Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Tecnologia
Scorie nucleari, dove depositarle?

La Sogin, la società pubblica di gestione del nucleare, ha pubblicato la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi), il progetto preliminare e tutti i documenti correlati alla realizzazione del Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e del Parco tecnologico, che permetterà di sistemare in via definitiva i rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività. Un lavoro coordinato dai Ministeri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, atteso da molti anni, che dovrebbe chiudere la questione della gestione dei rifiuti radioattivi, oggetto anche di una procedura di infrazione europea: attualmente i rifiuti radioattivi sono stoccati in una ventina di siti provvisori, non idonei ai fini dello smaltimento definitivo.

La Carta non stabilisce in quale punto costruire il deposito, delinea invece le condizioni tecniche per scegliere il luogo in cui costruire il deposito nazionale dei 31mila metri cubi di rifiuti radioattivi, cui si aggiungono circa 78mila metri cubi di rifiuti a bassa e media attività, provenienti dal mondo civile e in special modo da quello medico e ospedaliero, come le sostanze usate per la diagnosi clinica e per le terapie antitumorali. Ne emerge una mappa a macchie, che va dal Piemonte alla Calabria, con alcune zone a maggiore propensione, in tutto 67 località. Sovrapponendo i criteri, gli scienziati dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Isin), hanno individuato 12 aree ottimali per motivi tecnici, geologici e ambientali: due in provincia di Torino, cinque in provincia di Alessandria e cinque in provincia di Viterbo.

Il deposito nazionale sarà gestito da Sogin e avrà una struttura a matrioska, contenente un parco tecnologico di 40 ettari e due depositi, uno per le scorie a bassa attività, l'altro per i rifiuti a media e alta attività, di 110 ettari complessivi. In 90 costruzioni in calcestruzzo armato, dette celle, verranno collocati grandi contenitori in calcestruzzo speciale, i moduli, che racchiuderanno a loro volta i contenitori metallici con i rifiuti già condizionati. Chi accoglierà i materiali verrà risarcito con una compensazione di una quindicina di milioni l'anno, più un contributo aggiuntivo.

Sul sito www.depositonazionale.it, tutte le informazioni del caso. In questo video Mario Tozzi, ricercatore dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche, illustra la problematica.

“Il Cnr risponde” è uno spazio di informazione dedicato alle principali questioni di attualità. Gli esperti dell'Ente mettono a disposizione del pubblico la propria conoscenza con pillole video di due minuti e un linguaggio semplice e diretto.

Altri video Tecnologia

Al Cnr-Inm, una vasca navale da America’s Cup
La struttura ha ospitato lo staff tecnico di Luna Rossa per le prove dell'imbarcazione in tre edizioni della competizione, come ricordano i ricercatori e i tecnici dell'Ente che hanno partecipato a quelle simulazioni. Tutti pronti  a impegnarsi al massimo, spinti dalla voglia di vincere l'importante gara internazionale

Matematica sulla cresta dell’onda
Tra i settori di ricerca dell'Istituto per le applicazioni del calcolo “Mario Picone” (Iac)  del Cnr c'è lo studio matematico della dinamica dei fluidi. Roberta Bianchini del Cnr-Iac illustra come vengono studiati i modelli che codificano il fenomeno particolare di trasferimento e dissipazione di energia dovuta a interazione di onde nei fluidi

Prima Marte o la Luna?
Negli ipotetici viaggi spaziali, per anni il nostro satellite è stato la principale meta. Oggi anche il Pianeta Rosso si affaccia sullo scenario, stuzzicando gli appetiti e i desideri di molti, ma gli esperti sembrano frenare la possibilità di una missione umana

L’identikit del cibo
Grazie al dispositivo portatile Phasmafood, gli alimenti non hanno più segreti e le contaminazioni e le alterazioni sono a prova di App. Ne parlano le ricercatrici dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr che, con l'Istituto di scienze delle produzioni alimentari, è tra i partner del progetto europeo

Il microbioma dei disegni di Leonardo
Per rilevarlo, i ricercatori di vari strutture scientifiche, tra cui gli scienziati dell'Istituto sistemi biologici del Cnr, hanno utilizzato la tecnica del sequenziamento a nano pori, che consente di ottenere il profilo genetico di tutti gli organismi

L’oggetto che cadde sulla Terra
Lo spazio circumterrestre è popolato da migliaia di satelliti e da decine di migliaia di oggetti, una parte dei quali, dopo un periodo trascorso in orbita, rientra nell'atmosfera del nostro Pianeta, producendo frammenti in grado di raggiungere il suolo

App Immuni: come funziona
Quando due persone si trovano vicine, ciascun dispositivo registra il codice dell'altro e, nel caso in cui uno dei due individui venga contagiato dal Coronavirus, autorizza a inviare un messaggio ai dispositivi che utilizzano l'applicazione. A spiegarlo è Giovanni Sebastiani, ricercatore dell'Istituto per le applicazioni del calcolo del Cnr

L’e-commerce e i nuovi modelli di business
La pandemia ha incrementato gli acquisti a distanza, un'abitudine che, secondo gli esperti, proseguirà anche in futuro, come sottolinea Greta Falavigna, dell'Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Cnr, che evidenzia quindi la necessità che anche i commercianti al dettaglio si adeguino alle regole dell'e-commerce

Il computer va a diamanti
Realizzare un pc quantistico con il diamante modificato al laser è quanto si propone un gruppo di scienziati dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano. Un simile strumento potrebbe essere utilizzato anche per la simulazione realistica delle molecole e delle interazioni di un virus come il Covid-19

Navigare fra arte e 3D
Per permettere al pubblico di continuare a godere dell'armonia e della bellezza dell'arte anche durante la quarantena da Coronavirus, molte strutture culturali e museali consentono di ammirare opere d'arte e i monumenti attraverso Internet e le tecnologie 3D. Eva Pietroni dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale illustra alcuni dei progetti del Cnr relativi a questo ambito