Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 26 mag 2010
ISSN 2037-4801

Vita CNR   a cura di Francesca Gorini

Tecnologia

Laboratorio Luxor,  'new entry' dell'Ifn di Padova

Con l'acquisizione di una nuova sede interna all'Istituto, il Laboratorio Luxor - Laboratory for ultraviolet and X-ray optical research - diventa parte integrante dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie (Ifn) del Cnr con sede a Padova.

Prosegue così il processo di  riorganizzazione delle strutture di ricerca facenti capo all'Istituto nazionale per la fisica della materia (Infm): la nascita  del laboratorio risale infatti al 2002, quando fu istituito come centro regionale  con la finalità di attuare  ricerca di base e applicata nel campo dell'ottica, con particolare attenzione al trasferimento tecnologico sul territorio. Ospitata fino al dicembre 2009 all'interno del dipartimento di Ingegneria dell'informazione dell'università di Padova, oggi la struttura dispone di una nuova sede, nell'ambito della  convenzione e della decennale collaborazione tra  il Cnr e l'ateneo, da sempre molto sensibile al tema dell'innovazione tecnologica. All'inaugurazione, hanno partecipato numerosi rappresentanti del mondo accademico e della ricerca.

 "Il laboratorio", ha affermato il responsabile Luca Poletto, "è riconosciuto a livello internazionale in numerosi settori di punta della ricerca nell'ottica applicata. Le nostre attività vanno dalla progettazione di strumentazione per lo spazio alla ricerca sui film sottili, dalle comunicazioni quantistiche all'ottica adattiva e alla strumentazione nell'estremo ultravioletto".

Parte dell'attività di Luxor si rivolge alle aziende: non è un caso che proprio qui siano 'partite' le attività di società spin off sia del Cnr, quali  Phoenix Ricerca e Tecnologie Ottiche, sia dell'università di Padova, Think Laser, L-pro e Adaptica.

Oggi al Luxor operano 35 persone tra  ricercatori Cnr, personale  universitario e un folto numero di giovani (assegnisti, dottorandi, collaboratori di ricerca); i fondi di finanziamento provengono da enti di ricerca italiani ed europei e significativa è la parte  derivante da contratti esterni con aziende e industrie. 

Fonte: Luca Poletto, Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr, Padova, tel. 049/7897076 , email poletto@dei.unipd.it -