Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
L’Isti-Cnr e il progetto Planck

L’Isti-Cnr e il progetto Planck (RM file)

Il 14 maggio 2009 l'agenzia spaziale europea ha lanciato in orbita il satellite Planck; da allora i due sofisticati strumenti di bordo hanno iniziato a osservare il fondo cosmico di microonde per decifrare dettagli ancora nascosti della storia del nostro universo.

L'interpretazione dei dati raccolti da Planck richiede tecniche di analisi molto avanzate, al cui sviluppo hanno dato un significativo contributo i ricercatori dell'Istituto di scienza e tecnologia dell'informazione (Isti) del Cnr di Pisa.

Secondo Emanuele Salerno, che guida il gruppo pisano, i motivi del coinvolgimento degli informatici nel progetto sono due. Il primo riguarda la mole dei dati da trattare. Lo strumento LFI a bordo di Planck  raccoglie e manda a terra circa 40 Gb di dati per ogni giorno di osservazione e sono necessari strumenti molto potenti e sofisticati per la loro elaborazione.

Il secondo motivo è che quando la misure fatte sono estremamente sensibili diventa importante e anche complicato distinguere il segnale utile dal rumore di fondo cioè da tutti i disturbi che vi si sovrappongono.

Rispetto ai suoi predecessori, Cobe e Wmap lanciati dalla Nasa, Planck con i suoi strumenti offre un'accuratezza di misura e una definizione molto maggiori.

Inoltre, i dati registrati sono la sovrapposizione di segnali generati da oggetti fisici distinti distribuiti a varie distanze dalla Terra.

Il satellite che guarda in una certa direzione nel cielo vede su tutti i suoi nove canali nove diverse sovrapposizioni di questi diversi segnali. Il problema è che le proporzioni di questi segnali non sono note. E' come se ci dessero un certo numero di cocktail fatti con gli stessi ingredienti, ma con dosi diverse e noi assaggiandoli dovessimo stabilire quali sono per ognuno di essi le dosi che sono state usate.

Riuscire a quantificarle può svelarci molto sulla cosmologia del Big Bang. Ed è proprio quello che il gruppo pisano è riuscito a fare. Dopo undici anni di lavoro siamo arrivati a mettere a punto un sistema che a partire da un'immagine formata a sua volta da più immagini elementari e valutata in diverse componenti di colore riesce a estrarre tutte le componenti fondamentali di quest'immagine.

Reno Mandolesi, direttore dell'istituto di astrofisica spaziale e fisica cosmica di Bologna, è il responsabile di uno dei due strumenti che volano su Planck, detto lo strumento a bassa frequenza.

La cosiddetta separazione delle componenti è uno degli aspetti cruciali dell'analisi dati di Planck in quanto permette in maniera molto precisa di separare il segnale astrofisico, che è quello che proviene dalla nostra galassia, dal segnale cosmologico che è quello che proviene dalla prima luce.

L'approccio vincente proposto nel 1999 dai ricercatori dell'Isti-Cnr, quello delle cosiddette ‘tecniche cieche' ha permesso oggi di arrivare ad avere risultati promettenti.

Luca Trombella

Altri video Tecnologia

InnovAgorà 2019, la piazza dei brevetti
La manifestazione, promossa dal Miur e organizzata dal Cnr e dal Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci e svoltasi a Milano lo scorso maggio, è stata l'occasione per far incontrare inventori di brevetti e mondo delle imprese, per favorire il confronto e la collaborazione tra le due realtà

Videogiochi e musei
L'argomento è stato oggetto di una giornata di studi alla quale ha partecipato anche il Cnr-Itabc. L'Istituto lavora da anni nel settore degli spazi espositivi e ha sottolineato le caratteristiche che le applicazioni interattive devono avere per funzionare in un area museale

L’Aquila, dieci anni dopo
Fausto Guzzetti del Cnr-Irpi, referente incaricato, per le attività dell'Ente a supporto della Protezione civile ai tempi del sisma abruzzese, ricorda le attività svolte dagli Istituti nei mesi successivi al sisma. E come quella esperienza abbia dato vita a un nuovo approccio collaborativo

La geologia marina in Italia
I geologi marini si sono riuniti in convegno a Roma, presso il Cnr, lo scorso 21 e 22 febbraio, per favorire un confronto sul tema delle geoscienze marine tra mondo scientifico, istituzionale e industriale. Nel corso dell'evento è stato lanciato l'allarme sulla carenza di navi oceanografiche da ricerca in Europa

2019, il compleanno della Tavola periodica
Nato 150 anni fa, questo strumento permette di raggruppare gli elementi chimici con proprietà simili. Pietro Calandra, ricercatore dell'Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del Cnr spiega come, con il cosiddetto 'saggio alla fiamma' sia possibile individuare gli elementi chimici presenti in un composto

Pepper: il robot umanoide del Cnr-Icar
La macchina realizzata dal Cnr-Icar, può avere applicazioni in diversi settori, da quello educativo a quello assistenziale ad anziani e disabili

Sportello matematico, un supporto alle imprese
Il progetto del Cnr-Iac mette le conoscenze matematiche al servizio dell'industria, migliorando i flussi e le previsioni di vendita e riducendo gli sprechi.

Le strade italiane in un museo virtuale
Realizzato da Anas in collaborazione con il Cnr-Itabc, Muvias racconta la storia d'Italia, dall'Unità a oggi, attraverso quella della sua rete viaria

Il passato ritorna con le nuove tecnologie
Il loro utilizzo consente di svolgere attività di indagine, conservazione e valorizzazione degli antichi beni architettonici, oltre a favorirne la fruizione attraverso applicazioni interattive e musei virtuali, come ricorda Augusto Palombini del Cnr-Itabc

Edilizia scolastica: verso nuove strategie
Il presidente del Cnr Massimo Inguscio ha illustrato a Rai Parlamento l'accordo con l'Asi per la mappatura satellitare degli edifici scolastici al fine di valutarne condizioni e stabilità