Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Salute
Il centro Extreme all'Asinara

Il centro Extreme all'Asinara (RM file)

Sensi in condizione estrema


Il corpo umano si adatta all'ambiente che lo circonda sulla base delle informazioni raccolte dai suoi organi di senso. Tuttavia, le reazioni neuro-psico-fisiologiche agli ambienti estremi spesso prescindono dalla percezione ‘sensoriale' comune: il corpo è in grado di rilevare altrettanto bene le caratteristiche chimiche e fisiche ostili dell'ambiente, ponendo in atto precise strategie di difesa e sopravvivenza. E' quanto studiano i ricercatori del Centro Extreme, fondato dall'Istituto di fisiologia clinica (Ifc) del Cnr di Pisa, dalla Scuola Superiore Sant'Anna e dall'università di Pisa.
"Il Centro studia la risposta psicofisica dell'organismo sano, o ‘super sano', a condizioni di stress eccezionale" spiega Remo Bedini dell'Ifc-Cnr. "Extreme ha iniziato occupandosi degli apneisti profondisti, ed è arrivato oggi a studiare gli astronauti. Entrambe i gruppi, apparentemente così diversi, hanno problematiche simili. Chi deve scendere negli abissi del mare deve imparare a superare gli ostacoli psicologici indotti dall'ambiente ostile; chi deve operare lungamente in un ambiente confinato e oppressivo, come l'abitacolo di una navicella spaziale riceve dall'ambiente analoghi stress negativi".
Ma in che modo l'esperienza maturata negli abissi marini può interessare gli studi spaziali? "I risultati preliminari di uno studio da noi condotto", spiega Angelo Gemignani, neurofisiologo del Centro Extreme, "mostrano come durante l'apnea si assista all'incremento di attività delle onde alfa del cervello (tipica della condizione di veglia a occhi chiusi o delle fasi di profondo rilassamento che precedono il sonno). Questo fenomeno è causato dall'adattamento del cervello all'ipossia (mancanza di ossigeno), e indica la riduzione delle funzioni di elaborazione emotiva e cognitiva. Per rilevare la modulazione dello stress sull'attività cerebrale sottoponiamo gli apneisti a immagini a elevato contenuto emotivo alternate a immagini a contenuto emotivo neutro: il confronto dell'attività cerebrale che risulta in associazione a particolari tecniche di training autogeno e rilassamento messe in atto dal soggetto o in assenza di queste, è estremamente indicativo. Le tecniche di meditazione e di controllo delle emozioni negative primarie, una volta valutate nella loro reale efficacia, potranno essere di grande aiuto per studiare le contromisure allo stress negli astronauti".
Le conoscenze acquisite in condizioni estreme, inoltre, potranno un giorno essere utilizzate per identificare indici precoci di malattia (mentale e somatica) e per nuove strategie terapeutiche anche nelle persone comuni.
Claudio Barchesi

 

Claudio Barchesi

Fonte: Remo Bedini, Istituto di fisiologia clinica, Pisa, tel. 050/3152286, email bedini@ifc.cnr.it

Altri video Salute

Covid fase 2: la sanificazione delle chiese
A dare indicazioni sulle modalità corrette per operarla è Matteo Guidotti dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Cnr di Milano, che sottolinea come in questi luoghi siano sconsigliate alcune delle soluzioni igienizzanti adeguate invece per un uso domestico

Mvm, il ventilatore meccanico per l’emergenza Covid-19
Gli Istituti di sistemi e tecnologie industriali intelligenti per il manifatturiero avanzato (Stiima) e per la scienza e tecnologia dei plasmi (Istp) del Cnr di Milano hanno collaborato alla realizzazione di un ventilatore meccanico a basso costo e replicabile velocemente su larga scala, utilizzabile nelle terapie intensive per i malati di Coronavirus

Una app per controllare a distanza i pazienti
Per supportare il settore sanitario, sotto pressione per la pandemia di Coronavirus, gli Istituti di fisiologia clinica e di scienze e tecnologie del Cnr di Pisa hanno realizzato un'applicazione che permette il monitoraggio a distanza dei pazienti

Coronavirus: come sanificare le superfici
Matteo Guidotti dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Cnr spiega come preparare disinfettanti in casa, utilizzando prodotti come alcol, acqua ossigenata o candeggina, ai quali va aggiunta acqua potabile

La peste nella storia di Napoli
Prima dell'affermazione dello Stato sociale, nel nostro Paese soccorsi e assistenza sanitaria erano basati sulla beneficienza, sui lasciti e sulle donazioni. In tal modo venne gestita anche l'emergenza provocata dall'epidemia di peste che colpì Napoli nel 1656, provocando la morte di metà della popolazione della città campana, come spiega Raffaella Salvemini del Cnr-Ismed

Sostieni insieme a noi la ricerca
Fino al 16 aprile è possibile sostenere la ricerca del Cnr per lo studio di terapie innovative sul Coronavirus, facendo una donazione al numero 45587 con un sms o con una chiamata da rete fissa. Partner dell'iniziativa la Lega Serie B e gli ospedali pediatrici Bambino Gesù, Gaslini, Mayer

Cos’è il Coronavirus
Lo spiega Giovanni Maga, virologo dell'Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche, nel video di due minuti che inaugura il nuovo spazio di informazione “Il Cnr risponde” visibile sulla Web tv, ma anche sul portale e sui canali social dell'Ente

Disinfettante “fai da te” contro il Coronavirus
Per approfondire i temi legati all'emergenza Covid_19, Matteo Guidotti, ricercatore dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche "Giulio Natta" del Cnr di Milano, presenta una “ricetta fatta in casa” per realizzare un disinfettante in grado di disattivare il virus sulle superfici in un minuto

Coronavirus: le misure sanitarie
Intervistato dal Gr1Rai sulla malattia, Giovanni Maga direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr, fornisce alcuni dettagli relativi alla diffusione, al decorso e alla sintomatologia e sottolinea la necessità di “circoscrivere le zone potenzialmente interessate”

Pm10 anche in laboratorio
Lo rivela il progetto Viepi, al quale ha collaborato anche il Cnr-Iia, che ha esaminato gli ambienti di lavoro all'interno di università e centri di ricerca, rivelando la presenza di aria “cattiva” negli spazi indoor