Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Scorie nucleari, dove depositarle?

La Sogin, la società pubblica di gestione del nucleare, ha pubblicato la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi), il progetto preliminare e tutti i documenti correlati alla realizzazione del Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e del Parco tecnologico, che permetterà di sistemare in via definitiva i rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività. Un lavoro coordinato dai Ministeri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, atteso da molti anni, che dovrebbe chiudere la questione della gestione dei rifiuti radioattivi, oggetto anche di una procedura di infrazione europea: attualmente i rifiuti radioattivi sono stoccati in una ventina di siti provvisori, non idonei ai fini dello smaltimento definitivo.

La Carta non stabilisce in quale punto costruire il deposito, delinea invece le condizioni tecniche per scegliere il luogo in cui costruire il deposito nazionale dei 31mila metri cubi di rifiuti radioattivi, cui si aggiungono circa 78mila metri cubi di rifiuti a bassa e media attività, provenienti dal mondo civile e in special modo da quello medico e ospedaliero, come le sostanze usate per la diagnosi clinica e per le terapie antitumorali. Ne emerge una mappa a macchie, che va dal Piemonte alla Calabria, con alcune zone a maggiore propensione, in tutto 67 località. Sovrapponendo i criteri, gli scienziati dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Isin), hanno individuato 12 aree ottimali per motivi tecnici, geologici e ambientali: due in provincia di Torino, cinque in provincia di Alessandria e cinque in provincia di Viterbo.

Il deposito nazionale sarà gestito da Sogin e avrà una struttura a matrioska, contenente un parco tecnologico di 40 ettari e due depositi, uno per le scorie a bassa attività, l'altro per i rifiuti a media e alta attività, di 110 ettari complessivi. In 90 costruzioni in calcestruzzo armato, dette celle, verranno collocati grandi contenitori in calcestruzzo speciale, i moduli, che racchiuderanno a loro volta i contenitori metallici con i rifiuti già condizionati. Chi accoglierà i materiali verrà risarcito con una compensazione di una quindicina di milioni l'anno, più un contributo aggiuntivo.

Sul sito www.depositonazionale.it, tutte le informazioni del caso. In questo video Mario Tozzi, ricercatore dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche, illustra la problematica.

“Il Cnr risponde” è uno spazio di informazione dedicato alle principali questioni di attualità. Gli esperti dell'Ente mettono a disposizione del pubblico la propria conoscenza con pillole video di due minuti e un linguaggio semplice e diretto.

Altri video Tecnologia

Nabbovaldo e il ricatto del cyberspazio
Nel prossimo futuro i rischi informatici saranno sempre più frequenti. La cybersecurity è in continua evoluzione. È fondamentale dunque che i giovani sappiano evitare i rischi della rete per poterne sfruttare al massimo le opportunità

Uomo-robot: rapporto utile e affidabile
Apprende, interagisce e collabora. È Nao, il robot al centro dell'esperimento del Cnr-Istc, da cui emerge come il rapporto con queste macchine sia sempre più di tipo confidenziale e accettato dalla società

Se l’aspirapolvere mi spia
L'utilizzo di strumenti sempre più smart in casa mette a rischio i nostri dati personali, che potrebbero essere controllati dall'esterno. Serve un giusto bilanciamento tra privacy e internet delle cose

Un Atlante per la pericolosità dei fondali
Presentato alla Camera il principale risultato del progetto MaGic: un Atlante dei pericoli del mare, che ha visto il Cnr e i geologi marini riuniti per gestire il territorio sommerso. Oltre 5 milioni di euro i finanziamenti del Dipartimento della protezione civile

La rivoluzione elettrica
Cosa fanno gli scienziati per costruire degli accumulatori di energia più efficienti? Nella puntata di PresaDiretta il direttore dell'Istituto di chimica dei composti organometallici, Francesco Vizza, affronta la tematica del recupero dei materiali presenti nelle batterie

14_2021_Capodimonte, dove ricerca e arte sono alleate
Il Real Bosco, polmone verde di Napoli, è oggetto di studi da parte del Cnr, che è presente  presso il museo di Capodimonte con un laboratorio mobile che indaga le opere d'arte mettendole a nudo. La ministra  del Mur Maria Cristina Messa e la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza lo hanno visitato

Spazio: nuove collaborazioni nel campo del volo umano
Alla Casa dell'aviatore di Roma sono stati siglati importanti accordi per valorizzare le competenze dell'Aeronautica Militare e del Cnr nel settore aerospaziale

Battiato e Cacciapaglia: il suono oltre la parola
Il compositore e musicista milanese conobbe Battiato quando era ancora sedicenne, studente del conservatorio. Ad accomunarli subito la curiosità  verso la sperimentazione e le potenzialità del suono elettronico, che si affermava sulla scena internazionale. Dalla collaborazione per l'album “Pollution” del 1972 l'amicizia e la condivisione artistica non si sono mai interrotte, fino a consolidarsi nella comune ricerca spirituale che li ha portati a condividere anche alcuni viaggi

Ottimismo e tradizione per guardare avanti
La presidente Maria Chiara Carrozza, intervistata da Class Cnbc Italia 4.0, evidenzia, tra gli obiettivi del Cnr, la collaborazione con le imprese come strumento per generare innovazione

La digitalizzazione per la Pa
Ospite della trasmissione Timeline su Sky Tg24, la presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza affronta il tema della trasformazione digitale. Riuscire a effettuare questo cambiamento anche nei servizi della Pubblica amministrazione significherebbe vincere una sfida fondamentale