Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Salute
Il centro Extreme all'Asinara

Il centro Extreme all'Asinara (RM file)

Sensi in condizione estrema


Il corpo umano si adatta all'ambiente che lo circonda sulla base delle informazioni raccolte dai suoi organi di senso. Tuttavia, le reazioni neuro-psico-fisiologiche agli ambienti estremi spesso prescindono dalla percezione ‘sensoriale' comune: il corpo è in grado di rilevare altrettanto bene le caratteristiche chimiche e fisiche ostili dell'ambiente, ponendo in atto precise strategie di difesa e sopravvivenza. E' quanto studiano i ricercatori del Centro Extreme, fondato dall'Istituto di fisiologia clinica (Ifc) del Cnr di Pisa, dalla Scuola Superiore Sant'Anna e dall'università di Pisa.
"Il Centro studia la risposta psicofisica dell'organismo sano, o ‘super sano', a condizioni di stress eccezionale" spiega Remo Bedini dell'Ifc-Cnr. "Extreme ha iniziato occupandosi degli apneisti profondisti, ed è arrivato oggi a studiare gli astronauti. Entrambe i gruppi, apparentemente così diversi, hanno problematiche simili. Chi deve scendere negli abissi del mare deve imparare a superare gli ostacoli psicologici indotti dall'ambiente ostile; chi deve operare lungamente in un ambiente confinato e oppressivo, come l'abitacolo di una navicella spaziale riceve dall'ambiente analoghi stress negativi".
Ma in che modo l'esperienza maturata negli abissi marini può interessare gli studi spaziali? "I risultati preliminari di uno studio da noi condotto", spiega Angelo Gemignani, neurofisiologo del Centro Extreme, "mostrano come durante l'apnea si assista all'incremento di attività delle onde alfa del cervello (tipica della condizione di veglia a occhi chiusi o delle fasi di profondo rilassamento che precedono il sonno). Questo fenomeno è causato dall'adattamento del cervello all'ipossia (mancanza di ossigeno), e indica la riduzione delle funzioni di elaborazione emotiva e cognitiva. Per rilevare la modulazione dello stress sull'attività cerebrale sottoponiamo gli apneisti a immagini a elevato contenuto emotivo alternate a immagini a contenuto emotivo neutro: il confronto dell'attività cerebrale che risulta in associazione a particolari tecniche di training autogeno e rilassamento messe in atto dal soggetto o in assenza di queste, è estremamente indicativo. Le tecniche di meditazione e di controllo delle emozioni negative primarie, una volta valutate nella loro reale efficacia, potranno essere di grande aiuto per studiare le contromisure allo stress negli astronauti".
Le conoscenze acquisite in condizioni estreme, inoltre, potranno un giorno essere utilizzate per identificare indici precoci di malattia (mentale e somatica) e per nuove strategie terapeutiche anche nelle persone comuni.
Claudio Barchesi

 

Claudio Barchesi

Fonte: Remo Bedini, Istituto di fisiologia clinica, Pisa, tel. 050/3152286, email bedini@ifc.cnr.it

Altri video Salute

Vertigini: cause e sintomi
A spiegarli è Fabiana Novellino, ricercatrice dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr, che illustra le varie tipologie di questo disturbo e quale patologia può provocarlo

Dal virus alle varianti: cosa cambia?
Giovanni Maga, direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, spiega come muta un virus, causando la comparsa delle varianti, cioè virus che hanno delle istruzioni leggermente modificate

Dismorfia e smartworking
Il lavoro da casa ci ha cambiati. Le nuove abitudini, prese di mira anche dalla satira, come si vede nel video divenuto virale di Giovanni Scifoni, hanno però conseguenze serie sul nostro equilibrio psicofisico, come evidenzia il neuroscienziato del Cnr-Irib Antonio Cerasa

E l’Italia si scopre velocipede
Il trasporto sulle due ruote vive un momento di rilancio grazie all'aumento delle piste ciclabili nelle grandi città. Lo evidenzia il rapporto MobilitAria 2021, realizzato da Kyoto Club e Istituto sull'inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche

Al Cnr di via Ramarini l’hub vaccinale di Monterotondo
Esempio virtuoso di collaborazione tra enti e istituzioni locali, l'hub vaccinale di Monterotondo è stato inaugurato dall'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, dal sindaco Riccardo Varone, dal direttore generale del Cnr Giambattista Brignone, dal direttore generale della Asl Giorgio Santonocito. Un risultato importante per il principale ente di ricerca del Paese

Gli effetti del long Covid
Con i vaccini possiamo dirci tranquilli? Non del tutto, risponde Domenico Nuzzo del Cnr-Irbim. Nel 70% dei casi infatti gli effetti a lungo termine causati dal Coronavirus intaccano il sistema nervoso centrale e possono cronicizzarsi. Per questo è necessario studiarli e non abbassare la guardia

Maria Chiara Carrozza alla nuova Officina farmaceutica 2.0
La prima visita ufficiale della presidente del Consiglio nazionale delle ricerche è stata  a Pisa, alla struttura  per la produzione di radiofarmaci  dell'Istituto di fisiologia clinica del Cnr, che, dopo un periodo di sospensione dell'attività, è stata  ristrutturata e ampliata

Pasto caldo o freddo? Meglio variare per mangiare sano e con gusto
La temperatura di un alimento influisce sulla percezione di sazietà, sul sapore ma anche sulle proprietà nutrizionali degli alimenti. Vediamo come, con Marika Dello Russo, ricercatrice dell'Istituto di scienze dell'alimentazione del Cnr

Anticorpi monoclonali, il futuro è un cocktail
Per combattere l'infezione di Sars-CoV-2 non ci sono solo i vaccini. Francesca Di Rosa dell'Istituto di biologia e patologia molecolari (Ibpm) del Consiglio nazionale delle ric­erche parla dei monoclonali, farmaci biologici estremamente selettivi, somministrati a infezione in corso

Vaccino Sars-Cov2: come funziona l’immunità
Per fermare l'epidemia, l'unica via è vaccinarsi. A dirlo è Giovanni Maga, virologo e direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr. Il ricercatore chiarisce inoltre i dubbi su chi è guarito dal Covid-19, precisando che anche queste persone devono vaccinarsi per proteggersi da una nuova infezione, aggiungendo che  l'immunità  data dal vaccino è maggiore e protegge anche dalle varianti