ai bacini oceanici sia per i tempi relativamente brevi di residenza delle acque, che consentono alla comunità scientifica di chiarire eventi climatici transitori che si sono verificati nel mar Mediterraneo e le conseguenti implicazioni di tipo biogeochimico. In particolare, il Tirreno meridionale, caratterizzato da intensi processi di rimescolamento profondo e diffusione delle masse d'acqua del bacino occidentale con quelle del bacino orientale, costituisce un'ideale area di studio per ricavare informazioni predittive sulla risposta del Mediterraneo ai diversi scenari climatici e, in particolare, per la definizione del ciclo del carbonio nell'area pelagica del Tirreno meridionale".

Durante la missione, la programmazione del piano di campionamento ha subito una serie di cambiamenti in corso d'opera a causa del progressivo peggioramento delle condizioni meteo, che ha visto il mare raggiungere anche forza 6. Tra le attività portate a termine: l'immersione dei retini per lo studio del Plancton, delle pompe in situ per filtrare grandi volumi d'acqua a diverse profondità per lo studio del disequilibrio uranio/torio, dello spettroradiometro per misurare la luce a varie frequenze e la misura della produzione primaria fitoplanctonica in situ. I ricercatori hanno anche calato un ‘mooring' (ormeggio)  per la rilevazione semestrale dei dati correntometrici, fisici e di sedimentazione biogenica a diversi livelli di profondità.

"La messa in mare della ‘Rosette', batteria di bottiglie di prelievo  interfacciata con un Ctd o sonda multiparametrica",  conclude il capomissione, "ha permesso di rilevare i parametri chimico-fisici e biologici nelle acque della zona".

Silvia Mattoni

Fonte: Maurizio Azzaro, Istituto di scienze polari, tel. 090/6015420, email maurizio.azzaro@cnr.it

Altri video Ambiente

Chimica sostenibile: una soluzione alle grandi sfide dell’umanità
Lidia Armelao, direttore del Dipartimento di scienze chimiche e tecnologie dei materiali del Cnr, spiega come la Green Chemistry intende riconvertire le vecchie tecnologie in nuovi processi, ridurre l'inquinamento e sviluppare prodotti che possano ridurre l'impatto sull'ambiente

Il Cnr-Iret misura gli scambi di carbonio
Quanta anidride carbonica viene assorbita dalle piante? E quanto è importante lo scambio? A queste domande aiuta a rispondere la stazione dell'Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del  Cnr, posta nel sempreverde bosco di Capodimonte e con un ruolo cruciale nell'ottica del Piano verde europeo

Nuvole: perché studiarle?
Vincenzo Levizzani, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, spiega perché le nubi forniscono preziose informazioni per lo studio della meteorologia e del clima

Come vivere in Antartide
In questa zona del Pianeta il freddo è un nemico, bisogna quindi prestare la massima attenzione all'abbigliamento e ai sistemi di sicurezza. Alberto Salvati dell'Ufficio Ict del Consiglio nazionale delle ricerche racconta come vivere al meglio al Polo Sud

Un picnic tra le nuvole (in bottiglia)
L'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr partecipa al “Picnic Science”, evento  europeo di promozione della scienza “outdoor” organizzato in Polonia e fruibile online, proponendo esperimenti che spiegano l'influenza dei fenomeni atmosferici sulla meteorologia e sul clima

Gli incendi e l’Artico
“Pillole social” è un progetto divulgativo per  presentare le attività dei ricercatori italiani impegnati nello studio dell'aerosol atmosferico nella regione artica, antartica e nelle stazioni remote d'alta quota. Brevi video, realizzati in collaborazione con l'Istituto di scienze polari del Cnr, illustrano l'importanza dello studio di questa matrice ambientale e spiegano al pubblico perché venga esaminata proprio in queste aree remote

Cacciatori di microplastiche
A Portofino, scienziati e cittadini, a bordo di kayaks, effettuano  la raccolta della plastica in mare con speciali retini. È “Micro Plastic Hunters”, un progetto che coinvolge varie strutture - da Mrevivo  a Lega navale  italiana– ed è coordinato dall'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino  del Cnr

Il Cnr aggiorna la voce “acqua” della Treccani
Il Consiglio nazionale delle ricerche promuove e realizza numerosi studi sulle risorse idriche del Pianeta e, per le sue ampie competenze sulla materia, è stato incaricato di aggiornare la voce “acqua” dall'Enciclopedia italiana Treccani-X appendice-Parole del XXI secolo. A curare questo approfondimento è stato Vito Uricchio dell'Istituto di ricerca sulle acque del Cnr

BlueMed: la sfida per l’economia blu
Si è  concluso il progetto europeo coordinato dal Cnr BlueMed, che ha coinvolto i ventidue Stati che si affacciano sul Mediterraneo con lo scopo di definire le priorità per la salvaguardia e l'economia sostenibile del bacino