Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
La scuola: fucina di invenzioni

La scuola: fucina di invenzioni (RM file)

Un robot che gioca a morra, occhiali antinfortunistici che bloccano il funzionamento degli apparecchi in caso di pericolo, solventi per vernici agli agrumi e una città virtuale per i salentini sparsi nel mondo. Queste le migliori invenzioni realizzate dagli studenti italiani e premiate oggi alla finale di ‘INVFactor-anche tu genio!', la competizione ideata dal Consiglio nazionale delle ricerche e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e rivolta alle scuole superiori, che si è conclusa con la premiazione presso lo Spazio Europa a Roma.

INVFactor è organizzato dall'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cnr e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea, con l'adesione del Presidente della Repubblica italiana, allo scopo di valorizzare il talento dei ragazzi avvicinandoli al mondo della scienza. In questa seconda edizione sono state 31 le invenzioni presentate dai ragazzi ed esaminate da una giuria di esperti.

Tra le idee proposte dai ragazzi, anche l'astometro. Lo strumento  permette di misurare la forza nel tempo del salto con l'asta, per poi applicare i risultati a uno studio della tecnica e migliorare così il rendimento della prestazione. Il  congegno è costituito da un dispositivo meccanico con sensori elettronici, collegati a un pc in grado di monitorare in tempo reale il salto senza alterarne la dinamica. A realizzarlo, Alessio Spada, studente dell'Istituto tecnico ‘Itis Leonardo Da Vinci' di Rimini.

Al primo posto si è piazzato ‘Gavin', un robot in grado di sfidare l'uomo alla morra, uno dei giochi tradizionali della Sardegna, la regione da cui provengono gli inventori di questo androide, studenti dell'istituto tecnico Giua di Cagliari che si sono impegnati in sperimentazioni, calcoli e numerosi test automatici per rendere la loro creatura imbattibile.

Il secondo premio è andato agli ‘Occhiali di sicurezza intelligenti' realizzati dai ragazzi dell'Istituto tecnico ‘Da Vinci' di Rimini. Questi occhiali, grazie a speciali segnalatori all'infrarosso, bloccano il funzionamento degli apparecchi ‘pericolosi' adoperati in alcuni ambienti di lavoro se l'occhiale non è indossato, oppure quando l'operatore lo lascia incustodito.

Si è guadagnato il terzo posto un gruppo di studenti dell'Istituto tecnico ‘Cannizzaro' a indirizzo Chimica di Catania. Per combattere l'inquinamento, i ragazzi hanno realizzato dei solventi agli agrumi ecocompatibili anche grazie all'ospitalità dei laboratori dell'Istituto di Chimica biomolecolare del Cnr. "Le sostanze distillate", spiegano, "sono olii essenziali biodegradabili e atossici ricavati dalle bucce e possono essere utilizzati al posto delle sostanze chimiche adoperate per le vernici". Infine, il premio speciale alla ‘Creatività femminile' è stato assegnato alle autrici della città virtuale di ‘Salentide', un luogo di ritrovo e incontro per i salentini sparsi nel mondo. "

"Quest'anno i ragazzi hanno superato le nostre più rosee aspettative", commenta Rossella Palomba dell'Irpps-Cnr, coordinatrice dell'evento. "Le invenzioni sono innovative, fantasiose e tecnologicamente avanzate. Sono inoltre rimasta colpita dall'attenzione verso la sicurezza sul lavoro e dalla presenza femminile". Il Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea Lucio Battistotti ha commentato:  "L'Europa ha dato un'ulteriore dimostrazione del proprio impegno a promuovere concretamente l'innovazione in tutte le sue forme, in quanto presupposto per la crescita futura".

Sandra Fiore

Fonte: Rossella Palomba, Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali, Roma, tel. 06/492724229, email r.palomba@irpps.cnr.it

Altri video Cultura

"Moby Dick" Kum!
Al festival che si è svolto ad Ancona, ha partecipato anche l'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Cnr, proponendo una rilettura del romanzo di Melvill

A Bologna, la ricerca cambia linguaggio
Presso l'Area di ricerca del Cnr del capoluogo emiliano, si è svolto l'annuale progetto di divulgazione che avvicina gli studenti alla scienza attraverso incontri con i ricercatori dell'Ente ed esercitazioni nei laboratori

In viaggio attraverso la cultura
È questo il tema affrontato dell'edizione di quest'anno del Festival del giornalismo culturale, di cui il Cnr è patrocinatore e media partner. Tanti gli appuntamenti previsti tra lectio, dialoghi, workshop, concorsi e concerti nei giorni (14 e15 settembre e dal 3 al 6 ottobre) in cui la manifestazione si svolge nel territorio marchigiano

La "prima notte" dei ricercatori di Montelibretti
Quest'anno anche quest'Area di ricerca del Cnr ha preso parte all'appuntamento voluto dall'Unione europea per avvicinare i giovani alla scienza. Tante le iniziative proposte, tra le quali il collegamento con i ricercatori impegnati presso la Base antartica Concordia al Polo Sud

Sperimestate 2019
Il progetto, realizzato dal Cnr-Isof con gli studenti delle scuole medie superiori, è stato dedicato alla Tavola periodica, di cui ricorre quest'anno il 150esimo anniversario, e in particolare a due suoi elementi: l'Elio e l'Indio

I cebi e l’arte di scavare alla ricerca di radici
Uno studio in natura evidenzia come ingegno e abilità manuale rendano queste scimmie maestre nell'arte di estrarre dal suolo rizotuberi, molto ricchi di sostanze nutritive. La ricerca dimostra l'origine evolutiva di capacità fondamentali per la sopravvivenza e il successo dei primati, uomo incluso

ll sottosuolo di Napoli tra storia, cultura e sostenibilità
Un progetto al quale partecipa anche l'Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr esamina la possibilità di utilizzare il sottosuolo di Napoli per attività utili alla popolazione, creandovi, ad esempio, o un parcheggio di scambio o organizzandovi eventi culturali

Rivoluzione scientifica e scienze umane
Dell'importanza delle discipline umanistiche si è parlato nel corso dell'evento 'Le scienze dimenticate', organizzato  presso il Cnr dalla Fondazione Antonio Ruberti, con la partecipazione di Rens Bod, docente di Informatica umanistica all'Università di Amsterdam

L’Infinito tra scienza e poesia
A esaminare la presenza della componente scientifica nella lirica di Leopardi è il ricercatore dell'Istituto nazionale di ottica del Cnr Alessandro Farini, che sottolinea la similitudine tra lo stupore - davanti ai misteri della natura e della realtà - del poeta e quello dello scienziato, che proprio da questo sentimento trae ispirazione per le sue ricerche

L’Italia sul tetto del mondo
La conquista del K2 da parte di una spedizione guidata da Ardito Desio e organizzata, tra gli altri, anche dal Cnr, è stata ricordata in un evento svoltosi nella sede di Roma dell'Ente. Presenti anche la figlia dell'esploratore, Mariela, e l'ambasciatore del Pakistan, Nadeem Riyaz