Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
La fiction diventa realtà grazie a Light

La fiction diventa realtà grazie a Light (RM file)

Assistere in diretta alla formazione di un uragano grazie alla ‘tornado machine'. Riascoltare i suoni che percepivamo nel grembo materno. Farsi eseguire l'estrazione del Dna mediante un campione di saliva, conoscere la propria predisposizione al rischio di infarto o assistere a una rianimazione cardiovascolare. E poi i campioni di Federscherma e i ballerini di flamenco, pietanze della cucina molecolare, dee jay e musica per tutti i gusti, da ‘I tamburi del Vesuvio' alla Fisaorchestra, fino al concerto per astronauta e orchestra con Ennio Morricone ospite d'eccezione.

Questo e molto altro ancora ne programma di ‘Light-Accendi la luce sulla scienza', il festival organizzato dall'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche (Irpps-Cnr) con Planetario e Museo Astronomico di Roma Capitale.

L'evento principale si è tenuto presso il Planetario di piazza Agnelli, in occasione della ‘Notte dei ricercatori' promossa dalla Commissione Europea, lo scorso 23 settembre. All'inaugurazione è intervenuto il presidente del Cnr, Francesco Profumo. Novità di quest'anno, però, ‘Light' si è svolta, in collaborazione con il Pon ricerca e competitività, anche a Bari, Benevento, Palermo e Rende (Cosenza).

La quarta edizione, intitolata ‘La scienza e le fiction tv', è stata giocata sul confine tra realtà e finzione nelle serie televisive più amate dal pubblico, grazie a dimostrazioni ed eventi interattivi animati da ricercatori del Cnr e di altri enti, artisti e performer. Una ‘tornado machine' realizzata dall'Istituto di biometeorologia ha riprodotto furiose trombe d'aria in miniatura, simili agli uragani inseguiti dai ‘Cacciatori di tornado' della serie tv. Il pronto soccorso di ‘E.R.' è rivissuto con Roberto Volpe dell'Ufficio protezione e prevenzione, che ha calcolato il rischio cardiovascolare dei visitatori, illustrato come prevenire l'infarto e messo in pratica un intervento di emergenza, con massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca. Simone Melchionna dell'Istituto di processi chimico fisici ha presentato invece, nello stand ‘Dr. House', una simulazione in 3D della mappatura del flusso emodinamico per identificarne le eventuali anomalie.

"I visitatori sono stati invitati a fornire i campioni della loro saliva per l'estrazione in diretta del Dna, ‘immergendosi' nelle puntate di ‘Csi'. I ricercatori dell'Istituto di neurobiologia e medicina molecolare hanno illustrato alcune tecniche di investigazione usate nelle serie poliziesche", spiega Rossella Palomba dell'Irpps-Cnr, che coordina Light. "In una sorta di ‘Sos tata' si è potuta riascoltare l'acustica di un utero: gorgoglii intestinali, lo sciabordare del flusso sanguigno, il ritmo del battito cardiaco, ricostruiti dai musicisti e docenti universitari Tullio Visioli e Luca Spagnoletti".

Sempre per il mondo scientifico rappresentato in Tv, la matematica è stata illustrata dall'Istituto di applicazioni del calcolo ‘M. Picone' utilizzando i frattali - sulla scorta di ‘Numb3rs' - per individuare l'originale tra varie copie di fumetti e comprimere i file mp3. L'antropologa forense di ‘Bones' ha ispirato gli esperti del Museo Pigorini di Roma, che hanno come ossa e denti svelino le vite del passato. Con ‘Fixion' Sveva Avveduto, direttore dell'Irpps-Cnr, ha coinvolto il pubblico in un'installazione immersiva e interattiva...

Nel Planetario, oltre a laboratori e spettacoli e alle sezioni dedicate alle istituzioni coinvolte (Miur, Pon, Commissione Europea, Garr, Coni e Federschema), si è potuto visitare il Museo astronomico e assistere al ‘Respiro del cosmo', un viaggio nello spazio sotto la cupola stellata, e al ‘Planetario mobile' con il dr. Stellarium, che ha spiegato i misteri dell'Universo.

