Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
La vasca navale italiana

L'Istituto nazionale per studi ed esperienze di architettura navale (Insean), meglio noto con il nome di 'Vasca navale' italiana, è stato fondato nel 1927 con lo scopo di offrire supporto allo sviluppo tecnico scientifico del settore navale e marittimo italiano.

Nel 2011 è confluito nel Consiglio nazionale delle ricerche, diventandone un centro di responsabilità. Gli impianti sperimentali dell'Insean spiccano a livello mondiale per le dimensioni e per gli avanzati sistemi di misura. L'istituto è consulente tecnico-scientifico per le industrie e i cantieri navali e per progetti civili e militari che riguardano il campo della fluidodinamica in generale.

"L'Insean-Cnr è fortemente operativo in attività di ricerca nei settori dell'idroelasticità, dell'acustica e delle vibrazioni", spiega il direttore Emilio Campana, "con ricadute in diversi campi delle tecnologie marittime: del trasporto eco-sostenibile, della sicurezza del trasporto navale, delle tecnologie innovative dell'industria cantieristica e dello sfruttamento sostenibile del mare".

In tali ambiti l'Insean ha sviluppato importanti collaborazioni con Enti e Università italiane e straniere ed è coinvolto in numerosi progetti di ricerca finanziati da organismi nazionali e internazionali.

Una visita presso le strutture dell'Insean è un tour nella storia della cantieristica civile e militare italiana. Nei vasti spazi dei laboratori, si affastellano gli scafi in scala di tante navi note, testate qui prima di nascere, quando erano ancora progetti da realizzare. Tra queste tutte le barche italiane partecipanti alla America's Cup: Azzurra, Il Moro di Venezia, Luna Rossa.

L'Insean ha tre bacini rettilinei, il più grande è il 4° al mondo per dimensioni: 480 metri di lunghezza.

L'Istituto dispone anche di due canali di circolazione. "Nel più grande la sola camera di prova ha una lunghezza di 10 m, una larghezza di 3,6 m e un'altezza massima dell'acqua di 2,2 m; le pompe possono spingere la velocità dell'acqua fino a 5 m/s. Qui si svolgono test sui campi di velocità e pressione nell'intorno di una carena, test di cavitazione di eliche ed appendici, esperienze su timoni", spiega Campana.

Il Tunnel di cavitazione Ceimm, che è più piccolo, ha una camera di prova di soli 2,6 metri, ma l'acqua vi può essere spinta fino a 12 m/s. È da queste apparecchiature che sono nate le eliche di tutte le nostre navi militari.

L'Insean nel corso dei suoi 85 anni di vita ha cumulato non solo esperienze e saperi, ma anche tecnologie e strumenti, che testimoniano la storia e il divenire di questo settore di studi. Alcuni macchinari, quasi centenari, sono esemplari unici e meriterebbero di entrare a far parte di un museo delle tecnologie del mare.

Claudio Barchesi

Fonte: Emilio Fortunato Campana, Istituto nazionale per studi ed esperienze di architettura navale, tel. 06/50299270, email e.campana@insean.it

Altri video Tecnologia

Studiare migrando
È il nome della piattaforma di e-learning che l'Istituto per le tecnologie didattiche del Cnr ha realizzato con la Scuola di lingua italiana per stranieri dell'Università di Palermo e l'Unicef, per supportare i giovani stranieri nella preparazione all'esame di Stato per conseguire la licenza media

Un videogioco in 3D per scoprire il Foro di Augusto
Realizzato dall'Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Cnr con la società maltese Vr Tron, il videogame conduce il visitatore alla scoperta dell'Impero romano durante il regno di Augusto

InnovAgorà 2019, la piazza dei brevetti
La manifestazione, promossa dal Miur e organizzata dal Cnr e dal Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci e svoltasi a Milano lo scorso maggio, è stata l'occasione per far incontrare inventori di brevetti e mondo delle imprese, per favorire il confronto e la collaborazione tra le due realtà

Videogiochi e musei
L'argomento è stato oggetto di una giornata di studi alla quale ha partecipato anche il Cnr-Itabc. L'Istituto lavora da anni nel settore degli spazi espositivi e ha sottolineato le caratteristiche che le applicazioni interattive devono avere per funzionare in un area museale

L’Aquila, dieci anni dopo
Fausto Guzzetti del Cnr-Irpi, referente incaricato, per le attività dell'Ente a supporto della Protezione civile ai tempi del sisma abruzzese, ricorda le attività svolte dagli Istituti nei mesi successivi al sisma. E come quella esperienza abbia dato vita a un nuovo approccio collaborativo

La geologia marina in Italia
I geologi marini si sono riuniti in convegno a Roma, presso il Cnr, lo scorso 21 e 22 febbraio, per favorire un confronto sul tema delle geoscienze marine tra mondo scientifico, istituzionale e industriale. Nel corso dell'evento è stato lanciato l'allarme sulla carenza di navi oceanografiche da ricerca in Europa

2019, il compleanno della Tavola periodica
Nato 150 anni fa, questo strumento permette di raggruppare gli elementi chimici con proprietà simili. Pietro Calandra, ricercatore dell'Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del Cnr spiega come, con il cosiddetto 'saggio alla fiamma' sia possibile individuare gli elementi chimici presenti in un composto

Pepper: il robot umanoide del Cnr-Icar
La macchina realizzata dal Cnr-Icar, può avere applicazioni in diversi settori, da quello educativo a quello assistenziale ad anziani e disabili

Sportello matematico, un supporto alle imprese
Il progetto del Cnr-Iac mette le conoscenze matematiche al servizio dell'industria, migliorando i flussi e le previsioni di vendita e riducendo gli sprechi.

Le strade italiane in un museo virtuale
Realizzato da Anas in collaborazione con il Cnr-Itabc, Muvias racconta la storia d'Italia, dall'Unità a oggi, attraverso quella della sua rete viaria