Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Salute
Mvm, il ventilatore meccanico per l’emergenza Covid-19

Un prototipo di ventilatore meccanico a basso costo e replicabile rapidamente su larga scala, da utilizzare nelle terapie intensive per l'emergenza Coronavirus. È l'obiettivo del progetto Mvm (Milano ventilatore meccanico), nato su iniziativa del fisico Cristiano Galbiati e che ha visto la partecipazione spontanea di oltre 150 ricercatori di diverse nazionalità. Gli Istituti  di sistemi e tecnologie industriali intelligenti per il manifatturiero avanzato (Stiima) e per la scienza e tecnologia dei plasmi (Istp) del Cnr di Milano, partner del progetto internazionale, hanno contribuito all'ottimizzazione di circuiti e sensori, al controllo intelligente e al supporto per la validazione clinica.

“I nostri ricercatori, insieme a giovani dottorandi dell'università Milano Bicocca, bloccati a casa dal lockdown, hanno  identificato le componenti principali del sistema, quali, ad esempio, le valvole pneumatiche e i sensori di ossigeno”, spiega Marco Tardocchi del Cnr-Istp. “Altri ricercatori hanno lavorato direttamente sul campo, presso l'azienda Elemaster, dove è stato realizzato il ventilatore polmonare”.

“Il prototipo è stato testato nell'ospedale San Gerardo di Monza dell'Università Milano-Biccocca, dove è presente un avanzato simulatore capace di riprodurre le caratteristiche dei polmoni di un paziente affetto da Covid-19″, aggiunge Giacomo Bianchi del Cnr-Stiima.

La nuova tecnologia sarà open source, per facilitarne la riproduzione industriale in ogni parte del mondo. Il ventilatore ha già ricevuto la certificazione dall'americana Food and Drug Administration, per il suo uso in condizioni d'emergenza.

Altri video Salute

Sars-Cov 2: un nemico ancora attivo che richiede prudenza
Giovanni Maga, virologo dell'Istituto di genetica molecolare del Cnr, sottolinea come, sebbene il Coronavirus circoli meno in questo periodo, è probabile che “con la nuova stagione invernale, il virus riprenderà a circolare in maniera più intensa; dobbiamo perciò essere preparati ad affrontare e isolare immediatamente i nuovi casi quando si presenteranno”

ProteCHt2save: la tutela dei beni culturali in un clima che cambia
Il progetto europeo “ProteCHt2save”, che vede la partecipazione del Cnr-Isac di Bologna, ha l'obiettivo di migliorare le capacità di tutela pubblica e privata dei monumenti, sempre più a rischio a causa degli effetti dei cambiamenti climatici

La prevenzione più efficace? La mascherina
A sostenere che questo è attualmente l'unico presidio che riduce il rischio di infettarsi è Luisa Bracci Laudiero del Cnr-Ifc, che cita recenti esperimenti dai quali emerge che la percentuale dei soggetti non protetti che si infetta è del 67%, contro il 16% di chi la utilizza

Rimettiamoci in moto, a partire dalla tavola
Il lockdown dovuto alla pandemia ha influito negativamente sul nostro stile di vita riducendo l'attività fisica e spingendoci a mangiare di più. È importante ora migliorare le nostre abitudini e adottare un'alimentazione corretta, scegliendo i cibi della Dieta mediterranea

Covid fase 2: la sanificazione delle chiese
A dare indicazioni sulle modalità corrette per operarla è Matteo Guidotti dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Cnr di Milano, che sottolinea come in questi luoghi siano sconsigliate alcune delle soluzioni igienizzanti adeguate invece per un uso domestico

Una app per controllare a distanza i pazienti
Per supportare il settore sanitario, sotto pressione per la pandemia di Coronavirus, gli Istituti di fisiologia clinica e di scienze e tecnologie del Cnr di Pisa hanno realizzato un'applicazione che permette il monitoraggio a distanza dei pazienti

Coronavirus: come sanificare le superfici
Matteo Guidotti dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Cnr spiega come preparare disinfettanti in casa, utilizzando prodotti come alcol, acqua ossigenata o candeggina, ai quali va aggiunta acqua potabile

La peste nella storia di Napoli
Prima dell'affermazione dello Stato sociale, nel nostro Paese soccorsi e assistenza sanitaria erano basati sulla beneficienza, sui lasciti e sulle donazioni. In tal modo venne gestita anche l'emergenza provocata dall'epidemia di peste che colpì Napoli nel 1656, provocando la morte di metà della popolazione della città campana, come spiega Raffaella Salvemini del Cnr-Ismed

Sostieni insieme a noi la ricerca
Fino al 16 aprile è possibile sostenere la ricerca del Cnr per lo studio di terapie innovative sul Coronavirus, facendo una donazione al numero 45587 con un sms o con una chiamata da rete fissa. Partner dell'iniziativa la Lega Serie B e gli ospedali pediatrici Bambino Gesù, Gaslini, Mayer

Cos’è il Coronavirus
Lo spiega Giovanni Maga, virologo dell'Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche, nel video di due minuti che inaugura il nuovo spazio di informazione “Il Cnr risponde” visibile sulla Web tv, ma anche sul portale e sui canali social dell'Ente