Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 6 apr 2016
ISSN 2037-4801

Focus - Anniversari  

Cultura

Il genio di Enrico Fermi

Il 24 marzo 1926, nel periodo in cui era professore dell'Università di Firenze, Enrico Fermi inviò alla rivista tedesca 'Zeitschrift für Physik' il suo famoso articolo sulla quantizzazione del gas perfetto monoatomico, in cui descrisse per la prima volta il comportamento delle particelle che, dopo di lui, furono chiamate 'fermioni'.

“Fermi è stato professore incaricato presso l'Università di Firenze dal gennaio del 1925 fino all'autunno del 1926 e questo periodo è stato di fondamentale importanza per la fisica moderna”, afferma Leonardo Fallani, associato all'Istituto nazionale di ottica (Ino) del Cnr e professore dell'Università di Firenze. “Il lavoro relativo alla statistica quantistica di un gas di atomi ha infatti permesso di comprendere il comportamento delle particelle che chiamiamo 'fermioni', ossia i mattoni fondamentali della materia, come ad esempio elettroni, protoni, neutroni e quarks”.

La statistica di Fermi ha ricadute in molteplici settori, "alcuni dei quali hanno portato allo sviluppo di tecnologie che fanno ormai parte della vita quotidiana, per esempio quelle legate allo sviluppo dell'elettronica”, continua Fallani. “Anche oggi a Firenze, nei laboratori del Cnr e nel Laboratorio europeo di spettroscopie non lineari (Lens), si continuano a studiare gas di fermioni raffreddati a temperature vicino allo zero assoluto per avere la possibilità di indagare le leggi fondamentali dell'Universo e sviluppare tecnologie sempre più avanzate”.

Il genio dello scienziato e il suo legame con Firenze la città sono stati celebrati con l'evento Enrico Fermi a Firenze. A 90 anni dal suo fondamentale contributo alla Fisica moderna', un incontro organizzato presso il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio da Università degli studi di Firenze, Ino-Cnr, Lens e Pianeta Galileo, con il patrocinio del Comune e in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale della Toscana. L'evento ha visto la partecipazione di un vasto pubblico, tra cui oltre 300 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Tra i relatori, Roberto Casalbuni dell'Università di Firenze, il rettore dell'Università Luigi Dei, la vicesindaca Cristina Giachi, il presidente Cnr Massimo Inguscio e Domenico Petruzzo dell'Ufficio scolastico regionale.

Elisabetta Baldanzi

Fonte: Leonardo Fallani, Istituto nazionale di ottica del Cnr di Firenze, tel. 055/4572024, 055/4572216 , email leonardo.fallani@unifi.it -