Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 7 - 16 giu 2010
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Tecnologia

Il cielo come laboratorio

L'università di Padova, l'osservatorio astronomico di Asiago e dieci scuole 'Polo', presso cui convergono ventidue scuole venete, coinvolti  in un'originale esperienza: 'Il cielo come laboratorio'. Studenti appassionati di astronomia e insegnanti, dopo le normali lezioni scolastiche, passano alcune notti all'osservatorio facendo osservazioni al telescopio, studiando la fisica e l'astronomia e seguendo conferenze di esperti.

Promossa dall'Università di Padova una decina di anni fa, l'iniziativa ha portato i ragazzi dei licei a fare esperimenti e osservazioni in cielo con il telescopio dell'Osservatorio di Asiago. Tale è stato il successo in questi anni che il ministero dell'Università e dell'istruzione ha supportato il progetto con finanziamenti, consentendo di portarlo avanti ed estenderlo. "Così dal prossimo anno scolastico, gli studenti dei licei partecipanti potranno fare le loro osservazioni sul telescopio più grande d'Italia direttamente da un computer installato nelle loro scuole", spiega Paolo Rafanelli, direttore del dipartimento di Astronomia dell'università di Padova.

L'obiettivo del progetto è stato raggiunto trasmettendo l'amore per la fisica e l'astronomia e facendo appassionare molti studenti delle scuole venete, per il momento. Ma c'è in cantiere l'idea di estendere il controllo remoto in tutta Italia, mettendo in rete tutti i nostri telescopi e gli osservatori. "Finora hanno aderito gli osservatori di Firenze, Napoli e Teramo mentre Catania sta per farlo", aggiunge Rafanelli. "Se andrà in porto, da Asiago potremo osservare il cielo di Firenze, a Teramo quello di Napoli e così via".

Ma a breve, "Quando funzionerà la rete  in Italia, chiederò all'Eso (European organization for astronomical research in southern hemisphere) di mettere in controllo remoto uno dei loro telescopi, e uno nel Messico". Dall'Italia i ragazzi potranno osservare i cieli dell'emisfero sud.