Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
Le parole in gioco

Il 23 ottobre si celebra il centenario della nascita di Gianni Rodari, uno dei più grandi scrittori per l'infanzia del Novecento. L'anniversario è l'occasione per conoscere meglio l'autore, famoso per le sue filastrocche e racconti. Rodari nasce nel 1920 a Omegna, in Piemonte. Dopo aver conseguito il diploma magistrale, per alcuni anni fa l'insegnante ma, al termine della Seconda guerra mondiale, decide di intraprendere la carriera giornalistica. A partire dagli anni Cinquanta inizia la sua attività di scrittore per l'infanzia: “Il libro delle filastrocche” è del 1951, “Il romanzo di Cipollino” del 1952. Tra le altre sue opere indimenticabili, '”Grammatica della fantasia” è ancora oggi un riferimento per insegnanti e pedagogisti. Egli vi sottolinea le potenzialità creative e pedagogico-didattiche degli errori.

La redazione della Web Tv del Cnr ha fatto un'incursione alla mostra “Tra Rodari e Munari”, in corso presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma, che omaggia i due artisti e celebra il loro incontro umano e intellettuale. Prendendo spunto dall'anniversario abbiamo chiesto a Maria Cristina Picchio, ricercatrice dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Cnr di illustrare il rapporto di Rodari con le parole e il carattere sociale ed educativo della sua produzione letteraria.

Rodari è stato un uomo poliedrico: giornalista, uomo politicamente attivo, intellettuale, maestro, pedagogista e anche un ricercatore. Nella “Grammatica della fantasia”, dichiara che il suo intento è quello di ricercare le costanti dei meccanismi fantastici, le leggi dell'invenzione, per renderne l'uso accessibile a tutti”, spiega Picchio. “L'esplorazione creativa dei possibili usi della parola, l'immaginazione secondo lui devono essere per tutti e alla portata di tutti, affinché – dice - nessuno sia schiavo”.

E questo perché? Perché l'associazione casuale di due parole, l'errore linguistico, il paradosso consentono di imparare a vedere la realtà da un'altra prospettiva, aprendo così spazi di libertà e nuova conoscenza. Dunque la parola e l'immaginazione si configurano come strumenti di emancipazione, di liberazione dal pensiero conformista, dai pregiudizi, gli stereotipi, da un modo univoco di guardare al mondo. E per questo lui sosteneva la necessità che l'immaginazione avesse un suo posto nell'educazione.

Rodari, assieme ad altri educatori e pedagogisti, come ad esempio Loris Malaguzzi - il fondatore dell'esperienza delle scuole di Reggio Emilia tanto conosciute e studiate in tutto il mondo e a cui lui stesso prese parte - apparteneva all'altra pedagogia, quella non accademica, fatta per e con gli insegnanti, capace di calarsi nella realtà delle scuole, finalizzata a garantire pari opportunità, combattere diseguaglianze e povertà educativa, fenomeni che purtroppo oggi sono così drammaticamente in crescita nel nostro Paese.

“Una pedagogia dunque che riconosce i bambini come protagonisti e soggetti attivi dei propri percorsi di crescita e di apprendimento, che valorizza le loro potenzialità, che punta a generare in loro anticorpi contro una visione semplificata della realtà, e a sostenere in loro un pensiero critico, divergente ed autonomo”, conclude la ricercatrice.

Altri video Cultura

Vetrine per la ricerca
L' iniziativa, che si è svolta a Napoli, costituisce un evento di avvicinamento alla “Notte europea dei ricercatori” prevista per il 27 novembre, nell'ambito del progetto europeo “Meet me tonight Campania 2020”. Ne parla Michela Alfè dell'Istituto di scienze e tecnologie per l'energia e la mobilità sostenibili del Cnr

Un Festival sulla cresta dell’onda
L'edizione 2020 del Festival della scienza di Genova, pur dovendo adattare la sua formula per rispettare le norme anti-Covid, ha ospitato numerosi eventi, molti dei quali organizzati dal Cnr, main partner della manifestazione. Tra gli appuntamenti, mostre e laboratori sulla discriminazione di genere e sui pericoli legati al consumo eccessivo di alcol

Festival del giornalismo culturale 2020
Dedicata quest'anno a un confronto tra cultura scientifica e umanistica, la manifestazione, di cui l'Ufficio stampa del Cnr è media partner, ha ospitato tra l'altro un panel su Scienza medicina e media e la lectio magistralis di Guido Tonelli. Nell'intervista, la condirettrice Lella Mazzoli presenta due libri legati all'Fgcult

1870, Roma si prepara alla modernità
Il 1870 scrive un ulteriore capitolo nella storia millenaria della città di Roma dove, con la Breccia di Porta Pia, si apre una nuova stagione dal punto di vista politico sociale ed economico. La città allarga i suoi confini, sia geograficamente che demograficamente, come spiega Michele Colucci, ricercatore dell'Istituto di studi sul Mediterraneo del Cnr

Post Covid: gli italiani ripartono dalla cultura
Un'indagine alla quale ha collaborato anche l'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Cnr ha rivelato che, con il progressivo ritorno alla normalità, è forte il desiderio di tornare a fruire degli spazi culturali, soprattutto musei, cinema e teatri

Semplicemente Appia
Realizzato dall'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, il video racconta la storia della via consolare attraverso le parole del suo artefice, il censore Appio Claudio Cieco

Retake, a via dei Ramni torna il colore
Il volontari del movimento che combatte il degrado dell'area più “scientifica” della Capitale hanno avviato i lavori per la sistemazione della facciata posteriore del Cnr, imbrattata da scritte vandaliche

Roma, territorio dell’immaginario grazie all’archeologia
La città e i suoi beni monumentali hanno ispirato e fatto da scenografia a molti film, come sottolinea Augusto Palombini dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, ricordando il rapporto della Città eterna col cinema.

Maturità: perché nei sogni gli esami non finiscono mai
È un rito di transizione fondamentale, che segna l'ingresso nella vita adulta, eliminarlo a causa della pandemia avrebbe privato i ragazzi “di questo vissuto, di questo momento di passaggio, che è eterno ed è, come dice Freud, un ricordo indelebile”, spiega Anna Lo Bue dell'Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica del Cnr

“L’Urlo” torna al museo grazie al Cnr
Il dipinto di Munch potrà tra breve essere esposto di nuovo nell'omonimo museo di Oslo, grazie agli studi sull'opera condotti da un team internazionale coordinato dal Consiglio nazionale delle ricerche. I ricercatori hanno rilevato che a determinare il suo deperimento non è tanto la luce ma l'umidità