Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Grotta Guattari, nuovi reperti fossili dei Neanderthal

Una scoperta eccezionale quella avvenuta al Circeo, nella grotta Guattari, dove sono stati ritrovati resti fossili di nove individui di Neanderthal, la forma umana indigena europea che ha popolato il nostro sub-continente tra 300mila e 45mila anni fa, quando fu rimpiazzata, o più probabilmente assorbita, nella popolazione dei Sapiens moderni, i nostri diretti antenati, originari dell'Africa.

La scoperta, coordinata dalla Soprintendenza archeologica del Lazio in collaborazione con l'Università Tor Vergata di Roma, ha visto la partecipazione anche dei ricercatori dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (Igag) del Cnr che, assieme a studiosi dell'Ingv e delle Università di Pisa e Sapienza di Roma, hanno contribuito allo studio, definendo l'età e il contesto climatico-ambientale al tempo dei resti fossili umani rinvenuti nella grotta.

La successione sedimentaria copre l'intervallo cronologico tra 125mila e 64mila anni fa, quindi circa 60mila anni di storia. “All'interno di questo intervallo cronologico si riconoscono due principali fasi di interesse archeologico e paleoantropologico”, spiega Biagio Giaccio del Cnr-Igag che, assieme alla collega Simona Rosselli, ha partecipato allo studio. “Una fase più antica, probabilmente compresa tra 115mila e 80-90mila anni fa, vede la frequentazione dei Neanderthal che usano la grotta come riparo e per la preparazione e il consumo di cibo. Nei millenni successivi, le tracce di frequentazione umana diventano sporadiche fino a quando, tra 65mila e 64mila anni fa, la cavità viene occupata da branchi di iene che la usano come riparo e per consumare indisturbate i propri pasti, costituiti da grandi mammiferi, compresi individui di Neanderthal. È proprio alle attitudini di 'collezionista di ossa' di questo carnivoro, predatore e spazzino, che si deve l'eccezionale accumulo dei resti animali, uomo incluso”..

L'aspetto che rende straordinario il rinvenimento di grotta Guattari è stata la possibilità di ottenere una datazione estremamente accurata e precisa di così tanti resti di Neanderthal, cosa che in Europa non ha pari “Con l'aiuto della geochimica isotopica, in particolare di una tecnica geocronologica basata sul rapporto degli isotopi dell'uranio e torio, è stato possibile datare precisamente tra 65mila e 64mila anni fa l'inizio e la fine della formazione del pacchetto di sedimento contenenti i resti, conclude il ricercatore. “Questi dati geocronologici offrono quindi l'opportunità più unica che rara di esaminare la variabilità anatomica e, si spera, genetica di un cospicuo campione della popolazione di Neanderthal in una finestra temporale brevissima e cronologicamente ben vincolata; circostanze che pongono la grotta Guattari tra i più importanti siti europei per lo studio dell'evoluzione di questa forma umana”.

Altri video Cultura

Serve un nuovo umanesimo scientifico
La presidente del Cnr, ospite della trasmissione Kilimangiaro estate, esorta i giovani a intraprendere le carriere scientifiche. È noto poi che soprattutto le ragazze non scelgano infatti le facoltà Stem come percorso di laurea

Sgarlata, un premio al coraggio
Il ricercatore dell'Istituto dei materiali per l'elettronica e il magnetismo del Cnr Edmondo Gilioli è stato insignito dell'onorificenza per l'impegno sociale e civile. La cerimonia si è svolta presso la sala Protomoteca in Campidoglio a Roma

Capodimonte, dove ricerca e arte sono alleate
Il Real Bosco, polmone verde di Napoli, è oggetto di studi da parte del Cnr, che è presente  presso il museo di Capodimonte con un laboratorio mobile che indaga le opere d'arte mettendole a nudo. La ministra  del Mur Maria Cristina Messa e la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza lo hanno visitato

I tesori in fondo al mare
Sotto ai fondali dei Campi Flegrei con il Cnr, per misurare la temperatura dell'acqua e le emissioni di calore per preservare i tesori del passato. Già note ai romani

Il teorema di Napoleone
Pochi sanno che Bonaparte era un appassionato di matematica, di cui amava dimostrare le teorie usando esclusivamente il compasso. Roberto Natalini, direttore dell'Istituto per le applicazioni del calcolo del Cnr, ne ricorda l'affascinate figura, illustrando il teorema a lui attribuito

Jackson Pollock visto dal Molab
Il laboratorio mobile per le indagini non invasive sulle opere d'arte dell'Università di Perugia e del Cnr ha partecipato al primo progetto internazionale di analisi delle 11 opere del pittore statunitense della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Tra gli obiettivi, analizzare i colori utilizzati dall'artista e la tecnica pittorica adoperata

Una caserma sotto la metro C
Una caserma del II secolo d.C. emerge a Roma durante gli scavi della linea C della metropolitana. Grazie ai modelli 3D degli esperti dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr il passato riprende forma. Ne parla un servizio di Futuro 24, su Rai news

Pietre di inciampo: la memoria in un sampietrino
In tutta Europa, camminando per strada, è possibile imbattersi in sampietrini di ottone che ricordano le vittime della Shoah. Non a caso le chiamano pietre di inciampo e sono un discreto quanto forte monumento alla memoria di queste persone

Vito Volterra raccontato da Massimo Inguscio
Il presidente del Cnr ricorda il fondatore e primo presidente dell'Ente. Un grandissimo scienziato e un manager lungimirante

Il villino Volterra tra scienza, arte e natura
Si trova ad Ariccia il buèn retiro costruito e amato dal matematico, fondatore e primo presidente del Cnr. Nel giardino dell'abitazione si trovano vari reperti archeologici, che lo scienziato amava collezionare, come anche le stampe e i libri antichi. A ricordare Volterra ora arriva anche un fumetto realizzato da Alessandro Bilotta e Dario Grillotti, edito da Cnr edizioni con Feltrinelli Comics