Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Salute
E l’Italia si scopre velocipede

Andare in bicicletta è economico, fa bene alla salute, aiuta a mantenersi in forma e, nell'anno della pandemia, è una valida alternativa all'uso dei mezzi pubblici per spostamenti più sicuri. E nel 2020 le città italiane hanno puntato, più che in passato, sulla mobilità ciclistica: i dati del rapporto MobilitAria 2021, realizzato da Kyoto Club e Istituto sull'inquinamento atmosferico (Iia) del Consiglio nazionale delle ricerche segnalano un potenziamento delle reti ciclabili. Tra i casi virtuosi, Torino (+ 11 km), Milano (+ 67 km), Venezia (+18 km), Bologna (+ 16 km), Genova (+25 km), Roma (+ 33 km), Palermo (+ 4 km) e Cagliari (+ 11 km).

Lo studio evidenzia anche un exploit della micromobilità (bici, monopattini e scooter): Torino ha aumentato la sua flotta del 14%, a Milano (3.750 mezzi), Bari (1.000) e Napoli (1.050) è stato invece avviato il servizio, mentre si segnala una diminuzione del car sharing in quasi tutte le città.

Una piccola rivoluzione ecologica che tuttavia, in alcune città non ha fermato l'aumento nell'aria di inquinanti pericolosi per la salute dei cittadini. "Nonostante le azioni intraprese per migliorare la qualità dell'aria in tutto il territorio dell'Unione europea, gli standard di qualità fissati dalla normativa vigente sono ancora superati in vaste aree del territorio italiano. Nel rapporto MobilitAria si evidenzia come diverse città italiane abbiano superato più di 35 volte il limite giornaliero del PM10 nell'arco di un anno", dichiara Antonio Petracchini, direttore del Cnr-Iia. "La situazione più critica si riscontra nella città di Torino con 98 superamenti, seguono Milano con 90, Venezia con 88, Napoli con 57 e Cagliari con 38 superamenti. Occorre, quindi, accelerare sulle misure, revisionare la normativa verso nuovi limiti e inquinanti, agire per l'adozione della strategia nazionale sull'inquinamento atmosferico e potenziare gli studi scientifici per la comprensione delle cause e degli effetti dell'inquinamento atmosferico sul territorio".

 

Altri video Salute

Omicron, cosa ne sappiamo?
Preoccupa questa nuova variante di Covid-19 e la sua rapida diffusione. Giovanni Maga, direttore del Cnr-Igm, sottolinea però che, sebbene abbia accumulato un numero di cambiamenti superiore a quanto osservato nelle altre varianti circolanti, non è ancora possibile conoscere la sua reale capacità di contagiosità e di sintomatologia

Vertigini: cause e sintomi
A spiegarli è Fabiana Novellino, ricercatrice dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr, che illustra le varie tipologie di questo disturbo e quale patologia può provocarlo

Dal virus alle varianti: cosa cambia?
Giovanni Maga, direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, spiega come muta un virus, causando la comparsa delle varianti, cioè virus che hanno delle istruzioni leggermente modificate

Dismorfia e smartworking
Il lavoro da casa ci ha cambiati. Le nuove abitudini, prese di mira anche dalla satira, come si vede nel video divenuto virale di Giovanni Scifoni, hanno però conseguenze serie sul nostro equilibrio psicofisico, come evidenzia il neuroscienziato del Cnr-Irib Antonio Cerasa

Al Cnr di via Ramarini l’hub vaccinale di Monterotondo
Esempio virtuoso di collaborazione tra enti e istituzioni locali, l'hub vaccinale di Monterotondo è stato inaugurato dall'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, dal sindaco Riccardo Varone, dal direttore generale del Cnr Giambattista Brignone, dal direttore generale della Asl Giorgio Santonocito. Un risultato importante per il principale ente di ricerca del Paese

Gli effetti del long Covid
Con i vaccini possiamo dirci tranquilli? Non del tutto, risponde Domenico Nuzzo del Cnr-Irbim. Nel 70% dei casi infatti gli effetti a lungo termine causati dal Coronavirus intaccano il sistema nervoso centrale e possono cronicizzarsi. Per questo è necessario studiarli e non abbassare la guardia

Maria Chiara Carrozza alla nuova Officina farmaceutica 2.0
La prima visita ufficiale della presidente del Consiglio nazionale delle ricerche è stata  a Pisa, alla struttura  per la produzione di radiofarmaci  dell'Istituto di fisiologia clinica del Cnr, che, dopo un periodo di sospensione dell'attività, è stata  ristrutturata e ampliata

Pasto caldo o freddo? Meglio variare per mangiare sano e con gusto
La temperatura di un alimento influisce sulla percezione di sazietà, sul sapore ma anche sulle proprietà nutrizionali degli alimenti. Vediamo come, con Marika Dello Russo, ricercatrice dell'Istituto di scienze dell'alimentazione del Cnr

Anticorpi monoclonali, il futuro è un cocktail
Per combattere l'infezione di Sars-CoV-2 non ci sono solo i vaccini. Francesca Di Rosa dell'Istituto di biologia e patologia molecolari (Ibpm) del Consiglio nazionale delle ric­erche parla dei monoclonali, farmaci biologici estremamente selettivi, somministrati a infezione in corso

Vaccino Sars-Cov2: come funziona l’immunità
Per fermare l'epidemia, l'unica via è vaccinarsi. A dirlo è Giovanni Maga, virologo e direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr. Il ricercatore chiarisce inoltre i dubbi su chi è guarito dal Covid-19, precisando che anche queste persone devono vaccinarsi per proteggersi da una nuova infezione, aggiungendo che  l'immunità  data dal vaccino è maggiore e protegge anche dalle varianti