Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Salute
Pasto caldo o freddo? Meglio variare per mangiare sano e con gusto

La temperatura dei cibi è tra i fattori principali che determinano le nostre preferenze alimentari. A dirlo è Marika Dello Russo dell'Istituto di scienze dell'alimentazione (Isa) del Cnr. Temperatura e metodo di cottura influiscono non solo sulle nostre preferenze, ma anche nella qualità degli alimenti. "È comune considerare i cibi freddi più 'leggeri' e meno sazianti dei cibi caldi e questo condiziona alcuni nostri comportamenti, come servire porzioni più abbondanti di cibo caldo o prediligere alimenti freddi se si sta seguendo una dieta dimagrante", afferma Dello Russo. La cottura è determinante per le proprietà nutrizionali. "La pasta al dente ha un minor indice glicemico rispetto a quella ben cotta. Questo accade perché gli amidi della pasta al dente sono parzialmente attaccabili dagli enzimi digestivi: ciò che non viene digerito non si trasforma in zucchero e non ne aumenta i livelli nel sangue". E sulla ormai annosa diatriba legata alle verdure, la scienziata fa chiarezza: "Molti ritengono che le verdure, così come la frutta, conservino più vitamine se consumate crude. Tuttavia, ciò dipende dal tipo di vitamine e di minerali che queste contengono. Ad esempio, il pomodoro cotto aumenta la quantità di licopene, sostanza con spiccata azione antiossidante e anticancro, ma allo stesso modo riduce l'attività della vitamina C, altro importante antiossidante che aiuta a rafforzare il sistema immunitario". Senza tralasciare l'aspetto edonistico del piatto, non c'è una regola fissa che consenta di stabilire se sia meglio il cibo cotto o crudo, bisogna scegliere con equilibrio e cognizione di volta in volta.

Altri video Salute

Vertigini: cause e sintomi
A spiegarli è Fabiana Novellino, ricercatrice dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr, che illustra le varie tipologie di questo disturbo e quale patologia può provocarlo

Dal virus alle varianti: cosa cambia?
Giovanni Maga, direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, spiega come muta un virus, causando la comparsa delle varianti, cioè virus che hanno delle istruzioni leggermente modificate

Dismorfia e smartworking
Il lavoro da casa ci ha cambiati. Le nuove abitudini, prese di mira anche dalla satira, come si vede nel video divenuto virale di Giovanni Scifoni, hanno però conseguenze serie sul nostro equilibrio psicofisico, come evidenzia il neuroscienziato del Cnr-Irib Antonio Cerasa

E l’Italia si scopre velocipede
Il trasporto sulle due ruote vive un momento di rilancio grazie all'aumento delle piste ciclabili nelle grandi città. Lo evidenzia il rapporto MobilitAria 2021, realizzato da Kyoto Club e Istituto sull'inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche

Al Cnr di via Ramarini l’hub vaccinale di Monterotondo
Esempio virtuoso di collaborazione tra enti e istituzioni locali, l'hub vaccinale di Monterotondo è stato inaugurato dall'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, dal sindaco Riccardo Varone, dal direttore generale del Cnr Giambattista Brignone, dal direttore generale della Asl Giorgio Santonocito. Un risultato importante per il principale ente di ricerca del Paese

Gli effetti del long Covid
Con i vaccini possiamo dirci tranquilli? Non del tutto, risponde Domenico Nuzzo del Cnr-Irbim. Nel 70% dei casi infatti gli effetti a lungo termine causati dal Coronavirus intaccano il sistema nervoso centrale e possono cronicizzarsi. Per questo è necessario studiarli e non abbassare la guardia

Maria Chiara Carrozza alla nuova Officina farmaceutica 2.0
La prima visita ufficiale della presidente del Consiglio nazionale delle ricerche è stata  a Pisa, alla struttura  per la produzione di radiofarmaci  dell'Istituto di fisiologia clinica del Cnr, che, dopo un periodo di sospensione dell'attività, è stata  ristrutturata e ampliata

Anticorpi monoclonali, il futuro è un cocktail
Per combattere l'infezione di Sars-CoV-2 non ci sono solo i vaccini. Francesca Di Rosa dell'Istituto di biologia e patologia molecolari (Ibpm) del Consiglio nazionale delle ric­erche parla dei monoclonali, farmaci biologici estremamente selettivi, somministrati a infezione in corso

Vaccino Sars-Cov2: come funziona l’immunità
Per fermare l'epidemia, l'unica via è vaccinarsi. A dirlo è Giovanni Maga, virologo e direttore dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr. Il ricercatore chiarisce inoltre i dubbi su chi è guarito dal Covid-19, precisando che anche queste persone devono vaccinarsi per proteggersi da una nuova infezione, aggiungendo che  l'immunità  data dal vaccino è maggiore e protegge anche dalle varianti

Covid-19: vaccinarsi, un obbligo morale
Le campagne vaccinali sono in corso, ma è giusto obbligare i sanitari e le persone in generale a sottoporvisi? Per Marco Annoni, ricercatore del Centro interdipartimentale per l'etica e l'integrità nella ricerca del Cnr, l'importante è rispettare alcune condizioni