Fitto il ‘cartellone dell'area ‘Outlab'. Il fisico Davide Cassi ha preparato pietanze della cucina molecolare, i campioni di Federscherma hanno dato prova della loro abilità, i Tamburi del Vesuvio hanno contaminato musica popolare e danza del ventre, e poi le 12 fisarmoniche della Fisaorchestra, la Stradabanda, la Banda della Polizia, i ballerini di flamenco con guest stars Claudio Javarone e Francesca Stocchi. In chiusura, spazio al dj Paul Micioni e al batterista Alessandro Canini.

‘Light' ha ospitato inoltre le tecnologie vincitrici di ‘Inv-Factor', il concorso per studenti inventori ideato dal Cnr.

Sandra Fiore

Fonte: Rossella Palomba, Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali, Roma, tel. 06/492724229, email r.palomba@irpps.cnr.it

Altri video Cultura

"Moby Dick" Kum!
Al festival che si è svolto ad Ancona, ha partecipato anche l'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Cnr, proponendo una rilettura del romanzo di Melvill

A Bologna, la ricerca cambia linguaggio
Presso l'Area di ricerca del Cnr del capoluogo emiliano, si è svolto l'annuale progetto di divulgazione che avvicina gli studenti alla scienza attraverso incontri con i ricercatori dell'Ente ed esercitazioni nei laboratori

In viaggio attraverso la cultura
È questo il tema affrontato dell'edizione di quest'anno del Festival del giornalismo culturale, di cui il Cnr è patrocinatore e media partner. Tanti gli appuntamenti previsti tra lectio, dialoghi, workshop, concorsi e concerti nei giorni (14 e15 settembre e dal 3 al 6 ottobre) in cui la manifestazione si svolge nel territorio marchigiano

La "prima notte" dei ricercatori di Montelibretti
Quest'anno anche quest'Area di ricerca del Cnr ha preso parte all'appuntamento voluto dall'Unione europea per avvicinare i giovani alla scienza. Tante le iniziative proposte, tra le quali il collegamento con i ricercatori impegnati presso la Base antartica Concordia al Polo Sud

Sperimestate 2019
Il progetto, realizzato dal Cnr-Isof con gli studenti delle scuole medie superiori, è stato dedicato alla Tavola periodica, di cui ricorre quest'anno il 150esimo anniversario, e in particolare a due suoi elementi: l'Elio e l'Indio

I cebi e l’arte di scavare alla ricerca di radici
Uno studio in natura evidenzia come ingegno e abilità manuale rendano queste scimmie maestre nell'arte di estrarre dal suolo rizotuberi, molto ricchi di sostanze nutritive. La ricerca dimostra l'origine evolutiva di capacità fondamentali per la sopravvivenza e il successo dei primati, uomo incluso

ll sottosuolo di Napoli tra storia, cultura e sostenibilità
Un progetto al quale partecipa anche l'Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr esamina la possibilità di utilizzare il sottosuolo di Napoli per attività utili alla popolazione, creandovi, ad esempio, o un parcheggio di scambio o organizzandovi eventi culturali

Rivoluzione scientifica e scienze umane
Dell'importanza delle discipline umanistiche si è parlato nel corso dell'evento 'Le scienze dimenticate', organizzato  presso il Cnr dalla Fondazione Antonio Ruberti, con la partecipazione di Rens Bod, docente di Informatica umanistica all'Università di Amsterdam

L’Infinito tra scienza e poesia
A esaminare la presenza della componente scientifica nella lirica di Leopardi è il ricercatore dell'Istituto nazionale di ottica del Cnr Alessandro Farini, che sottolinea la similitudine tra lo stupore - davanti ai misteri della natura e della realtà - del poeta e quello dello scienziato, che proprio da questo sentimento trae ispirazione per le sue ricerche

L’Italia sul tetto del mondo
La conquista del K2 da parte di una spedizione guidata da Ardito Desio e organizzata, tra gli altri, anche dal Cnr, è stata ricordata in un evento svoltosi nella sede di Roma dell'Ente. Presenti anche la figlia dell'esploratore, Mariela, e l'ambasciatore del Pakistan, Nadeem Riyaz