Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Cultura
1870, Roma si prepara alla modernità

Il 1870 scrive un ulteriore capitolo nella storia millenaria della città di Roma dove, con la Breccia di Porta Pia, si apre una nuova stagione dal punto di vista politico sociale ed economico. La città allarga i suoi confini, sia dal punto di vista geografico che da quello della popolazione. "Gli abitanti di Roma erano circa 200mila nel 1870, diventeranno 500mila agli inizi del '900, superando il milione negli anni Trenta", afferma Michele Colucci, ricercatore  dell'Istituto di studi sul Mediterraneo (Ismed) del Cnr. "Dal punto di vista geografico, prendono forma nuove aree di urbanizzazione, sulla via Nomentana sorgono nuovi insediamenti, così come nella zona di Castro Pretorio e intorno a santa Maria Maggiore, all'Esquilino".

La nascita di nuove funzioni e di nuovi servizi spinge lo sviluppo urbano di Roma anche verso zone legate all'espansione industriale, come avviene nei primi del '900 nell'area di Ostiense e, nei decenni seguenti, sulle vie Prenestina e Tiburtina, dove si articolano veri e propri insediamenti industriali che danno luogo anche a nuove immigrazioni. "Ricordiamo che è l'immigrazione che dà una svolta demografica alla città e che irrobustisce la crescita della popolazione, formata da figure molto diverse, ceto medio, lavoratori industriali, lavoratori agricoli", prosegue il ricercatore. "Questo sviluppo così rapido e tumultuoso, spesso ha avuto i tratti di un processo disordinato, segnato da molte contraddizioni e diseguaglianze legate anche alle difficoltà nel mondo dei trasporti o legate all'enorme espansione geografica che oggi ha superato di molto i confini del Grande raccordo anulare.

Tuttavia, in questi 150 anni, Roma ha rappresentato un grandissimo laboratorio per il mondo della ricerca una sfida conoscitiva importante, sfida che il Cnr-Ismed, assieme a Biblioteche di Roma ha voluto raccogliere lanciando, per il 2020 e 2021, un progetto di ricerca e disseminazione incentrato proprio sui 150 anni di Roma Capitale dal punto di vista delle immigrazioni.

“Questi 150 anni rappresentano una grande sfida dal punto di vista conoscitivo per il mondo della ricerca. La storia di Roma è in piccolo la dimostrazione di quanto alcuni fenomeni globali abbiano inciso in modo rilevante sul territorio e di quanto lo specchio delle trasformazioni di una città possa rappresentare una chiave interpretativa per capire l'età contemporanea”, conclude Colucci.

Altri video Cultura

Le parole in gioco
A cento anni dalla nascita di Rodari, abbiamo chiesto a Mariacristina Picchio, dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione, di ricordare la sua personalità e il suo pensiero

Festival del giornalismo culturale 2020
Dedicata quest'anno a un confronto tra cultura scientifica e umanistica, la manifestazione, di cui l'Ufficio stampa del Cnr è media partner, ha ospitato, tra l'altro, un panel su Scienza medicina e media e la lectio magistralis di Guido Tonelli

Post Covid: gli italiani ripartono dalla cultura
Un'indagine alla quale ha collaborato anche l'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Cnr ha rivelato che, con il progressivo ritorno alla normalità, è forte il desiderio di tornare a fruire degli spazi culturali, soprattutto musei, cinema e teatri

Semplicemente Appia
Realizzato dall'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, il video racconta la storia della via consolare attraverso le parole del suo artefice, il censore Appio Claudio Cieco

Retake, a via dei Ramni torna il colore
Il volontari del movimento che combatte il degrado dell'area più “scientifica” della Capitale hanno avviato i lavori per la sistemazione della facciata posteriore del Cnr, imbrattata da scritte vandaliche

Roma, territorio dell’immaginario grazie all’archeologia
La città e i suoi beni monumentali hanno ispirato e fatto da scenografia a molti film, come sottolinea Augusto Palombini dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, ricordando il rapporto della Città eterna col cinema.

Maturità: perché nei sogni gli esami non finiscono mai
È un rito di transizione fondamentale, che segna l'ingresso nella vita adulta, eliminarlo a causa della pandemia avrebbe privato i ragazzi “di questo vissuto, di questo momento di passaggio, che è eterno ed è, come dice Freud, un ricordo indelebile”, spiega Anna Lo Bue dell'Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica del Cnr

“L’Urlo” torna al museo grazie al Cnr
Il dipinto di Munch potrà tra breve essere esposto di nuovo nell'omonimo museo di Oslo, grazie agli studi sull'opera condotti da un team internazionale coordinato dal Consiglio nazionale delle ricerche. I ricercatori hanno rilevato che a determinare il suo deperimento non è tanto la luce ma l'umidità

La pandemia influenza le parole
A evidenziarlo è Cristina Marras dell'Istituto per il lessico intellettuale delle idee del Cnr, che cita alcuni dei termini più usati da quando si è diffuso il Coronavirus: da infodemia a virale, fino al ricorso frequente a vocaboli legati alla guerra

Il Cnr a TourismA 2020
La pandemia in atto non permette di accedere a musei e siti archeologici, ma usando smartphone o pc è possibile ugualmente visitare i luoghi della cultura, grazie alle tecnologie digitali. A queste - come ci spiega Augusto Palombini - ricorre anche l'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, che al Salone archeologia e turismo culturale di quest'anno ha proposto alcune realizzazioni messe a punto dai suoi laboratori di Virtual Heritage: dal videogioco “Difendi le mura” alla ricostruzione digitale di città antiche. Un modo alternativo per confrontarsi con la conoscenza del passato e delle sue calamità