Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Agroalimentare
Prove tecniche di tutela della biodiversità

Prove tecniche di tutela della biodiversità (RM file)

Sperimentare una metodologia innovativa di valutazione dei rischi posti dall'introduzione di colture transgeniche sulla biodiversità. Questo l'obiettivo dell'impianto realizzato nel Parco naturale Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli dall'Istituto di genetica vegetale del Consiglio nazionale delle ricerche (Igv-Cnr) nell'ambito del Progetto europeo Demetra (DEvelopment of a quick Monitoring index as a tool to assess Environmental impacts of TRAnsgenic crops).

Nell'area protetta tra le province di Lucca e Pisa, caratterizzata da un'ampia diversificazione degli ecosistemi naturali e da un'elevata compresenza di aree agricole, sono state create tre zone di studio e 44 aree di campionamento per l'analisi di mais, girasole, colza e pioppo. Al progetto, con l'Igv-Cnr, aderiscono gli Istituti di biometeorologia (Ibimet) e per lo studio degli ecosistemi (Ise) sempre del Cnr, il dipartimento di Economia, ingegneria, scienze e tecnologie agrarie e forestali dell'università di Firenze, l'Ente parco regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli e la Regione Toscana.

A un anno e mezzo dal suo avvio, i primi risultati del progetto triennale sono stati presentati a San Rossore nel corso del seminario 'Progetto Life + Demetra'. "Per la realizzazione del progetto, abbiamo individuato alcuni appezzamenti da coltivare a mais, girasole, colza e pioppo non ogm", spiega Cristina Vettori, dell'Igv-Cnr di Sesto Fiorentino (Fi). "Sono state quindi allestite 44 aree di campionamento sperimentale all'interno di tre zone rappresentative dei diversi ecosistemi presenti nel parco: boschi, aree agricole o umide come quella del lago di Massaciuccoli".

Nelle aree individuate, la raccolta delle informazioni dell'intera catena trofica prende in considerazione soprattutto gli organismi target di eventuali transgeni: microrganismi del suolo, flora, vegetazione, vertebrati e macro invertebrati vengono analizzati e monitorati negli stessi punti per tutta la durata del progetto, comparando i dati.

"Attualmente abbiamo effettuato una prima caratterizzazione di due ambienti autoctoni presenti nel Parco: un bosco misto di pioppo nella Tenuta di San Rossore e una popolazione frammentata di Populus spp. nell'area di Massaciuccoli", prosegue la ricercatrice. "Tali aree, che distano l'una dall'altra 8 km e nelle cui vicinanze vengono regolarmente effettuate coltivazioni di pioppo, sono state studiate per determinare la variabilità genetica di queste popolazioni arboree, il livello d'incrocio tra piante naturali e coltivate e le popolazioni d'insetti presenti durante la fioritura".

Sono state inoltre installate delle stazioni per il rilevamento di umidità, temperatura, precipitazioni, direzione ed intensità del vento, per ottenere informazioni sulla dispersione del polline. "I risultati indicano un alto livello di biodiversità e flusso genico, dovuto alla dispersione di polline. Quindi una possibile coltivazione di pioppo transgenico potrebbe influenzare la diversità genetica delle aree protette. Ma anche l'alto flusso genico delle pioppete coltivate potrebbe contaminare le popolazioni autoctone", evidenzia Vettori. "Inoltre, se fossero coltivati pioppi transgenici con caratteristiche nocive per ditteri e lepidotteri, potrebbero influenzare la popolazione di insetti presenti sui pioppi autoctoni nell'area protetta diminuendo il livello di biodiversità".

Tali risultati, seppure preliminari, evidenziano la necessità di approfondire le conoscenze al fine di limitare il rischio connesso all'impiego in agricoltura di specie transgeniche, "consentendo una valutazione approfondita, razionale e fondata scientificamente a garanzia e nell'interesse dei cittadini", conclude la ricercatrice.

 

Anna Capasso

Fonte: Cristina Vettori, Istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr, tel. 055/5225728, email cristina.vettori@cnr.it

Altri video Agroalimentare

Piante in scena
È l'evento che il Cnr ha proposto, presso la propria sede centrale in occasione delle celebrazioni internazionali per il 'Fascination of Plants Day', promosso dall'European Plant Science Organization (Epso). Protagonisti della performance, i ricercatori dell'Ibimet Francesca Rapparini e Stefano Predieri, insieme agli artisti della compagnia teatrale del Gruppo Jobel – Art for Earth

Dal meteo alla vigna, che vino farà?
Il clima è un elemento determinante per la filiera enologica e l'andamento dell'estate 2018 promette una produzione vinicola interessante

Gli impianti di prova dell’Imamoter
L'Istituto del Cnr effettua certificazioni di veicoli destinati all'agricoltura per molti Paesi, sia dell'Ue che statunitensi e giapponesi

Olivicoltura in Toscana e in Italia
Se ne è parlato presso l'Ivalsa-Cnr, sottolineando l'importanza di valorizzare e tutelare la biodiversità dell'olio extravergine di oliva italiano

Progetto iPlanta per potenziare le capacità di difesa delle piante
Del tema hanno discusso a Roma, al Cnr, più di 100 scienziati provenienti dall'Ue, i rappresentanti dell'Autorità europea sulla sicurezza alimentare e i delegati delle organizzazioni internazionali

Cnr e Accademia dei Georgofili: accordo di collaborazione
La firma, il 24 ottobre scorso a Firenze alla presenza dei presidenti delle due strutture, Massimo Inguscio e Giampiero Maracchi. L'intesa mira a favorire una strategia condivisa sullo svolgimento di iniziative a sostegno di attività di ricerca e trasferimento tecnologico in ambito agroalimentare

Dall'Imamoter una macchina per lavorare la canapa
La macchina permette di ridurre i costi di lavorazione di questa pianta e di ottenere un prodotto migliore

Soilmonitor: il consumo di suolo è su web
L'applicazione, frutto della collaborazione tra Centro di ricerca Crisp dell'Università di Napoli Federico II, Cnr, Ispra, Geosolutions e Istituto nazionale di urbanistica, consente di valutare il fenomeno su scala nazionale

Senegal: agricoltura e sostenibilità
Il progetto Papsen, che vede la collaborazione tra l'Ibb e l'Ibimet Cnr e lo Stato africano, ha lo scopo di rinforzare la sicurezza alimentare e la promozione dello sviluppo, grazie a sistemi agricoli innovativi e sostenibili

Un incontro per il Ciad
Vi hanno partecipato Rozi Mamai, ex ministro dell’Economia dello stato africano, l’ex ministro Enzo Orlanducci e una delegazione di esperti del Cnr. Obiettivo, lavorare a un’emergenza locale: l’acqua