Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
Un principe per la difesa del mare

Un principe per la difesa del mare (RM file)

Dopo 84 anni, torna a Venezia il congresso della Commissione internazionale per la ricerca scientifica del Mar Mediterraneo (Ciesm).

A organizzare logisticamente l'evento, giunto alla 39° edizione, su delega del ministero dell'Ambiente, è stato l'Istituto di scienze marine (Ismar) del Consiglio nazionale delle ricerche, struttura impegnata negli studi sul Mediterraneo con sedi operative dislocate in varie regioni.

Il Mediterraneo è un mare estremamente vulnerabile, dove forti pressioni, legate alle attività antropiche e ai cambiamenti climatici, si aggiungono ai numerosi fattori naturali di rischio quali vulcani, frane e terremoti sottomarini.

Ad accogliere più di mille ricercatori provenienti da 26 nazioni diverse nelle scenografiche sale del Palazzo del cinema al Lido, il ministro italiano dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare Stefania Prestigiacomo e il Principe Alberto II di Monaco, presidente Ciesm.

Il Principe per l'occasione ha ribadito che "Il Mediterraneo non è solo un sistema fragile, ma è anche un indicatore per il controllo della situazione negli oceani aperti''.  

Durante la conferenza stampa abbiamo rivolto questa domanda al Principe Alberto: "Quando ha partecipato lo scorso anno alla spedizione in Antartide insieme a un gruppo di ricercatori, si è sentito un po' scienziato anche lei? E quanto ha contato tale esperienza nel gestire le linee strategiche Ciesm?".  Il Principe ha risposto: "Ho svolto un lungo viaggio in Antartide per conoscere le ricerche scientifiche che vi si svolgono. Con la mia visita ho voluto  anche celebrare con orgoglio  l'ingresso del Principato nel trattato dell'Antartide, grazie al quale anche i nostri ricercatori potranno contribuire agli studi su questo continente, dagli equilibri così fragili. E' stata davvero un'esperienza molto importante che mi ha permesso di capire meglio tanti fenomeni che oggi  coinvolgono l'ambiente planetario, compreso il nostro Mediterraneo. Dagli scienziati che ho incontrato in Antartide ho potuto ascoltare le preoccupazioni sui segnali di cambiamento del clima del nostro Pianeta, che qui appaiono molto evidenti. Dei tanti ricercatori che ho incontrato  ho apprezzato  la dedizione e la competenza, la tenacia con cui operano in condizioni ambientali estreme, per tempi lunghissimi. Ritengo sia stato un vero privilegio poter compiere questo viaggio e vivere questa esperienza di vicinanza con loro".

Silvia Mattoni, Claudio Barchesi

Altri video Ambiente

Chimica sostenibile: una soluzione alle grandi sfide dell’umanità
Lidia Armelao, direttore del Dipartimento di scienze chimiche e tecnologie dei materiali del Cnr, spiega come la Green Chemistry intende riconvertire le vecchie tecnologie in nuovi processi, ridurre l'inquinamento e sviluppare prodotti che possano ridurre l'impatto sull'ambiente

Il Cnr-Iret misura gli scambi di carbonio
Quanta anidride carbonica viene assorbita dalle piante? E quanto è importante lo scambio? A queste domande aiuta a rispondere la stazione dell'Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del  Cnr, posta nel sempreverde bosco di Capodimonte e con un ruolo cruciale nell'ottica del Piano verde europeo

Nuvole: perché studiarle?
Vincenzo Levizzani, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, spiega perché le nubi forniscono preziose informazioni per lo studio della meteorologia e del clima

Come vivere in Antartide
In questa zona del Pianeta il freddo è un nemico, bisogna quindi prestare la massima attenzione all'abbigliamento e ai sistemi di sicurezza. Alberto Salvati dell'Ufficio Ict del Consiglio nazionale delle ricerche racconta come vivere al meglio al Polo Sud

Un picnic tra le nuvole (in bottiglia)
L'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr partecipa al “Picnic Science”, evento  europeo di promozione della scienza “outdoor” organizzato in Polonia e fruibile online, proponendo esperimenti che spiegano l'influenza dei fenomeni atmosferici sulla meteorologia e sul clima

Gli incendi e l’Artico
“Pillole social” è un progetto divulgativo per  presentare le attività dei ricercatori italiani impegnati nello studio dell'aerosol atmosferico nella regione artica, antartica e nelle stazioni remote d'alta quota. Brevi video, realizzati in collaborazione con l'Istituto di scienze polari del Cnr, illustrano l'importanza dello studio di questa matrice ambientale e spiegano al pubblico perché venga esaminata proprio in queste aree remote

Cacciatori di microplastiche
A Portofino, scienziati e cittadini, a bordo di kayaks, effettuano  la raccolta della plastica in mare con speciali retini. È “Micro Plastic Hunters”, un progetto che coinvolge varie strutture - da Mrevivo  a Lega navale  italiana– ed è coordinato dall'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino  del Cnr

Il Cnr aggiorna la voce “acqua” della Treccani
Il Consiglio nazionale delle ricerche promuove e realizza numerosi studi sulle risorse idriche del Pianeta e, per le sue ampie competenze sulla materia, è stato incaricato di aggiornare la voce “acqua” dall'Enciclopedia italiana Treccani-X appendice-Parole del XXI secolo. A curare questo approfondimento è stato Vito Uricchio dell'Istituto di ricerca sulle acque del Cnr

BlueMed: la sfida per l’economia blu
Si è  concluso il progetto europeo coordinato dal Cnr BlueMed, che ha coinvolto i ventidue Stati che si affacciano sul Mediterraneo con lo scopo di definire le priorità per la salvaguardia e l'economia sostenibile del bacino