Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio Tematico

Salute

1  | 2  | 3  | 4  | 5  | 6  | 7  | 8  | 9  | 10  | 11  | 12  | 13  | 14  | 15  | 16  | 17  | 18  | 19  | 20  | 21  | 22  | 23  | 24  | 25  | 26  | 27  | 28  | 29  | 30  | 31  | 32  | 33  | 34  | 35  | 36  | 37  | 38  | 39  | 40  | 41  | 42  | 43  | 44  | 45  | 46  | 47  | 48  | 49  | 50  | 51  | 52  | 53  | 54  | 55  | 56  | 57  | 58  | 59  | 60  | 61  | 62  | 63  | 64  | 65  | 66  | 67  | 68  | 69  | 70  | 71  | 72  | 73  | 74  | 75  | 76  | 77  | 78  | 79  | 80  | 81  | 82  | 83  | 84  | 85  | 86  | 87  | 88  | 89  | 90  | 91  | 92  | 93  | 94  | 95  | 96  | 97

“La strada”: tutte le vite hanno uno scopo

Amore, purezza, egoismo, dolore. Sono alcune delle tante emozioni che Fellini trasmette nel film, premio Oscar come miglior opera straniera nel 1957. Attraverso il mondo circense e personaggi emarginati - rozzi come Zampanò, o affetti da disabilità mentali come Gelsomina - il regista tocca in realtà aspetti essenziali del rapporto tra adulti normodotati e bambini o persone affetti da disturbi psichici. Ne abbiamo parlato con Rosa Anna Vacca, ricercatrice del Cnr-Ibiom, che evidenzia come proprio nel mondo fantastico, che l'arte esprime con grande efficacia, si possano trovare punti di contatto e strategie terapeutiche


pubblicato in: Focus nell'Almanacco N 12 17 GIU 2020

Il ballo, un'attività benefica per il cervello

Il ballo di coppia è un'attività che diverte, favorisce la sintonia con il proprio partner, consente di svolgere esercizio fisico, di migliorare la coordinazione e ha effetti positivi sull'umore. E gli effetti positivi sono anche per gli anziani, come sottolinea Marzia Baldereschi dell'Istituto di neuroscienze del Cnr, che ricorda come studi recenti abbiano evidenziato la capacità della danza di favorire il mantenimento della neuroplasticità cerebrale


pubblicato in: Focus nell'Almanacco N 12 17 GIU 2020

Terme, un bagno di salute

Le terme dove il protagonista di “8 e 1/2”, alter ego di Fellini che era un frequentatore di quelle di Chianciano, si reca per rilassarsi e combattere la stanchezza cardiaca, sono effettivamente utili per i disturbi cardiaci, ma anche nel trattamento di molti altri, come spiega Giorgio Iervasi, cardiologo e direttore dell'Istituto di fisiologia clinica del Cnr. “Comunemente si pensa che le cure idrotermali siano inappropriate, addirittura dannose per I cardiopatici, ma le evidenze scientifiche lo smentiscono”. Non per nulla questa tradizione, dall'antica Roma, è arrivata ai giorni nostri, determinando lo sviluppo di una forma di “turismo sanitario” adatto a tutte le età


pubblicato in: Focus nell'Almanacco N 12 17 GIU 2020

Centri sportivi: istruzioni per una riapertura sicura

Dal 25 maggio scorso hanno potuto riprendere l'attività anche le palestre, strutture in cui di solito si radunano contemporaneamente molte persone, effettuando sforzi intensi e toccando superfici e attrezzi condivisi con altri individui. Matteo Guidotti, dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche "Giulio Natta" del Cnr di Milano, spiega come renderle sicure per i frequentatori in questo periodo di Coronavirus


pubblicato in: Focus nell'Almanacco N 11 3 GIU 2020

Quando star bene è una questione di testa

Diabete, ipertensione, stanchezza cronica sono alcuni dei sintomi che possono essere causati dallo stress. Le tecniche di rilassamento, come la mindfulness, possono diminuirlo e produrre effetti positivi sul cervello, come spiega Marco Mirolli dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Cnr di Roma. Alcuni risultati già lo ipotizzano, per esempio sull'ippocampo, l'area deputata alla cognizione spaziale e all'apprendimento, “testare sperimentalmente quest'ipotesi sarà una bella sfida per la ricerca futura”


pubblicato in: Focus nell'Almanacco N 11 3 GIU 2020

Vigoressia, quando il sano è troppo

Il Manuale di diagnostica e statistica dei disturbi mentali la colloca fra i disturbi ossessivo-compulsivi. “In Italia si stima la presenza di almeno 60.000 individui soggetti, la fascia di età più colpita è quella tra i 25 e i 35 anni, seguita dai 18-24enni; l'esordio spesso si manifesta durante l'adolescenza. Fra i 15 e i 19 anni le sostanze dopanti per migliorare il proprio aspetto fisico più diffuse sono steroidi anabolizzanti (29.5%), diuretici (31.4%), ormoni della crescita (29.1%) e modulatori metabolici (27.6%)", specifica Francesca Denoth, nutrizionista dell'Istituto di fisiologia clinica del Cnr


pubblicato in: Focus nell'Almanacco N 11 3 GIU 2020

1  | 2  | 3  | 4  | 5  | 6  | 7  | 8  | 9  | 10  | 11  | 12  | 13  | 14  | 15  | 16  | 17  | 18  | 19  | 20  | 21  | 22  | 23  | 24  | 25  | 26  | 27  | 28  | 29  | 30  | 31  | 32  | 33  | 34  | 35  | 36  | 37  | 38  | 39  | 40  | 41  | 42  | 43  | 44  | 45  | 46  | 47  | 48  | 49  | 50  | 51  | 52  | 53  | 54  | 55  | 56  | 57  | 58  | 59  | 60  | 61  | 62  | 63  | 64  | 65  | 66  | 67  | 68  | 69  | 70  | 71  | 72  | 73  | 74  | 75  | 76  | 77  | 78  | 79  | 80  | 81  | 82  | 83  | 84  | 85  | 86  | 87  | 88  | 89  | 90  | 91  | 92  | 93  | 94  | 95  | 96  | 97