Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
Un principe per la difesa del mare

Un principe per la difesa del mare (RM file)

Dopo 84 anni, torna a Venezia il congresso della Commissione internazionale per la ricerca scientifica del Mar Mediterraneo (Ciesm).

A organizzare logisticamente l'evento, giunto alla 39° edizione, su delega del ministero dell'Ambiente, è stato l'Istituto di scienze marine (Ismar) del Consiglio nazionale delle ricerche, struttura impegnata negli studi sul Mediterraneo con sedi operative dislocate in varie regioni.

Il Mediterraneo è un mare estremamente vulnerabile, dove forti pressioni, legate alle attività antropiche e ai cambiamenti climatici, si aggiungono ai numerosi fattori naturali di rischio quali vulcani, frane e terremoti sottomarini.

Ad accogliere più di mille ricercatori provenienti da 26 nazioni diverse nelle scenografiche sale del Palazzo del cinema al Lido, il ministro italiano dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare Stefania Prestigiacomo e il Principe Alberto II di Monaco, presidente Ciesm.

Il Principe per l'occasione ha ribadito che "Il Mediterraneo non è solo un sistema fragile, ma è anche un indicatore per il controllo della situazione negli oceani aperti''.  

Durante la conferenza stampa abbiamo rivolto questa domanda al Principe Alberto: "Quando ha partecipato lo scorso anno alla spedizione in Antartide insieme a un gruppo di ricercatori, si è sentito un po' scienziato anche lei? E quanto ha contato tale esperienza nel gestire le linee strategiche Ciesm?".  Il Principe ha risposto: "Ho svolto un lungo viaggio in Antartide per conoscere le ricerche scientifiche che vi si svolgono. Con la mia visita ho voluto  anche celebrare con orgoglio  l'ingresso del Principato nel trattato dell'Antartide, grazie al quale anche i nostri ricercatori potranno contribuire agli studi su questo continente, dagli equilibri così fragili. E' stata davvero un'esperienza molto importante che mi ha permesso di capire meglio tanti fenomeni che oggi  coinvolgono l'ambiente planetario, compreso il nostro Mediterraneo. Dagli scienziati che ho incontrato in Antartide ho potuto ascoltare le preoccupazioni sui segnali di cambiamento del clima del nostro Pianeta, che qui appaiono molto evidenti. Dei tanti ricercatori che ho incontrato  ho apprezzato  la dedizione e la competenza, la tenacia con cui operano in condizioni ambientali estreme, per tempi lunghissimi. Ritengo sia stato un vero privilegio poter compiere questo viaggio e vivere questa esperienza di vicinanza con loro".

Silvia Mattoni, Claudio Barchesi

Altri video Ambiente

Un isolamento polare
Marco Casula, tecnico del Cnr-Isp, è in questi giorni in Artico, nella base Dirigibile Italia del Cnr a Ny-Alesund: l'unico luogo della Terra che assieme all'Antartide non è stato raggiunto dal Covid-19. La data del suo ritorno in Italia verrà decisa proprio in base all'andamento della pandemia

Una nuova tecnologia del Cnr-Irsa per depurare le acque
Il sistema, in corso di sperimentazione presso il depuratore di Putignano (Ba), si basa sul trattamento biologico di reflui con biomassa adesa ed è grado di ridurre fino all'80% la quantità di fango che si forma nella depurazione delle acque di scarico effettuata con le tecnologie tradizionali

L’Onu dichiara il decennio delle scienze oceaniche
Nel corso del primo workshop europeo preparatorio all'appuntamento, Rosalia Santoleri, direttore dell'Istituto di scienze marine del Cnr, ha sottolineato le opportunità offerte dall'iniziativa, che consentirà ai governi di attuare azioni efficaci per rendere il Mediterraneo più sano e sicuro

Del ghiacciaio della Marmolada non resterà più traccia
A suggerirlo è uno studio, al quale ha partecipato anche il Cnr-Ismar, che ha confrontato i dati di due rilievi geofisici effettuati sul ghiacciaio nel 2004 e nel 2015 e dal quale emerge come quella che prima era massa glaciale unica mostri ora in molti punti le masse rocciose sottostanti

Rist 2: cambiamenti climatici in alta quota
Li studia una ricerca coordinata dal Cnr-Irpi di Torino evidenziando l'interazione tra Climate change e dinamiche geomorfologiche in ambiente glaciale e periglaciale

Cnr-Scitec: nuovo polo chimico per sfide globali
La struttura, nata a Milano dalla fusione di tre istituti dell'Ente, mira a valorizzare settori strategici, quali energia e alimentazione, in un'ottica di sostenibilità

Temperatura e biodiversità marine. Un modello previsionale
La tecnica, messa a punto dai ricercatori del Cnr-Ismar, consente di comprendere come le specie marine si adattano al cambiamento delle temperature

Artico: Bussetti visita la stazione di ricerca del Cnr
Ad accompagnare il ministro, il presidente dell'Ente Massimo Inguscio, che ha sottolineato l'importanza della ricerca polare italiana, strategica per lo studio del riscaldamento globale

Bluemed, il libro bianco del Mediterraneo
Il volume è stato presentato a Roma, presso la sede del Cnr, alla presenza tra gli altri del presidente e del direttore del Dipartimento terra e ambiente

Cnr protagonista all’Isola della sostenibilità
La manifestazione mira a informare i giovani sui temi dello sviluppo sostenibile attraverso laboratori, talk, spettacoli