Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Il sottosuolo di Roma e i terremoti

Il sottosuolo di Roma e i terremoti (RM file)

Roma non è considerata come zona sismica. I terremoti di magnitudo elevata sono poco probabili. Il sisma che ha colpito L'Aquila la notte tra il 5 e il 6 di aprile ha però causato non poca apprensione nei romani. La città, nel passato, per effetto di terremoti che si sono verificati a circa 100 km di distanza lungo la catena appenninica, ha subito danni importanti, lo testimoniano le fonti epigrafiche e documentali. In queste circostanze alcune aree della città si sono mostrate più sensibili di altre ai danneggiamenti dei terremoti appenninici. Gian Paolo Cavinato, dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (Igag) del Cnr di Montelibretti ne spiega le ragioni. "Roma è costruita in buona parte su colline costituite da rocce di origine vulcanica - al di sotto delle quali sono presenti rocce compatte ghiaiose e argillose - e in parte su terreni poco compatti: ghiaie, sabbie e torbe di origine alluvionale, presenti nelle valli fluviali del Tevere e dell'Aniene. Su questi ultimi suoli i terremoti della catena abruzzese e dei Monti Albani sono più avvertibili e temibili".
La ragione di questa diversità di comportamento può essere facilmente compresa. "Le onde sismiche dei terremoti che avvengono nella crosta terrestre", continua Cavinato, "si propagano verso la superficie come un treno d'onda, simile a quello che vediamo sulla superficie dell'acqua quando vi gettiamo un sasso: più l'onda è distante dal punto di impatto, minore è l'ampiezza (quindi, applicato a un terremoto fa vibrare meno il terreno). Nelle valli alluvionali, dove sono presenti terreni disomogenei e con spessore variabile, questo tipo di sollecitazioni (quali le onde sismiche di terremoti di notevole magnitudo) possono avere effetti di amplificazione locale, ‘effetti di sito', che potrebbero determinare anche danni ingenti".
L'Igag-Cnr collabora con la Protezione civile nazionale alla definizione delle pericolosità geologiche presenti nelle aree urbane del territorio nazionale. "In questo primo anno e mezzo di attività", spiega il geologo, "abbiamo svolto, con le università di Roma ‘La Sapienza' e Roma Tre, indagini dettagliate su dati di superficie e di sottosuolo della Capitale, allo scopo di ricostruire, con l'ausilio di modelli tridimensionali, la geometria e le caratteristiche litologiche e litotecniche di quei terreni presenti nelle valli alluvionali che hanno una maggior criticità per la vulnerabilità degli edifici".
A dimostrare quanto la diversa risposta sismica dei diversi tipi di suolo possa essere importante c'è l'aspetto dell'Anfiteatro Flavio, universalmente noto come Colosseo. Esso mostra chiaramente, nel suo aspetto attuale, gli effetti dovuti alla diversa risposta sismica locale dei terreni su cui poggiano le sue fondazioni: nella parte nord è perfettamente conservato, la parte sud, verso l'Arco di Costantino e il Celio, appare invece fortemente danneggiata e del tutto priva della cinta esterna.
"Il Colosseo poggia su due diversi tipi di terreno", precisa Cavinato. "La parte nord sorge su ghiaie compatte che formano la base della solida collina del Colle Oppio. A sud, invece, era presente un'incisione fluviale, il fosso Labicano, affluente minore del Tevere, che alimentava un piccolo laghetto, annesso alla Domus Aurea neroniana. Gli architetti romani, per ripianare le fondazioni, interrarono il fosso con materiali di riporto. Con il passare del tempo, per effetto del peso dell'imponente struttura, le fondazioni dell'anfiteatro ebbero cedimenti. Probabilmente già dopo la costruzione questa parte del terreno si abbassò in alcuni punti; poi, in seguito ai forti terremoti dell'Appennino, come testimoniato dalle epigrafi presenti nel Colosseo, i crolli continuarono". Claudio Barchesi

Claudio Barchesi

Fonte: Gian Paolo Cavinato, Istituto di geologia ambientale e geoingegneria, Roma, tel. 06/90672603, email gianpaolo.cavinato@igag.cnr.it

Altri video Cultura

“L’Urlo” torna al museo grazie al Cnr
Il dipinto di Munch potrà tra breve essere esposto di nuovo nell'omonimo museo di Oslo, grazie agli studi sull'opera condotti da un team internazionale coordinato dal Consiglio nazionale delle ricerche. I ricercatori hanno rilevato che a determinare il suo deperimento non è tanto la luce ma l'umidità

La pandemia influenza le parole
A evidenziarlo è Cristina Marras dell'Istituto per il lessico intellettuale delle idee del Cnr, che cita alcuni dei termini più usati da quando si è diffuso il Coronavirus: da infodemia a virale, fino al ricorso frequente a vocaboli legati alla guerra

Il Cnr a TourismA 2020
La pandemia in atto non permette di accedere a musei e siti archeologici, ma usando smartphone o pc è possibile ugualmente visitare i luoghi della cultura, grazie alle tecnologie digitali. A queste - come ci spiega Augusto Palombini - ricorre anche l'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, che al Salone archeologia e turismo culturale di quest'anno ha proposto alcune realizzazioni messe a punto dai suoi laboratori di Virtual Heritage: dal videogioco “Difendi le mura” alla ricostruzione digitale di città antiche. Un modo alternativo per confrontarsi con la conoscenza del passato e delle sue calamità

La ricerca per costruire un nuovo futuro
La scienza e la conoscenza sono importanti in questo momento di emergenza dovuta alla pandemia di Coronavirus, come sottolinea il presidente del Cnr Massimo Inguscio, intervistato da Rai News 24

l digiuno tra fede, salute e mode
In un periodo in cui l'epidemia da Coronavirus costringe tutti a rinunce e sacrifici e che per i credenti coincide con la Quaresima, tempo di fioretti e astinenza, abbiamo voluto porre a confronto le valutazioni di un medico e di un sacerdote sul digiuno, pratica ormai trasversale a medicina, religione e tendenze. Ce ne parlano quindi Roberto Volpe, medico del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Cnr, e Gerardo Battaglia, presbitero della Diocesi di Palestrina, parroco di San Carlo Borromeo in Cave

Donne e scienza
Se ne è parlato nel corso dell'evento organizzato dalle ricercatrici dell'Area di ricerca del Cnr di Montelibretti in occasione della “Giornata mondiale delle donne e delle ragazze nella scienza”, che si celebra l'11 febbraio

La presentazione di “Ti rubo la vita”
Cinzia Leone ha presentato presso la Biblioteca centrale del Cnr il suo volume, che mescolando fiction e autobiografia sottolinea eroismi e viltà del buio periodo che vide la discriminazione e la persecuzione degli ebrei a Roma

"Moby Dick" Kum!
Al festival che si è svolto ad Ancona, ha partecipato anche l'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Cnr, proponendo una rilettura del romanzo di Melvill

A Bologna, la ricerca cambia linguaggio
Presso l'Area di ricerca del Cnr del capoluogo emiliano, si è svolto l'annuale progetto di divulgazione che avvicina gli studenti alla scienza attraverso incontri con i ricercatori dell'Ente ed esercitazioni nei laboratori

In viaggio attraverso la cultura
È questo il tema affrontato dell'edizione di quest'anno del Festival del giornalismo culturale, di cui il Cnr è patrocinatore e media partner. Tanti gli appuntamenti previsti tra lectio, dialoghi, workshop, concorsi e concerti nei giorni (14 e15 settembre e dal 3 al 6 ottobre) in cui la manifestazione si svolge nel territorio marchigiano